Radianza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In fisica, la radianza e la radianza spettrale sono grandezze radiometriche che descrivono la quantità di luce emessa (o riflessa, o trasmessa) da una superficie di area unitaria, e diretta verso un angolo solido unitario in una direzione indicata (con l'espressione "quantità di luce", generalmente, si indica la potenza luminosa). Sono ultimamente impiegate per descrivere l'emissione da sorgenti diffuse e la riflessione da superfici diffuse. L'unità di misura della radianza secondo il SI è il watt su steradiante su metro quadrato (W·sr-1·m-2).

La radianza, in particolare, caratterizza l'emissione o riflessione complessiva, mentre la radianza spettrale si limita a considerare una singola frequenza o lunghezza d'onda della luce. La radianza equivale pertanto all'integrale (alla somma) di tutte le infinite radianze spettrali di una data superficie. L'unità di misura SI della radianza spettrale è il W·sr-1·m-3 (per lunghezza d'onda) o il W·sr-1·m-2·Hz-1 (per intervallo di frequenza).

La radianza è particolarmente utile per quantificare la quantità di luce emessa o riflessa da una sorgente che verrà ricevuta da un dato sistema ottico rivolto verso la sorgente e caratterizzato da un determinato diametro angolare; naturalmente, in questo caso l'angolo solido considerato equivale all'apertura del sistema ottico. Essendo anche l'occhio un sistema ottico, la radianza fornisce una buona stima della luminosità apparente di un oggetto.

Definizione[modifica | modifica sorgente]

La radianza è definita come:

L = \frac{d^2 P}{dA\,d{\Omega} \cos \theta} \simeq \frac{P}{\Omega A \cos \theta}

dove:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]