Ranieri di Toscana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ranieri di Toscana dei Marchesi Bourbon del Monte Santa Maria (..., ... – ..., 1027 circa) fu marchese di Toscana dal 1014 circa fino alla sua morte e, suppostamente, anche duca di Spoleto e Camerino.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La tradizione vuole che Ranieri fosse uno dei figli del conte Arduino e della contessa Willa di Ugo, o Gisla, nata dal Marchese Ugo Salico e dalla contessa Giulitta. Ma l' origine leggendaria di Ranieri non regge all' evidenza storica dato che Ranieri era già al governo della Toscana quando ebbe luogo il matrimonio tra Willa e Arduino.

Documentato è invece il fatto che Ranieri nacque nel secolo X da un conte Guido Ripuario di cui però non è chiaro se quel Conte Guido fosse figlio del conte Teudegrimo, che verso il 927 divenne intimo di re Ugo e che fu poi capostipite dei Conti Guidi, oppure se apparteneva ai conti Alberti di Panico e di Vernio, tutti di origine e Legge Ripuaria. I più vogliono il Conte Guido padre del Marchese Ranieri I nato da un Marchese Ugo fondatore nel 960 della Badia di S. Maria in Petrojo posta nel contado di Perugia. Comunque sia è storicamente accertato che Ranieri fu fratello di Elemperto o Alimberto vescovo di Arezzo.

Ranieri successe al governo della Toscana dopo la morte del Marchese Bonifacio III e forse anche in quello di Camerino e di Spoleto. Infatti un placito del 1014, citato nella cronica di Farfa[1], venne siglato nella torre di Corneto, l' odierna Tarquinia, presso Civitavecchia dal Marchese e Duca Ranieri a favore dell’Abate di Farfa la cui Badia, trovandosi nella Sabina, era compresa nella Marca e governo ducale di Spoleto. Quindi se Ranieri legiferava in quel e su quel territorio significa probabilmente che ne fosse anche signore.

Nello stesso anno ebbe luogo pure in Corneto un giudicato tenuto da un gastaldo del Duca e Marchese Ranieri a favore dell’Abate Winizzone del Monastero Amiatino rispetto a certi beni che questa Badia possedeva presso il fiume Marta, mentre un altro gastaldo di quel toparca nell’ottobre di quell’anno assisteva in Gregnano nella Val Tiberina, oggi frazione di Caprese Michelangelo, ad una permuta di beni.

Fra i documenti relativi a Ranieri l’Archivio Diplomatico Fiorentino ne possiede uno del 2 aprile 1015 secondo il quale il Marchese Ranieri figlio del Conte Guido fece dono alla Badia Amiatina di un pezzo di terra posto nel distretto di Corneto per suffragare le anime del fu Marchese Ugo e della Contessa Waldrada nata da Guglielmo sua moglie e per l’anima di Ranieri loro figlio infante.

Quest’ultimo documento quindi conferma che il Duca e Marchese Ranieri ebbe in moglie una Contessa Waldrada figlia di un tal Guglielmo e che era padre nel 1015 di un altro Ranieri. Proprio questa pergamena è all' origine della confusione sulla paternità di Ranieri dato che nei secoli i vari genealogisti ritenevano che Ranieri onorasse la memoria dell' Ugo Salico. In realtà quell' ugo sarebbe da intendersi come l' Ugo marchese ripuario dei Bourbon del Monte di Santa Maria, quello cioè che nel 960 fondò sul Nestore la Badia di Santa Maria in Petroio nel contado di Perugia.

Sempre nel 1015 Ranieri fece restituire ai monaci della Badia di Marturi, presso Poggibonsi, molti beni che le erano stati tolti dal suo antecessore anche se gli Annalisti Camaldolensi sostengono che una parte di quelle sostanze Ranieri, in qualche modo, se le fosse tenute per sé. In quell' anno, inoltre, un altro gastaldo del Marchese Ranieri, con placito del 27 febbraio in Stazzano sopra Pistoia, confermava alla Badia di Monte Taona tutti i beni di Bagio che erano stati donati alla Badia nel settembre del 1009 dal Marchese Bonifacio.

Lo stesso Marchese Ranieri nell’ottobre del 1016, da Arezzo, emanò un placito insieme al Conte Ugo di quella città in favore della Badia aretina dedicata alle SS. Flora e Lucilla. Più importante ancora però è un altro strumento del 10 gennaio 1019 scritto in Marturi nel territorio fiorentino, col quale il Marchese Ranieri con la sua consorte contessa Waldrada, o Gualdrada, donò alla Badia di Passignano alcuni beni situati in Val di Pesa nel piviere di S. Pancrazio per suffragio dell’anima del solito Marchese Ugo[2]

Poi, dal 1019 fino al 1026, tacciono le memorie relative a Ranieri Bourbon Del Monte S. Maria come signore di Toscana. Come, per altro, non si trova più traccia di suo figlio Ranieri tanto che è ipotizzabile che il successore del marchese fosse morto in tenera età.

Il nome di Ranieri torna archivisticamente alla ribalta fra l’anno 1026 ed il 1027 quando in quell’inverno raccolse le sue truppe in Lucca dove si fortificò con l’intenzione di precludere la strada a Corrado II mentre si disponeva a venire in Toscana per avviarsi col suo esercito a Roma per farsi incoronare imperatore. Tali dimostrazioni ostili del Marchese Ranieri verso il novello sovrano dovettero fruttargli forse la vita, oltre che la perdita del governo marchionale della Toscana. Infatti dal 1026 in poi il nome del Marchese Ranieri Del Monte S. Maria non si trova più registrato negli atti pubblici anzi le memorie storiche, fino dal 1028, ricordano un altro Marchese e Duca di Toscana nella persona di Bonifazio di Legge Longobarda, padre della Gran Contessa Matilde.

Fu forse l’esempio di questa poco felice operazione di Ranieri che incoraggiò San Pier Damiani a scrivere una lettera amara alla novella sposa Willa maritata ad un nipote del Marchese Ranieri I Del Monte S. Maria dove a un certo punto si legge «Transisti sane, filia, per nuptialis jura connubii in domum satis amplam; sed fateor, male loratam, opibus, et dignitate conspicuam».

Comunque sia, il Marchese Ranieri I nel 1030 si rammenta defunto da un documento del 19 ottobre di quell’ anno dove sono pure ricordate alcune possessioni urbane situate in Arezzo, che furono dello stesso Ranieri I, "qui fuit Marchio" ovvero che fu "marchese". Anche in altro rogito del dicembre 1031 si nominano alcuni beni posti nel piviere di S. Martino a Castro presso Arezzo appartenuti a Ranieri figlio del Conte Guido "qui fuit Marchio".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Muratori, Rerum Italicarum Scriptores T. I. P. II.
  2. ^ Archivio Diplomatico Fiorentino, Carte della Badia di Passignano

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ippolito Camici, Serie De'Duchi E Marchesi Di Toscana dedicati All'Illustrissimo Signore Andrea Pazzino De'Pazzi Patrizio Fiorentino, Firenze, Albizzini, 1780
  • Emanuele Repetti, Del marchese Ranieri di Toscana autore dei Marchesi del Monte S. Maria dal 1013 fino dopo la metà del secolo XIII, in Dizionario geografico, fisico, storico della Toscana, Appendice, Cap. V, Firenze, 1845
  • Memorie e documenti per servire alla storia di Lucca, Tomo XI, Lucca, Tip. Giuseppe Giusti, 1860
Predecessore Margravio di Toscana Successore
Bonifacio III di Toscana 1014-1024
Bonifacio di Toscana