Rahm Emanuel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rahm Israel Emanuel
Rahm Emanuel, official photo portrait color.jpg

55° Sindaco di Chicago, Illinois
Durata mandato 16 maggio 2011 - In carica
Predecessore Richard M. Daley

23° Capo di gabinetto della Casa Bianca
Durata mandato 20 gennaio 2009 - 1º ottobre 2010
Predecessore Josh Bolten
Successore Pete Rouse

Membro della Camera dei Rappresentanti - Illinois, distretto n.5
Durata mandato 3 gennaio 2003 - 3 gennaio 2009
Predecessore Rod Blagojevich
Successore Mike Quigley

Dati generali
Partito politico Democratico
Firma Firma di Rahm Israel Emanuel

Rahm Israel Emanuel (Chicago, 29 novembre 1959) è un politico statunitense, membro del Partito Democratico e attuale sindaco di Chicago.

Dal 20 gennaio 2009 al 1º ottobre 2010 ha rivestito il ruolo di Capo di gabinetto della Casa Bianca nel governo del Presidente Barack Obama.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Emanuel ha preso parte ad una serie di campagne elettorali sia locali che nazionali. Nel 1984 lavorò nello staff del democratico Paul Simon per la sua elezione al Senato, nel 1988 fu il direttore nazionale del comitato per la campagna democratica per il Congresso e nel 1989 assunse il ruolo di consigliere e capo della raccolta fondi per Richard M. Daley nella vittoriosa campagna per il sindaco di Chicago.

Il salto di qualità avvenne con la nomina a capo del comitato finanziario per le elezioni presidenziali primarie da parte di Bill Clinton. Emanuel insistette molto sul dedicare più tempo nella raccolta fondi anche a scapito della campagna elettorale vera e propria.

Dopo la campagna, conclusasi con l'elezione di Clinton, Emanuel venne nominato senior advisor (consigliere anziano) alla Casa Bianca ruolo che mantenne nel periodo 1993-1998.

John Dingell con Emanuel

Elezione alla Camera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il termine del mandato presidenziale lavorò per un periodo in una banca d'affari. Nel 2002 decise di candidarsi alla Camera dei Rappresentanti per il 5º distretto dell'Illinois precedentemente attribuito a Rod Blagojevich il quale aveva scelto di non ripresentarsi per correre con successo alla carica di Governatore dell'Illinois.

Dopo aver conquistato la candidatura alle primarie del suo partito riuscì facilmente a sconfiggere Mark Augusti, il candidato repubblicano.

Emanuel appoggiò nell'ottobre del 2002 la risoluzione del congresso che autorizzava la guerra contro l'Iraq.

Note biografiche[modifica | modifica wikitesto]

Emanuel è nato a Chicago in una famiglia di origine e tradizione ebraica da Benjamin M. Emanuel e Martha Smulevitz. Il padre, nato a Gerusalemme, fu membro dell'Irgun. Dopo le superiori ha ottenuto una laurea di primo livello al Sarah Lawrence College nel 1981. Successivamente ha conseguito un master's degree (equivalente alla laurea specialistica italiana) in linguaggio e comunicazione (Speech and Communication) alla Northwestern University nel 1985.

Emanuel è stato volontario nell'esercito israeliano durante la guerra del Golfo nel 1991.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Orly Azoulay, Obama's Israeli adviser: Next White House chief of staff? in Ynet, 2 novembre 2008.
  2. ^ Roger Simon, The man who would be George: Rahm Emanuel, centrist of the universe in The New Republic, vol. 216, nº 5, 3 febbraio 1997, p. 17.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Chicago Successore
Richard Daley 16 maggio 2011 - in carica

Controllo di autorità VIAF: 28245590 LCCN: n2006062290