Ramon Muntaner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Crònica, in un manoscritto madrileno della Biblioteca del Monastero dell'Escorial

Ramon Muntaner (pronuncia /raˈmɔn muntəˈne/) (Peralada, 1265isola di Eivissa, 1336) è stato un milite della corona aragonese, un funzionario e, in seguito, importante cronista catalano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima parte della sua vita, Muntaner militò come soldato e comandante nella Compagnia catalana, un corpo di fanteria leggera al comando di Roger de Flor, costituito da mercenari catalani e aragonesi, conosciuti come almogaveri; Roger si spinse con la sua compagnia fino a Costantinopoli per aiutare i Greci contro i Turchi.

Tenne il governatorato di Gallipoli (l'attuale Gelibolu, in Turchia) dal 1303 al 1307 e quello dell'isola di Djerba, dal 1308 al 1315.

Crònica de Ramon Muntaner[modifica | modifica wikitesto]

Ritiratosi dalla vita attiva nel 1327, si dedicò alla scrittura dell'importante opera in lingua catalana nota come Crònica de Ramon Muntaner, stampata per la prima volta nel 1558 e facente parte del corpus delle quattro Grandi cronache catalane, vertenti sui fatti d'arme e di politica della corona d'Aragona e della Catalogna nel XIII e XIV secolo[1] La cronaca del Muntaner, pur concepita con fini apologetici filo-aragonesi, e nonostante i suoi toni, rappresenta comunque una pregevole testimonianza sulle imprese militari di cui Ramon era stato protagonista in prima persona.

Tra le fonti primari di Muntaner vi è la Crònica del rei Pere, per la quale è stata proposta una attribuzione congetturale a Galceran de Tous[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le rimanenti tre Grandi cronache catalane sono l'autobiografia di Giacomo I d'Aragona, la Crònica de Bernat Desclot e la cronaca reale di Pietro IV d'Aragona.
  2. ^ (CA) Crònica del rei Pere, edició crítica de Stefano Maria Cingolani, Biblioteca Virtual Miguel de Cervantes

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 59210592