Rapsodia su un tema di Paganini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rapsodia su un tema di Paganini
RahmaninovPaganiniInverzija-slo.PNG
Variazione 18, inversione melodica
Compositore Sergej Vasil'evič Rachmaninov.
Tonalità la minore
Numero d'opera 43
Epoca di composizione 1934
Prima esecuzione Baltimora, 7 novembre 1934
Pubblicazione Charles Foley, New York, 1934
Durata media 23'
Organico

pianoforte solista, ottavino (manca nella terza versione), 2 flauti (3 nella terza versione), 2 oboi (3 nella terza versione), corno inglese (manca nella terza versione), 2 clarinetti, 2 fagotti, 4 corni, 2 trombe, 3 tromboni, tuba, timpani, triangolo, tamburo, piatti, grancassa, glockenspiel, arpa, archi

Movimenti

Introduzione e 24 variazioni

La Rapsodia su un tema di Paganini, op. 43 (in russo Рапсодия на тему Паганини) è un'opera tarda del compositore, pianista e direttore d'orchestra russo Sergej Vasil'evič Rachmaninov.

Storia della composizione[modifica | modifica wikitesto]

Composta nella villa che Rachmaninov possedeva a Lucerna, in Svizzera, nell'estate del 1934, la Rapsodia fu eseguita la prima volta e con grande successo il 7 novembre dello stesso anno alla Lyric Opera House di Baltimora, con l'autore stesso come solista e Leopold Stokowski alla direzione della Philadelphia Orchestra. Il 24 dicembre dello stesso anno gli stessi incisero la prima registrazione dell'opera, che fu premiata con il Grammy Hall of Fame Award 1979.

La rapsodia viene elaborata sul tema del Capriccio op. 1, n. 24 di Niccolò Paganini, che aveva ispirato in precedenza altri noti compositori come Robert Schumann, Franz Liszt e Johannes Brahms.

Struttura della composizione[modifica | modifica wikitesto]

La Rapsodia è strutturata in 24 variazioni. Malgrado esse si susseguano senza soluzione di continuità, la composizione può essere divisa in tre macrosequenze che corrispondono ai tre movimenti di un concerto: la prima parte comprende le variazioni 1-11, la seconda (più lenta) va dalla 12 alla 18, mentre le rimanenti variazioni formano il finale. Il lento e melodico Andante cantabile (variazione 18) è di gran lunga la sezione più conosciuta dell'opera. In essa il compositore utilizza lo stesso tema delle altre, creando però un'inversione speculare dell'andamento melodico.

  • Introduzione: Allegro vivace - Variazione I (Precedente)
  • Tema: L'istesso tempo
  • Variazione II: L'istesso tempo
  • Variazione III: L'istesso tempo
  • Variazione IV: Più vivo
  • Variazione V: Tempo precedente
  • Variazione VI: L'istesso tempo
  • Variazione VII: Meno mosso, a tempo mederato
  • Variazione VIII: Tempo I
  • Variazione IX: L'istesso tempo
  • Variazione X: L'istesso tempo
  • Variazione XI: Moderato
  • Variazione XII: Tempo di minuetto
  • Variazione XIII: Allegro
  • Variazione XIV: L'istesso tempo
  • Variazione XV: Più vivo scherzando
  • Variazione XVI: Allegretto
  • Variazione XVII: Allegretto
  • Variazione XVIII: Andante cantabile
  • Variazione XIX: A tempo vivace
  • Variazione XX: Un poco più vivo
  • Variazione XXI: Un poco più vivo
  • Variazione XXII: Un poco più vivo (Alla breve)
  • Variazione XXIII: L'istesso tempo
  • Variazione XXIV: A tempo un poco meno mosso

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica