Rachel Jackson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rachel Jackson
Rachel Jackson.jpg

First lady degli Stati Uniti
Predecessore Louisa Adams
Successore Hannah Van Buren

Dati generali
Firma Firma di Rachel Jackson

Rachel Donelson Robards Jackson (Contea di Halifax, 15 giugno 1767Nashville, 22 dicembre 1828) fu la moglie di Andrew Jackson, il settimo presidente degli Stati Uniti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pare che la famiglia in cui nacque Rachel Donelson, decima di dodici fratelli, fu fra le prime ad insediarsi nel Tennessee. Considerata una donna bellissima già da adolescente, Rachel Donelson sposò il capitano Lewis Robards, ma la coppia si separò nel 1790. Tuttavia il divorzio per Rachel e Lewis Robards non fu mai completato, quindi tecnicamente quando la donna sposò Andrew Jackson commise bigamia ed il matrimonio fu annullato. Questa storia saltò fuori in seguito, durante le elezioni presidenziali statunitensi del 1828, per screditare Andrew Jackson. Quando finalmente il divorzio fu completato (il primo nella storia del Kentucky), la coppia si risposò nel 1794. Tuttavia Rachel Jackson morì il 22 dicembre 1828, poche settimane prima che il marito venisse eletto presidente.

Andrew e Rachel Jackson adottarono due figli. Il primo fu Andrew Jackson Jr. (1808-1865), nipote della donna, in quanto figlio di Severn Donelson. All'epoca dell'adozione entrambi i genitori di Andrew Jr. erano vivi, quindi non sono chiare le motivazioni dell'adozione.[1] La seconda fu Lyncoya Jackson (1811-1828), indiana-americana trovata da Jackson sul campo di battaglia, al fianco della madre morta. Fu cresciuta dalla coppia dall'età di due anni.[1] Andrew e Rachel Jackson si resero anche tutori legari di sei ragazzi e due ragazze: John Samuel Donelson, Daniel Smith Donelson, Andrew Jackson Donelson, Andrew Jackson Hutchings, Carolina Butler, Eliza Butler, Edward Butler e Anthony Butler.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Rachel jackson Biography

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 75327821 LCCN: n86022542

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie