Rafael dos Anjos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rafael dos Anjos
Dati biografici
Nome Rafael Souza dos Anjos
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 175 cm
Peso 70 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Jiu jitsu brasiliano
Categoria Pesi leggeri
Squadra Stati Uniti Kings MMA
Singapore Evolve MMA
Carriera
Combatte da Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittorie 23
per knockout 4
per sottomissione 8
Sconfitte 7
 

Rafael Souza dos Anjos (Rio de Janeiro, 26 ottobre 1984) è un lottatore di arti marziali miste brasiliano.

Combatte nella categoria dei pesi leggeri per la promozione statunitense UFC.

Per i ranking ufficiali dell'UFC è il contendente numero 1 nella divisione dei pesi leggeri.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Rafael dos Anjos ha una forte base nel jiu jitsu brasiliano, essendo una cintura nera di tale disciplina sotto gli insegnamenti di Aldo "Caveirinha" Januario de Olivera: non a caso sei delle sue prime dieci vittorie in carriera le ottenne tramite sottomissioni.

Con il tempo è stato in grado di sviluppare anche tutti gli altri aspetti del combattimento, e da quando si allena a Singapore con il team Evolve MMA è notevolmente migliorato nel muay thai sotto la guida di Chatri Sityodtong.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Inizi in Brasile[modifica | modifica wikitesto]

La carriera da professionista nelle MMA di Rafael dos Anjos iniziò nel 2004 in modo non esaltante, tant'è che nelle prime quattro gare subì due sconfitte, anche se in entrambi i casi per decisione non unanime dei giudici di gara e la seconda fu contro il futuro campione del mondo di BJJ Jorge Britto.

Successivamente tra il 2006 ed il 2008 infila una serie di nove vittorie consecutive, sei delle quali tramite sottomissione grazie al suo ottimo jiu jitsu brasiliano; tra queste hanno rilievo la vittoria sul veterano della Pride Johil de Oliveira e la vittoria in terra nipponica per la prestigiosa promozione Pancrase.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Con un record personale di 11-2 dos Anjos si presentava con buone credenziali nella divisione dei pesi leggeri dell'UFC, promozione statunitense di MMA al tempo considerata la più prestigiosa al mondo.

Esordì nel novembre 2008, e l'inizio in UFC per dos Anjos fu tutt'altro che semplice: il match di debutto contro Jeremy Stephens (record in UFC: 2-2) terminò con una sconfitta per KO durante la terza ripresa, e nel successivo incontro nel 2009 contro Tyson Griffin (record in UFC: 5-2) venne sonoramente battuto ai punti.

Con un piede ormai già fuori dall'organizzazione dos Anjos reagì ottimamente vincendo con merito contro Rob Emerson, il quale sostituiva l'infortunato Matt Wiman.

Nel 2010 ottenne la seconda vittoria in UFC ancora una volta ai punti e nettamente contro Kyle Bradley, e lo stesso anno riuscì a finalizzare per la prima volta un avversario nella promozione statunitense quando intrappolò in una leva al braccio l'inglese esperto di sottomissioni Terry Etim, ottenendo il riconoscimento Submission of the Night.

Successivamente arrivò il confronto con un top di categoria quale era Clay Guida: dos Anjos venne colpito alla mascella dall'avversario che gli causò un infortunio al quale il brasiliano dovette arrendersi.

Nel 2011 dovette comunque confrontarsi con un altro top fighter come George Sotiropoulos (record in UFC: 7-1) rimpiazzando l'infortunato Evan Dunham: dos Anjos stupì vincendo per KO in meno di un minuto. In novembre subì la quarta sconfitta in UFC e la sesta in carriera quando in un match equilibrato contro il grosso connazionale Gleison Tibau due giudici di gara su tre diedero la vittoria all'avversario.

Dal 2012 un evoluto Rafael dos Anjos iniziò la sua corsa verso i piani alti della divisione: prima ottenne una vittoria per sottomissione sul wrestler iraniano Kamal Shalorus, e solamente due mesi dopo tornò a combattere contro lo striker Anthony Njokuani sostituendo l'indisponibile Paul Taylor e vincendo meritatamente ai punti; in novembre sconfisse senza troppi patemi il canadese Mark Bocek in territorio ostile, venendo inserito come il contendente numero 10 dei ranking ufficiali UFC dei pesi leggeri.

Nel 2013 combatte per la prima volta in Brasile da quando è in UFC, strappando una risicata vittoria ai punti su Evan Dunham. In agosto compie il capolavoro imponendosi con merito sull'eterno top contender di UFC e WEC Donald Cerrone grazie ad uno striking e ad una lotta notevolmente migliorati, soffiandogli il sesto posto nei ranking ufficiali dell'UFC.

Nel febbraio 2014 avrebbe dovuto affrontare il russo numero 14 dei ranking Rustam Khabilov, ma a due settimane dall'incontro l'avversario s'infortunò e venne sostituito dal connazionale e #7 della classifica di categoria Khabib Nurmagomedov: dos Anjos perse nettamente una sfida cruciale per un eventuale posto come contendente al titolo di categoria. Tornò alla vittoria in giugno mettendo KO Jason High durante il secondo round.

