Raffaellino da Reggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Raffaello Motta, detto Raffaellino da Reggio (Codemondo, 1550Roma, 1578), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Codemondo, borgo a pochi chilometri da Reggio Emilia, e con ogni probabilità fu allievo di Lelio Orsi a Novellara. Nel 1572 iniziò a lavorare a Roma, lavorando soprattutto alla decorazione di facciate e seguendo in un primo tempo i modelli del manierismo emiliano con affreschi ai SS. Quattro Coronati assai affini all'opera di Lelio Orsi.

Dal 1574-1575 lavorò nel palazzo Farnese di Caprarola quale aiuto di Giovanni de Vecchi e alla Chiesa di S. Silvestro al Quirinale, adeguandosi ai modi decorativi dell'ambiente romano[1]. Fra i suoi rari dipinti a olio si ricordano Tobiolo e l'angelo (Roma, Galleria Borghese) e la Sacra Famiglia (Varsavia, Museo).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Andrea Alessi, "Raffaellino" da Reggio e la direzione dei lavori pittorici nella Palazzina Gambara a Bagnaia, in "Bollettino d'Arte", 128, 2004, pp. 34-76.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ il percorso artistico. URL consultato il 07-12-2008.


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 5201849