Ralph Waldo Ellison

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ralph Waldo Ellison

Ralph Waldo Ellison (Oklahoma, 1º marzo 1914New York, 16 aprile 1994) è stato uno scrittore, saggista e critico musicale statunitense, chiamato in questo modo dal padre in onore di Ralph Waldo Emerson.

La fama di Ellison si deve al suo romanzo intitolato "Invisible Man" (Uomo invisibile) che nel 1953 vinse il National Book Award. Nel 1964 scrisse "Shadow and Act", una raccolta di saggi politici, sociali e critici e nel 1986 "Going to the Territory". Ricerche fatte da Lawrence Jackson, uno dei biografi di Ellison, hanno permesso di stabilire che era nato un anno prima di quanto si pensasse.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primi anni di vita[modifica | modifica sorgente]

Ellison nacque a Oklahoma City il 1º marzo 1914. Il padre di Ellison era un piccolo imprenditore e caposquadra edile e morì quando Ralph aveva tre anni. Molti anni più tardi, Ellison scoprirà che suo padre sperava che, crescendo, egli diventasse un poeta. Durante gli anni della giovinezza Ralph si appassionò alla musica e studiò il pianoforte e la tromba.

Gli studi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1933 entrò al "Tuskegee Institute" grazie ad una borsa di studio per studiare musica. Il dipartimento di musica del Tuskegee, guidato dal direttore Charles L. Dawson, era forse il più rinomato della scuola. Il coro del Tuskegee era stato invitato ad esibirsi in molti prestigiosi teatri di tutto il mondo, tra cui il Radio City Music Hall. Ellison ebbe anche la fortuna di studiare sotto la stretta tutela del maestro di pianoforte Hazel Harrison. Anche se principalmente nelle classi che frequentava studiava musica, trascorreva molto tempo in biblioteca dedicandosi alla lettura sia degli autori classici che di quelli moderni. In particolare in seguito citerà la lettura de La terra desolata come uno dei momenti per lui più illuminanti.

New York[modifica | modifica sorgente]

Dopo il terzo anno di studi, Ellison si trasferì a New York per guadagnare il denaro necessario a mantenersi durante l'ultimo anno. Decise di studiare scultura e fece conoscenza con l'artista Romare Bearden. Probabilmente il più importante contatto fu quello con lo scrittore Richard Wright con il quale ebbe un lungo e complicato rapporto. Dopo che Ellison ebbe scritto una recensione per un libro di Wright, questi lo incoraggiò a tentare la carriera dello scrittore e in particolare di narrativa.
La prima storia scritta e pubblicata da Ellison fu un racconto breve intitolato "Hymie's Bull", ispirato ad un lungo giro in treno con lo zio per arrivare a Tuskegee. Dal 1937 al 1944 Ellison scrisse una ventina di racconti brevi e articoli che vennero pubblicati su riviste come "New Challenge" e "New Masses".

Durante la seconda guerra mondiale Ellison prestò servizio nella marina mercantile e nel 1946 sposò la sua seconda moglie, Fanny McConnell, che aiutò finanziariamente il marito mentre scriveva recensioni, e lavorò come fotografa durante il periodo dal 1947 al 1952, in cui lui passò quasi tutto il tempo dedicandosi alla stesura dell'"Uomo invisibile". Aiutò il marito anche battendo a macchina il suo manoscritto e facendo delle correzioni man mano che il lavoro progrediva.

Gli scritti, i premi, le varie attività[modifica | modifica sorgente]

L'Uomo invisibile[modifica | modifica sorgente]

Nel 1953 Ellison esordì con il suo primo romanzo, Invisible Man (tradotto in italiano e pubblicato dall'editore Einaudi con il titolo "Uomo invisibile"), che lo fece conoscere al pubblico e che gli valse il "National Book Award". Il romanzo affronta il tema della ricerca da parte dell'uomo della propria identità e del suo posto nella società visto dalla prospettiva di un afroamericano senza nome nella città di New York degli anni quaranta.

Al contrario dei suoi contemporanei, come Richard Wright e James Baldwin, Ellison ha creato personaggi calmi, educati, chiari e coscienti di se stessi.
Attraverso il protagonista, Ellison esplora le differenze tra il razzismo del Nord e quello del Sud e il loro effetto alienante.
Il narratore è "invisibile" in senso figurato in quanto "la gente rifiuta di vederlo" e per questo egli prova un senso di dissociazione.

Il romanzo, innovativo perché affronta questioni considerate precedentemente dei tabù, come l'incesto e la percezione distorta da parte dell'America bianca della sessualità nera, vinse il "National Book Award" nel 1953.

Il viaggio in Europa e il primo saggio[modifica | modifica sorgente]

Nel 1955, Ellison si recò all'estero facendo un viaggio in Europa e tenendo diverse lezioni prima di stabilirsi per un certo periodo a Roma, in Italia, dove scrisse un saggio che apparve nel 1957 nell'antologia del gruppo editoriale Bantam, "A New Southern Harvest".

Il ritorno negli Stati Uniti e l'inizio del romanzo "Juneteenth"[modifica | modifica sorgente]

Nel 1958, ritornò negli Stati Uniti dove insegnò letteratura americana e russa al Bard College ed iniziò la stesura di un secondo romanzo, Juneteenth.

Nel corso degli anni cinquanta tenne una fitta corrispondenza con lo scrittore Albert Murray che fu suo amico per tutta la vita. In queste lettere essi commentano lo sviluppo delle loro carriere, del movimento per i diritti civili e di altri interessi comuni tra cui il jazz. Molto di questo materiale è stato pubblicato nel 2000 nella raccolta Trading Twelves.

Shadow And Act[modifica | modifica sorgente]

Nel 1964, Ellison pubblicò Shadow And Act, una raccolta di saggi, e cominciò ad insegnare alla Rutgers University e a Yale mentre continuava a lavorare al suo romanzo.

L'anno seguente, in un'indagine fatta tra 200 importanti figure dell'ambiente letterario, "Invisible Man", fu giudicato il più importante romanzo pubblicato dalla seconda guerra mondiale in poi.

Nel 1967 la casa di Ellison Plainfield, nel Massachusetts, fu distrutta da un incendio, e lo scrittore sostenne che in quella circostanza erano andate distrutte 300 pagine del manoscritto del suo secondo romanzo. Questa affermazione venne smentita nel 2007 da Arnold Rampersad nella biografia di Ellison.
Ellison, che era un perfezionista per quanto riguardava l'arte del romanzo, nell'accettare il suo "National Book Award" per "L'uomo invisibile" disse che sentiva di aver fatto "il tentativo di un grande romanzo" e che, nonostante il premio, era insoddisfatto del libro. Ellison finì per scrivere oltre 2000 pagine di questo secondo romanzo, la maggior parte prima del 1959, ma non lo terminò mai.
Continuò a ricevere importanti riconoscimenti per il suo lavoro scrivendo saggi sulla sua esperienza di nero e sul suo amore per la musica jazz.

I premi e gli incarichi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1969, ricevette la Medaglia presidenziale della libertà[1] e l'anno successivo fu nominato dalla Francia, Cavaliere dell'Ordre des Arts et des Lettres; divenne membro permanente del corpo docente presso la New York University mantenendo la carica di Albert Schweitzer Professor of Humanities dal 1970 al 1980.

Nel 1975, Ellison venne eletto alla American Academy of Arts and Letters e la sua città natale Oklahoma City lo onorò dedicandogli la "Biblioteca Ralph Waldo Ellison". Continuando ad insegnare, Ellison pubblicò per lo più saggi, e nel 1984, ricevette il New York City College's Langston Hughes Medallion al quale farà seguito, nel 1992, il premio speciale per i suoi conseguimenti da parte del Anisfield Wolf-Book Awards.

Going to the Territory[modifica | modifica sorgente]

Il 1976 vide la pubblicazione di Going to the Territory, una raccolta di diciassette saggi che includono approfondimenti di romanzieri del Sud, come William Faulkner e il suo amico Richard Wright, così come della musica di Duke Ellington e i contributi degli afroamericani alla creazione di un'identità nazionale americana.

Altre attività[modifica | modifica sorgente]

Ellison fu anche un abile scultore, musicista, fotografo e docente di college.
Insegnò al Bard College, alla Rutgers University del New Jersey, all'Università di Chicago e alla New York University e fu socio fondatore della Fellowship of Southern Writers, un'associazione di scrittori del Sud.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Il 16 aprile 1994, un sabato, Ralph Ellison morì di tumore al pancreas e fu sepolto a Washington Heights, uno dei quartieri periferici di New York. Sua moglie gli sopravvisse e morì il 19 novembre 2005.

Dopo la sua morte, sono stati scoperti nella sua casa altri manoscritti che nel 1996 sono stati raccolti in Flying Home: And Other Stories.

Il romanzo postumo: "Juneteenth"[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999, cinque anni dopo la sua morte, il secondo romanzo, di Ellison, "Juneteenth", tradotto e pubblicato in Italia con il titolo Il giorno della libertà nel 2005, è stato pubblicato sotto la cura di John F. Callahan, professore del Lewis & Clark College ed esecutore letterario dello scrittore.

Si tratta di un riassunto di 368 pagine delle oltre 2.000 che Ellison aveva scritto nell'arco di quarant'anni.

Tutti i manoscritti di questo romanzo incompleto sono stati poi pubblicati nel giugno 2008 dalla casa editrice "Random House" con il titolo di Three Days Before the Shooting.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Invisible Man", 1953 (romanzo)
  • Shadow and Act, 1964 (saggi)
  • Going to the Territory, 1986 (saggi)
  • Juneteenth, 1999 (romanzo postumo)

Romanzi tradotti in italiano[modifica | modifica sorgente]

  • Ralph Waldo Ellison, Uomo invisibile, traduzione di Carlo Fruttero e Luciano Gallino; collana: Supercoralli; titolo orig. Invisible man, Torino, Einaudi, 1956, pp. 545.
  • Ralph Waldo Ellison, Il giorno della libertà, traduzione di Carlo Fruttero e Luciano Gallino, Torino, Einaudi, 2003.
  • Ralph Waldo Ellison in John F. Callahan (a cura di), Volo di ritorno, traduzione di Norman Godetti; collana: I coralli, 196; titolo originale: Flying Home: and Other Stories, Torino, Einaudi, 2004, pp. 159. ISBN 88-06-14695-5.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'onorificenza gli fu consegnata dal Presidente Lyndon B. Johnson il 20 gennaio 1969. Cfr (EN) http://www.medaloffreedom.com/RalphEllison.htm

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2481446 LCCN: n50010027