Ram Mohan Roy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raja Ram Mohan Roy

Raja Ram Mohan Roy (Radhanagar, 1772Bristol, 1833) è stato un filosofo indiano.

Fu il fondatore del modernismo riformatore indiano; cercò di abolire barbare usanze latreutiche additandole come sovrastrutture devianti dalla religione e dei Veda.

Nel 1829 Ram Mohan Roy riuscì a ottenere l'abolizione della pratica del rogo delle vedove (sati) grazie a un'azione di sensibilizzazione e diffusione del concetto di fratellanza.

Nel 1828 fondò la Società di Dio, che propugnava l'unione di induismo (parola peraltro coniata dal filosofo stesso), islam e cristianesimo con una semplice liturgia in dialetto.

A capo di questa organizzazione fu con esiti alterni il filosofo Keshab Chandra Sen

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]