Rabat (Gozo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rabat (Victoria)
consiglio locale
Ir-Rabat Għawdex, già Rabatto del Castello
Rabat (Victoria) – Stemma
Rabat (Victoria) – Veduta
Localizzazione
Stato Malta Malta
Regione Regione di Gozo
Amministrazione
Data di istituzione 30 giugno 1993
Territorio
Coordinate 36°02′34.27″N 14°14′36.35″E / 36.042853°N 14.243431°E36.042853; 14.243431 (Rabat (Victoria))Coordinate: 36°02′34.27″N 14°14′36.35″E / 36.042853°N 14.243431°E36.042853; 14.243431 (Rabat (Victoria))
Altitudine 150 m s.l.m.
Superficie 2,9 km²
Abitanti 6 414 (2005)
Densità 2 211,72 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti rabattesi
Cartografia

Rabat (Victoria) – Localizzazione

Una delle stradine della Cittadella
La Cattedrale di Santa Maria.

Rabat (nome originario italiano Rabatto del Castello (talora Rabato del C. o Rabbatto del C.); in inglese ribattezzata Victoria;) è la capitale dell'isola di Gozo, Malta.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In principio la città si chiamava Rabatto del Castello (distinguendosi, in tal modo, dall'omonima Rabatto della Notabile sull'isola di Malta), ma nel 1897 cambiò nome in onore della Regina Vittoria. Le sue origini risalgono ai primi insediamenti dell'Età del Bronzo, in seguito vi risiedettero fenici e romani, che per primi utilizzarono la Cittadella, che presenta ai giorni nostri i profili più moderni, come acropoli.

La Cittadella[modifica | modifica sorgente]

Massicciamente fortificata, la Cittadella torreggia su di una rupe a circa 150 m s.l.m. e domina l'intera estensione dell'isola.

Chiese[modifica | modifica sorgente]

Santa Maria[modifica | modifica sorgente]

La cattedrale dell'Assunzione della Vergine Maria, all'interno della Cittadella, risale al 1697.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cattedrale dell'Assunzione della Vergine Maria (Gozo).

San Giorgio[modifica | modifica sorgente]

La Basilica di San Giorgio, in stile barocco, fu costruita nel XVII secolo e successivamente riedificata in seguito al Terremoto del Val di Noto del 1693.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]