In agosto ottiene la vittoria più importante della sua carriera fino a quel momento mettendo KO in poco più di due minuti il fuoriclasse ed ex campione di categoria Ben Henderson, ottenendo anche il premio Performance of the Night. In dicembre domina nettamente l'ex contendente al titolo Nick Diaz in un incontro catchweight al limite delle 160 libbre.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Vittoria 23-7 Stati Uniti Nate Diaz Decisione (unanime) UFC on Fox: dos Santos vs. Miocic 13 dicembre 2014 3 5:00 Stati Uniti Phoenix, Stati Uniti
Vittoria 22-7 Stati Uniti Ben Henderson KO (pugni) UFC Fight Night: Henderson vs. dos Anjos 23 agosto 2014 1 2:31 Stati Uniti Tulsa, Stati Uniti
Vittoria 21-7 Stati Uniti Jason High KO Tecnico (pugni) UFC Fight Night: Henderson vs. Khabilov 7 giugno 2014 2 3:36 Stati Uniti Albuquerque, Stati Uniti
Sconfitta 20-7 Russia Khabib Nurmagomedov Decisione (unanime) UFC 170: Rousey vs. McMann 22 febbraio 2014 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 20–6 Stati Uniti Donald Cerrone Decisione (unanime) UFC Fight Night: Condit vs. Kampmann 2 28 agosto 2013 3 5:00 Stati Uniti Indianapolis, Stati Uniti
Vittoria 19–6 Stati Uniti Evan Dunham Decisione (unanime) UFC on FX: Belfort vs. Rockhold 18 maggio 2013 3 5:00 Brasile Jaraguá do Sul, Brasile
Vittoria 18–6 Canada Mark Bocek Decisione (unanime) UFC 154: St-Pierre vs. Condit 17 novembre 2012 3 5:00 Canada Montréal, Canada
Vittoria 17–6 Nigeria Anthony Njokuani Decisione (unanime) UFC on Fuel TV: Muñoz vs. Weidman 11 luglio 2012 3 5:00 Stati Uniti San Jose, Stati Uniti
Vittoria 16–6 Iran Kamal Shalorus Sottomissione (rear naked choke) UFC on Fuel TV: Korean Zombie vs. Poirier 15 maggio 2012 1 1:40 Stati Uniti Fairfax, Stati Uniti
Sconfitta 15–6 Brasile Gleison Tibau Decisione (non unanime) UFC 139: Shogun vs. Henderson 19 novembre 2011 3 5:00 Stati Uniti San Jose, Stati Uniti
Vittoria 15–5 Australia George Sotiropoulos KO (pugno) UFC 132: Cruz vs. Faber 2 luglio 2011 1 0:59 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 14–5 Stati Uniti Clay Guida Sottomissione (infortunio alla mascella) UFC 117: Silva vs. Sonnen 7 agosto 2010 3 1:51 Stati Uniti Oakland, Stati Uniti
Vittoria 14–4 Regno Unito Terry Etim Sottomissione (armbar) UFC 112: Invincible 10 aprile 2010 2 4:30 Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, EAU
Vittoria 13–4 Stati Uniti Kyle Bradley Decisione (unanime) UFC Fight Night: Maynard vs. Diaz 11 gennaio 2010 3 5:00 Stati Uniti Fairfax, Stati Uniti
Vittoria 12–4 Stati Uniti Rob Emerson Decisione (unanime) UFC 103: Franklin vs. Belfort 19 settembre 2009 3 5:00 Stati Uniti Dallas, Stati Uniti
Sconfitta 11–4 Stati Uniti Tyson Griffin Decisione (unanime) UFC Fight Night: Condit vs. Kampmann 1 aprile 2009 3 5:00 Stati Uniti Nashville, Stati Uniti
Sconfitta 11–3 Stati Uniti Jeremy Stephens KO (pugni) UFC 91: Couture vs. Lesnar 15 novembre 2008 3 0:39 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Debutto in UFC
Vittoria 11–2 Giappone Takafumi Otsuka Decisione (non unanime) Fury FC 6: High Voltage 12 luglio 2008 3 5:00 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittoria 10–2 Giappone Takaichi Hirayama Sottomissione (armbar) Pancrase: Shining 5 1 giugno 2008 1 1:25 Giappone Tokyo, Giappone Debutto in Pancrase
Vittoria 9–2 Brasile Gabriel Miglioli Decisione (unanime) Fury FC 5: Final Conflict 6 dicembre 2007 3 5:00 Brasile San Paolo, Brasile
Vittoria 8–2 Brasile Danilo Cherman Sottomissione (kimura) Fury FC 4: High Voltage 4 agosto 2007 2 3:38 Brasile Teresópolis, Brasile
Vittoria 7–2 Brasile Mauricio Reis Sottomissione (rear naked choke) XFC: Brazil 29 aprile 2007 1 6:24 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittoria 6–2 Brasile Thiago Meller Sottomissione (rear naked choke) XFC: Brazil 29 aprile 2007 1 7:28 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittoria 5–2 Brasile Johil de Oliveira Sottomissione (rear naked choke) Juiz de Fora: Fight 4 14 aprile 2007 1 2:50 Brasile Juiz de Fora, Brasile
Vittoria 4–2 Brasile Mateus Trindade Decisione (unanime) Shooto: Brazil 2 24 marzo 2007 3 5:00 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittoria 3–2 Brasile Diogo Oliveira Sottomissione (armbar) Top Fighter MMA 2 25 ottobre 2006 2 - Brasile Rio das Pedras, Brasile
Sconfitta 2–2 Brasile Jorge Britto Decisione (non unanime) Arena Belo Horizonte Combat 4 giugno 2005 3 5:00 Brasile Belo Horizonte, Brasile
Vittoria 2–1 Brasile Felipe Arinelli KO Tecnico (ferita) Juiz de Fora: Fight 2 26 aprile 2005 2 - Brasile Juiz de Fora, Brasile
Vittoria 1–1 Brasile Joao Paulo Almeida Decisione Arena Belo Horizonte 9 ottobre 2004 3 5:00 Brasile Belo Horizonte, Brasile
Sconfitta 0–1 Brasile Adriano Abu Decisione (non unanime) Juiz de Fora: Fight 1 25 settembre 2004 3 5:00 Brasile Juiz de Fora, Brasile

Note[modifica | modifica wikitesto]