Raganella (strumento musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raganella
Purim gragger.jpg
Informazioni generali
Classificazione 112.24
Idiofoni a raschiamento
Utilizzo
Musica dell'antichità
Musica tradizionale dell'Europa Meridionale

La raganella, o tric trac,[1] è uno strumento musicale, idiofono a suono indeterminato, in legno, che produce suoni brevi e secchi tramite la rotazione di una lamina flessibile che viene raschiata da una ruota dentata fissata su un manico o una manovella. Con la tipologia a manovella l'esecutore può controllare le dinamiche e la fluttuazione tremolata del suono.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Crotalo (liturgia).

Di origine incerta, fu probabilmente inventata da Archita di Taranto. Nel Medioevo era diffusa in molti Paesi europei, dove veniva suonata durante le feste popolari, come strumento infantile e folcloristico. Veniva anche suonata di notte, lungo le strade, per scandire le ore.

Fino al Concilio Vaticano II le raganelle di grandi dimensioni (dette in liturgia Crotalo o Crepitacolo) erano suonate nei campanili delle chiese cattoliche durante la Settimana Santa, dal Giovedì al Sabato Santo, in sostituzione di campanelli (in chiesa) e campane.

La raganella è tuttora impiegata in alcune zone del Veneto e della Bassa Padana, nonché in Calabria, Puglia e Sardegna, per funzioni religiose o feste popolari. Viene ancora usata in Molise, in chiesa durante le funzioni della settimana santa in sostituzione del campanello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ tric e trac e bombe a mano - WordReference Forums

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica