Raffaele Durante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Raffaele Durante (Potenza, 1922Milano, 2002) è stato un dirigente d'azienda italiano.

È stato il primo manager non tedesco alla guida della filiale italiana della multinazionale Siemens, Presidente della Camera di Commercio Italo-Germanica e delegato per l'Italia della Treuhandanstalt di Berlino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Avendo ottenuto il diploma in ragioneria, entrò nel 1941 in Siemens, all'epoca guidata dal barone tedesco Von Rautenkranz, con la qualifica di impiegato d'ordine di terza categoria e vi fece carriera restandovi per 61 anni presso la filiale italiana della multinazionale tedesca[1].

Ottenuta la laurea in economia e commercio alla Università commerciale Luigi Bocconi di Milano nel 1949, ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità: nel 1961 è membro del comitato di direzione di Siemens Elettra e nel 1972 vice direttore generale. Ha inoltre ricoperto l’incarico di amministratore delegato e direttore generale di Siemens Data fino al 1975. Nel marzo dello stesso anno diviene amministratore delegato e direttore generale di Siemens Elettra, nel frattempo trasformatasi in "Siemens SPA", come primo non tedesco alla guida di una regional company, dando avvio ad un cambio di politica nei quartieri generali dell'azienda a Monaco di Baviera, con la decisione di affidare la gestione delle società consociate straniere a manager locali[2].

Nel 1983 ottiene l’incarico di presidente della società che mantiene fino al marzo del 2002, quando il consiglio di amministrazione gli conferisce la presidenza onoraria.

È stato per 15 anni presidente della Camera di Commercio italo-germanica dopo la presidenza di Fulvio Bracco, presidente di Siemens Nixdorf Informatica e di Italdata, reggente con funzioni di censore della Banca d’Italia di Milano, vicepresidente del CESPEL (Centro di studi dei problemi dell'economia e del lavoro della Università Commerciale Luigi Bocconi) e consigliere dell'ISPI (Istituto per gli studi di politica internazionale).

Ha ottenuto le onorificenze di cavaliere del lavoro, grand'ufficiale e commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana e quella di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Federale di Germania[3].

Per tenere vivo il suo ricordo, dopo la scomparsa il Consiglio di Amministrazione della società ha istituito il “Fondo Raffaele Durante” finalizzato alla realizzazione di progetti sociali in favore dei collaboratori [4]

L'attività nella Treuhandanstalt di Berlino[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 viene nominato delegato per l'Italia dalla Treuhandanstalt di Berlino, l'ente fiduciario voluto dal Governo per la gestione e la privatizzazione del patrimonio statale nella Germania orientale. Riesce a portare a termine dal 1991 alla fine del 1993 30 operazioni di investimento ad opera di aziende italiane tra cui Menarini, acciaierie Gruppo Riva, Feralpi, Radici, Lodigiani e Fiat Impresit favorendo il passaggio da un'economia di Stato ad un'economia di mercato. La maggior parte degli investimenti italiani ha riguardato acquisizioni di produzioni locali con apporto di proprie tecnologie e sviluppo di nuovi prodotti. Il Gruppo Riva ha rilevato due acciaierie a Henningsdorf e Brandeburgo, investendo 350 milioni di marchi dell'epoca. Menarini ha acquisito la Berlin Chemie AG, uno dei tre principali produttori farmaceutici nella ex DDR (Deutsche Demokratische Republik) con proprie strutture a Mosca, Varsavia, Praga, Bratislava. Nel settore dell'edilizia fu siglato l'accordo fra Fiat Impresit-Cogefar, Lodigiani e l'Istituto Bancario San Paolo di Torino con il supporto della Dresdner Bank.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo di Fabrizio Vallari su Tempo economico, anno XXXIV, n.379, dell'aprile 1997, pag. 15-18.
  2. ^ "E' mancato Raffaele Durante, Presidente onorario di Siemens Italia", Elettronica Plus, 3 giugno 2012
  3. ^ http://www.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/2002/06/01/Economia/SIEMENS-E-MORTO-RAFFAELE-DURANTE_152200.php "Siemens: è morto Raffaele Durante", Archivio ADN Kronos, 1 giugno 2002
  4. ^ Bilancio Siemens S.p.A. 2002 Relazione degli amministratori sulla gestione http://www.siemens.it/bilancio_2002/relazione.html

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Alberoni, Adriano De Maio, Raffaele Durante Siemens: 1899-1999, cento anni in Italia, Franco Maria Ricci, Milano 1999.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie