RapeLay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
RapeLay
Rapelay.jpg
Titolo originale レイプレイ
Sviluppo Illusion
Pubblicazione Illusion
Data di pubblicazione 21 aprile 2006
Genere Avventura grafica
Tema Erotico
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Microsoft Windows
Supporto 2 DVD
Periferiche di input Mouse

RapeLay (レイプレイ Reipurei?) è un videogioco erotico in grafica 3D realizzato dalla Illusion, e pubblicato il 21 aprile 2006 in Giappone. Rispetto alle precedenti opere della Illusion, RapeLay ha una storia meno complessa e più breve, ma un motore grafico migliore ed è interamente giocabile soltanto col mouse. Il videogioco segue il personaggio maschile controllato dal giocatore, che perseguita e stupra ripetutamente una donna e le sue due figlie. Tre anni dopo la sua pubblicazione, il gioco ha generato attenzione mediatica internazionale e suscitato grandi polemiche.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver molestato in un treno la giovane Aoi Kiryū, Kimura Masaya viene arrestato, ma essendo figlio di un importante politico riesce a cavarsela facilmente ed uscire immediatamente dal carcere. Per vendicarsi, Masaya inizia a tormentare sia Aoi, sia sua madre Yuuko sia sua sorella minore Manaka, stuprandole selvaggiamente ed in più occasioni. Alla fine Masaya rapisce tutte e tre le donne e le stupra insieme. Il gioco può concludersi in due modi:

  • "Black ending"[1]: il protagonista maschile mette incinta una delle tre donne e decide di tenere il figlio; tuttavia muore alcuni giorni dopo cadendo sui binari del treno.
  • "Red ending"[1]: poco dopo aver stuprato Aoi, la ragazza accoltella il suo stupratore più e più volte uccidendolo.[2]

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

Il giocatore può scegliere fra molteplici posizioni sessuali e controllare l'azione riproducendo i movimenti con il mouse o scorrendo la rotellina del mouse, attraverso un realistico sistema del simulazione dell'atto sessuale.

Dopo aver completato la storia del gioco e aver avuto rapporti sessuali con tutte e tre le protagoniste femminili, viene data al giocatore la possibilità di scegliere tra sei differenti modalità di gioco:

  • Nozoki mode, dove il giocatore può guardare una delle varie protagoniste alla stazione ferroviaria e vedere la sua biancheria intima facendo alzare la gonna con una folata di vento. Dopo aver soddisfatto alcuni obiettivi il giocatore può rimuovere i vestiti alla protagonista ed utilizzare un vibratore.[2]
  • Chikan mode simile alla Nozoki mode, ad eccezione del fatto che l'azione si svolge all'interno di un vagone ferroviario.[2]
  • Two player o "2P", In questa modalità, il giocatore può simulare un rapporto sessuale con una delle tre protagoniste femminili, senza le restrizioni legate alla trama del videogioco.[2]
  • Five player o "5P", Simile alla Two Player ma con altri tre uomini oltre al giocatore.[2]
  • Shippo, anche conosciuta come "3P" o "4P". In questa modalità, il giocatore può avere rapporti sessuali con due o tre delle protagoniste femminili.[2]
  • Neko-Kappa mode Modalità attivabile solo tramite il Botuplay Extra CD. In questa modalità il giocatore può avere rapporti sessuali BDSM con due o tre delle protagoniste femminili legate.[2]

Controversia[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente, alcune recensioni di siti specializzati avevano espresso "orrore" nei confronti della trama del gioco.[3][4] Il membro del parlamento britannico Keith Vaz, aveva parlato di giochi che includevano scene di violenze sessuali come motivo per regolamentare maggiormente la censura nei videogiochi.[5]

RapeLay in particolar modo era arrivato all'attenzione di Vazm, in quanto liberamente acquistabile su Amazon.com, e voleva fare in modo che il gioco non arrivasse nei negozi britannici. Tuttavia anche Amazon ha rapidamente rimosso il videogioco dal sito.[6] L'organizzazione Equality Now in seguito, ha fatto pressione affinché fosse scritta una lettera di protesta alla Illusion Soft ed al primo ministro Taro Aso, argomentando sul fatto che il videogioco violasse gli obblighi assunti nel 1985 con la convenzione sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione della donna.[7] Tutte queste azioni sono culminate con alcune restrizioni nella vendita e nella produzione diRapeLay imposte dalla Ethics Organization of Computer Software (EOCS), una organizzazione giapponese sul trattamento del materiale videoludico per adulti, rendendo praticamente impossibile il reperimento di RapeLay.[8]

Sono stati scritti anche articoli in difesa del videogioco, e in molti veniva fatto notare che lo stupro è un crimine minore rispetto all'omicidio, ma nonostante ciò sono tranquillamente in commercio decine di giochi in cui lo scopo è uccidere il proprio avversario.[9] L'unica risposta della Illusion Soft in merito alla polemica è stata confermare che il videogioco non viola alcuna legge del Giappone, unico paese in cui è ufficialmente venduto.[7] In seguito, la Illusion ha rimosso qualunque riferimento al gioco dal proprio sito, ed ha cessato la sua distribuzione.[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b RapeLay Overview, Illusion. URL consultato il 9 aprile 2008.
  2. ^ a b c d e f g bunnygirl's RapeLay FAQ, JSEMTS. URL consultato il 9 aprile 2008.
  3. ^ RapeLay, Something Awful. URL consultato il 9 aprile 2008.
  4. ^ RapeLay (PC), Honest Gamers. URL consultato il 9 aprile 2008.
  5. ^ Susan Arendt, UK Politician Claims Games Feature Virtual Rape in Wired. URL consultato il 25 marzo 2008.
  6. ^ Gary Fennelly, Exclusive: Amazon selling rape simulation game in Belfast Telegraph. URL consultato il 12 febbraio 2009.
  7. ^ a b Japan software firm shrugs off rape game protests, Yahoo! Tech. URL consultato il 28 maggio 2009.
  8. ^ (JA) Party sets up a team to strengthen restriction on sexual violence games (性暴力ゲーム規制強化へ、与党が流通歯止め検討チーム), Yomiuri Shimbun. URL consultato il 28 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 2009-05-30).
  9. ^ Thomsen, Mike, A Brief History of Videogame Controversy, IGN. URL consultato il 28 maggio 2009.
  10. ^ (JA) Announcement from Illusion (ILLUSIONからのお知らせです), Illusion Soft. URL consultato il 28 maggio 2009.