Ramones (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'album degli Screeching Weasel, vedi Ramones (Screeching Weasel).
Ramones

Artista Ramones
Tipo album Studio
Pubblicazione maggio 1976[1]
Durata 28 min : 53 s[1]
Dischi 1
Tracce 14
Genere New York punk
American punk
Punk rock
Etichetta Sire Records[1]
Produttore Craig Leon[2]
Tommy Ramone[2]
Registrazione ottobre 1975, febbraio 1976, Plaza Sound Studios, New York, Stati Uniti
Ramones - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1977)

Ramones è il primo album del gruppo punk americano Ramones, pubblicato nel 1976 dall'etichetta Sire Records.

Nel 2003 l'album si posiziona sia al numero 33 della classifica dei 500 migliori album redatta dalla rivista Rolling Stone sia alla posizione numero 4 nella classifica della rivista Mojo Top 50 Punk Albums[3].

La band punk Screeching Weasel ha pubblicato un album intitolato Ramones composto da cover dell'album. Queste cover sono state incluse successivamente anche in Beat Is on the Brat

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver firmato per la Sire Records nella primavera del 1975, la band iniziò la registrazione del suo primo album nell'inverno dello stesso anno. La registrazione venne effettuata molto in fretta e con un budget molto basso (6.000 dollari[4][5][6]). L'album fu registrato alla stregua dei primi lavori di band come i Beatles ed i Cream, cioè con la chitarra su un canale ed il basso sull'altro, mentre la batteria venne registrata su entrambi i canali[7]. Per questa sua caratteristica l'album non ebbe un grosso riscontro presso i disc jockey delle radio americane, raggiungendo solo la posizione numero 111 della US Album Chart[4][6][8].

Nel 2001 il disco è stato ristampato in versione rimasterizzata e con l'aggiunta di 8 bonus track.

Copertina[modifica | modifica sorgente]

La copertina dell'album è altrettanto celebre quanto il contenuto del disco stesso. Nella foto realizzata da Roberta Bayley[9] che raffigura i membri del gruppo appoggiati ad uno scalcinato muro, poco distante dall'ingresso dello storico club CBGB's, i quattro indossano jeans sdruciti e strappati al ginocchio, scarpe da tennis consunte, giubbotti in pelle nera e portano tutti quanti i capelli lunghi (Johnny e Dee Dee a caschetto), in uno strano miscuglio di abbigliamento punk e metallaro che influenzerà i fan del gruppo e non solo.[9]

Descrizione dei brani[modifica | modifica sorgente]

  • Beat on the Brat è stata descritta da Dee Dee Ramone come una storia vera. «Joey vide una madre correre dietro al figlio impugnando una mazza da baseball e ci scrisse sopra una canzone».[10] Il brano è apparso nel film del 1995 Billy Madison[11].
  • Judy Is a Punk racconta la vita di due scalmanate fan del gruppo, tali Jackie e Judy. In un'intervista nel film-documentario End of the Century: The Story of the Ramones i Ramones dissero che nacque come canzone "profetica", perché le due ragazze morirono in un incidente aereo, ed il testo narra della loro futura morte. Questa canzone ebbe un seguito, ovvero The Return of Jackie and Judy, canzone che fu inserita come quinta traccia nel quinto album della band. La canzone figura nella colonna sonora del film del 2001 I Tenenbaum[12].
  • Now I Wanna Sniff Some Glue fu scritta con in mente gli adolescenti del quartiere Forest Hills, Queens, che sniffavano continuamente colla per ammazzare la noia. I Ramones registrarono in seguito un’altra canzone sempre sullo stesso tema, Carbona Not Glue, nel loro secondo album, Leave Home. Il brano fu anche di ispirazione per il nome della celebre fanzine punk inglese, Sniffin' Glue.[13]
  • Today Your Love, Tomorrow the World fu ispirata a Dee Dee dalla sua adolescenza passata in Germania, e dalla fascinazione di Johnny per i vecchi film sulla Seconda Guerra Mondiale. I riferimenti al Nazismo del testo del brano, perlopiù ironici, crearono qualche problema alla band, che inizialmente fu accusata di simpatie destrorse.[9][14].
  • Chain Saw è basata sul film Non aprite quella porta.[15]
  • Let's Dance è una cover di un brano cantato da Chris Montez nel 1962.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Blitzkrieg Bop - 2:14 - (Ramones)
  2. Beat on the Brat - 2:31 - (Ramones)
  3. Judy Is a Punk - 1:32 - (Ramones)
  4. I Wanna Be Your Boyfriend - 2:24 - (Ramones)
  5. Chain Saw - 1:56 - (Ramones)
  6. Now I Wanna Sniff Some Glue - 1:35 - (Ramones)
  7. I Don't Wanna Go Down to the Basement - 2:38 - (Ramones)
  8. Loudmouth - 2:14 - (Ramones)
  9. Havana Affair - 1:56 - (Ramones)
  10. Listen to My Heart - 1:58 - (Ramones)
  11. 53rd & 3rd - 2:21 - (Ramones)
  12. Let's Dance - 1:51 - (Jim Lee)
  13. I Don't Wanna Walk Around with You - 1:42 - (Ramones)
  14. Today Your Love, Tomorrow the World - 2:12 - (Ramones)

Tracce bonus nella versione 2001[modifica | modifica sorgente]

  1. I Wanna Be Your Boyfriend (demo) - 3:02
  2. Judy Is a Punk (demo) - 1:36
  3. I Don’t Care (demo) - 1:55
  4. I Can’t Be (demo) - 1:56
  5. Now I Wanna Sniff Some Glue (demo) - 1:42
  6. I Don’t Wanna Be Learned/I Don’t Wanna Be Tamed (demo) - 1:05
  7. You Should Never Have Opened That Door (demo) - 1:54
  8. Blitzkrieg Bop (single version) - 2:12

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Scheda su Allmusic.com
  2. ^ a b Allmusic.com
  3. ^ Culturebully.com
  4. ^ a b (EN) All Music Guide - Ramones. URL consultato il 20/10/2008.
  5. ^ (EN) Rock 'n' Roll Hall Of Fame. URL consultato il 20/10/2008.
  6. ^ a b (EN) Biografia su MTV.com. URL consultato il 20/10/2008.
  7. ^ (EN) Ramonestory.it. URL consultato il 20/10/2008.
  8. ^ (EN) Vh1.com. URL consultato il 20/10/2008.
  9. ^ a b c Stefano Gilardino, 100 dischi ideali per capire il Punk, Editori Riuniti, Roma, 2005, pag. 18 - ISBN 88-359-5655-2
  10. ^ McNeil and McCain, p. 183.
  11. ^ Imdb.com
  12. ^ Imdb.com
  13. ^ Jim Bessman, Ramones - la biografia ufficiale, Arcana, Roma, 2007, pag. 118 - ISBN 978-88-7966-437-0
  14. ^ Andrea Ian Galli, Ramones, Editori Riuniti, Roma, 2003, pag. 55 - ISBN 88-359-5399-5
  15. ^ Andrea Ian Galli, Ramones, Editori Riuniti, Roma, 2003, pag. 54 - ISBN 88-359-5399-5
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk