Raffaele Curi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Raffaele Curi (16 aprile 1948) è un attore italiano, direttore artistico della fondazione "Alda Fendi".

Completati gli studi classici si trasferisce a Roma per frequentare l'Accademia nazionale d'arte drammatica "Silvio D'Amico". Viene notato da Vittorio De Sica ed entra nel cast del film Il giardino dei Finzi-Contini nella parte di Ernesto, il fratello di Giorgio (1970). Prosegue la carriera di attore e partecipa tra gli altri al film Il gatto di Luigi Comencini (1977) e "Impiegati" di Pupi Avati

Si laurea in lettere e filosofia sostenendo molti esami in storia dell'arte.
Diventa assistente del pittore, fotografo e regista statunitense Man Ray. Per quasi un ventennio diviene assistente del direttore del Festival dei Due Mondi, Giancarlo Menotti.[1]

Frequenta il jet set internazionale e conosce Susan Sarandon, Pedro Almodovar e Carlo d'Inghilterra. Conosce anche le sorelle Fendi, con le quali inizia una collaborazione sempre più esclusiva. Quando, negli anni '90, la maison si fonde con LVMH e Prada inizia la direzione artistica della neonata "Fondazione Alda Fendi", producendo installazioni e spettacoli d'avanguardia, a partire dal 2001, scritti e diretti da lui stesso.

Nei giorni di Pasqua 2013 metterà in scena il suo ultimo "esperimento" della Fondazione Alda Fendi dal titolo: "Inaccessibile".