Ralph Giordano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ralph Giordano

Ralph Giordano (Amburgo, 23 marzo 1923) è uno scrittore e pubblicista tedesco.

Giordano è figlio di padre italiano e madre ebrea. A causa della sua eredità ebraica, fu presto perseguitato dai nazisti durante il regime di Adolf Hitler.

Durante la seconda guerra mondiale, la sua famiglia sopravvisse all'olocausto nascondendosi presso la casa di un amico. Dopo le sue esperienze, Giordano diventò comunista, ma presto si allontanò da questa ideologia a causa dello stalinismo. Uscì dal Partito comunista tedesco nel 1957.

Nel 1964, Giordano aderì al WDR come giornalista e ci rimase fino al 1988.

Attualmente, Giordano è uno scrittore freelance e ha scritto numerosi articoli sulle sue esperienze vissute nella Germania nazista, inoltre scrive riguardo ai pericoli dei movimenti neonazisti, egli vede l'Islam come una minaccia, in un'intervista al New York Times nel 2007 egli espresse dissenso sul progetto della costruzione di una moschea a Colonia, dicendo che certe costruzioni sono il simbolo di una società parallela, e l'integrazione dei musulmani un fallimento.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Giordano è stato sposato con la sua seconda moglie Roswitha Everhan dal 1994 fino alla sua morte nel 2002. Oggi vive a Colonia ed è un caro amico del giornalista Hans Massaquoi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 12309047 LCCN: nr88001098

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie