Racconti di Sebastopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I racconti di Sebastopoli
Titolo originale Севастопольские рассказы
Lev Nikolayevich Tolstoy 1854.jpg
Lev Tolstoj in uniforme nel 1854
Autore Lev Nikolaevic Tolstoj
1ª ed. originale 1855
Genere raccolta di racconti
Sottogenere realista
Lingua originale russo
Ambientazione Sebastopoli, Crimea
Protagonisti Olenin

I racconti di Sebastopoli (in russo: Севастопольские рассказы, Sevastopolskiye rasskazy) è una raccolta di tre racconti di Lev Tolstoj, pubblicati nel 1855 dopo la sua esperienza all'assedio di Sebastopoli.

Nel primo racconto Tolstoj usa la seconda persona plurale per introdurre la vita nella città. Il giro dettagliato che viene descritto probabilmente è simile a quello che l'autore aveva compiuto al suo arrivo nel novembre del 1854. Questo racconto introduce anche l'ambientazione, i comportamenti e il retroscena che Tolstoj usa negli altri due racconti; per esempio, quando si riferisce al nemico, ovvero sia ai francesi che agli inglesi, ma compaiono solo i primi.

Tolstoj analizza l'assurdità e la vanità della guerra e la presenza fuorviante di umanismo nelle tregue (fuorviante perché i paesi vanno continuamente in guerra con un altro nonostante le tregue passate). Alla fine del secondo racconto in particolare l'autore dichiara che i personaggi non sono eroi e non sono totalmente buoni e non sono totalmente cattivi, ma che il vero eroe della storia è la verità.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura