Ragazza con paesaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ragazza con paesaggio
Titolo originale Girl in Landscape
Autore Jonathan Lethem
1ª ed. originale 1998
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Protagonisti Pella Marsh

Ragazza con paesaggio (Girl in Landscape) è un romanzo del 1998, il quarto pubblicato da Jonathan Lethem.

Lethem scrive un romanzo di fantascienza ma anche una storia di perdita e abbandono, confondendo volutamente i generi.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Coney Island, la spiaggia popolare di Brooklyn, in un pianeta Terra privo dello strato di ozono, dove gli esseri umani sopravvivono grazie a particolari tendine portatili. Pella Marsh, quattordicenne, e i suoi due fratellini, giocano con la madre al riparo da un sole che li potrebbe uccidere. La madre poco dopo muore di un tumore al cervello e la famiglia si trasferisce sul pianeta degli Archbuilders, guidata dal padre Clement, un politico locale che è appena stato sconfitto in un'importante elezione.

Nel pianeta alieno ciò che resta della famiglia Marsh si sfalda sotto i colpi di una realtà incomprensibile. Gli Archbuilders sono il poco affidabile residuo di una civiltà superiore che si è allontanata dal pianeta, lasciandosi dietro rovine e oblio. Clement, il padre di Pella, di sconfitta in sconfitta, finisce destituito di ogni autorità. I fratellini - abbandonati a sé stessi - si lasciano coinvolgere dagli altri ragazzini della colonia terrestre, in giochi ambigui.

Pella rimane quindi da sola a fronteggiare un mutamento imprevedibile, del suo corpo e della percezione, causato dalla crescita forzata e dallo strano effetto del virus degli Archbuilders. A quattoridici anni è completamente esposta di fronte ad un uomo adulto e violento, Efram, abituato a dettare le proprie regole alla comunità, che resta però affascinato dall'intensità della sua disperazione di adolescente.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Jonathan Lethem, Ragazza con paesaggio, traduzione di Andrea Buzzi, collana I mirti, Marco Tropea Editore, 2006, pp. 286.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]