Rai YoYo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rai YoYo
RAI YoYo 2010 Logo.svg
Paese Italia Italia
Lingua italiano
Tipo tematico
Target bambini
Nomi precedenti RaiSat YoYo
Data di lancio 1º novembre 2006
Formato 16:9 e 4:3 576i (SDTV)
Editore Rai
Direttore Massimo Liofredi (dal 2011)
Sito www.raiyoyo.it
Diffusione
Terrestre
Digitale DVB-T, in Italia FTA sul Mux 3 (LCN 43)
Satellite
Digitale DVB-S, FTV su Eutelsat Hot Bird 13C con smart card Tivù Sat (11.766 MHz)
Tivù Sat 27
Streaming
Rai.tv Rai YoYo (Adobe Flash)

Rai YoYo è un canale televisivo per bambini tematico gratuito italiano edito da Rai.

Storia[modifica | modifica sorgente]

RaiSat Yoyo è stato lanciato il 1º novembre 2006 in esclusiva su Sky, dopo la chiusura di RaiSat Ragazzi, dividendosi in due ed originando RaiSat Yoyo (per bambini in età prescolare) e RaiSat Smash (per ragazzi fino ai 14 anni). Dal 31 luglio 2009, giorno in cui non è stato rinnovato il contratto tra RaiSat e Sky, RaiSat Yoyo viene reso disponibile gratuitamente sul digitale terrestre nelle zone coperte dal RAI Mux 3, via satellite con il bouquet Tivù Sat, oltre che in streaming su Rai.tv.

Il 27 aprile 2010 il canale passa sotto la gestione della struttura Rai Ragazzi, la quale coordina anche il canale terrestre Rai Gulp.

Il 18 maggio 2010 il canale ha subito un restyling grafico diventando Rai YoYo.[1] Con la nuova denominazione il logo, un tempo animato, diviene statico.

Programmazione[modifica | modifica sorgente]

Rai YoYo trasmette programmi per bambini da 0 a 8 anni prodotti sia dalla Rai che da produzioni esterne. Rai YoYo manda in onda per tutto il giorno cartoni animati, fiction, favole e produzioni originali caratterizzati da una grafica molto curata per dare molto spazio all'apprendimento. Inoltre, Rai YoYo ha prodotto, insieme a Rai 2, la nuova edizione quotidiana del L'albero azzurro, che andrà in onda nel pomeriggio, mentre al mattino (8.30 e 11.30) va in onda la Melevisione, il programma cult di Rai 3.

Da segnalare la rivalutazione della collaborazione della Rai con l'Antoniano di Bologna, con le varie produzione-eventi come Nonni... d'Oro Zecchino, Natale con YoYo, Festa del Papà e il ritorno in nuova veste de La Festa della Mamma oltre alla messa in onda dei cartoni dello Zecchino e degli speciali Aspettando lo Zecchino in occasione della 55ª edizione del programma.

Palinsesto[modifica | modifica sorgente]

Cartoni Animati[modifica | modifica sorgente]

Cartoni animati Non in onda[modifica | modifica sorgente]


Telefilm Non in onda[modifica | modifica sorgente]

Programmi[modifica | modifica sorgente]

Ascolti[modifica | modifica sorgente]

Share 24h* di Rai YoYo[2][modifica | modifica sorgente]

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Media anno
2010 0,36% 0,39% 0,38% 0,38% 0,33% 0,45% 0,43% 0,39% 0,46% 0,40% 0,39% 0,69% 0,39%
2011 0,71% 0,69% 0,70% 0,65% 0,58% 0,70% 0,81% 0,87% 0,68% 0,62% 0,60% 0,74% 0,69%
2012 0,74% 0,76% 0,69% 0,64% 0,63% 0,87% 1,10% 1,08% 1,06% 1,01% 1,03% 1,16% 0,88%
2013 1,12% 1,18% 1,24% 1,21% 1,20% 1,46% 1,56% 1,41% 1,49% 1,41% 1,37% 1,40% 1,34%
2014 1,32% 1,36% 1,38% 1,38% 1,29% 1,50%

*Giorno medio mensile su target individui 4+

Loghi[modifica | modifica sorgente]

RAI Sat Yoyo Logo.svg RAI YoYo 2010 Logo.svg
20062010 2010 – oggi

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rai, ecco i loghi e le schede dei nuovi canali dell'offerta digitale, Digital-Sat.it. URL consultato l'8-5-2010.
  2. ^ Dati Auditel

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione