Racconti perduti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Racconti perduti
Titolo originale The book of lost tales - Part II
Autore J.R.R. Tolkien
1ª ed. originale 1984
1ª ed. italiana 1987
Genere racconti
Sottogenere fantasy
Lingua originale inglese
Ambientazione Arda
Serie The History of Middle-earth
Preceduto da Racconti ritrovati
Seguito da The Lays of Beleriand
The History of Middle-earth
Volume II

I Racconti perduti è un'antologia di racconti fantasy di J. R. R. Tolkien ambientati nella Terra di Mezzo, pubblicati dal figlio Christopher Tolkien nel 1983; costituiscono la seconda parte dei Racconti ritrovati. Nell'edizione originale inglese della The History of Middle-earth i due volumi sono entrambi chiamati col nome di The Book of Lost Tales; sono l'unica parte della History tradotta in italiano.

Come i Racconti ritrovati, i Racconti perduti raccolgono i testi che costituirono il punto di partenza per il complesso sistema di miti contenuto ne Il Silmarillion. I Racconti perduti sono costituiti da sei brani:

  1. Il racconto di Tinùviel; narra dell'incontro di Beren e Luthien e la loro ricerca del Silmaril.
  2. Turambar e i Foalòke; la storia di Turin Turambar tratta dal Narn i Hin Hurin (Racconto dei Figli di Hurin).
  3. La caduta di Gondolin; racconta dell'ultima resistenza di Tuor, Ecthelion, Glorfindel e molti altri Signori Elfici contro Morgoth e i suoi terribili eserciti.
  4. La Nauglafring; la storia completa della creazione della Collana dei Nani e della morte di Thingol del Doriath.
  5. Il racconto di Eärendil; narra la storia del viaggio di Eärendil.
  6. La storia di Eriol e Ælfwine e la conclusione dei racconti

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

  • Il gruppo musicale degli Ainur ha scritto un album intitolato The Lost Tales, ispirato al libro di Tolkien.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]