R Coronae Borealis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
R Coronae Borealis
Curva di luce che mostra il comportamento di R Coronae Borealis nel corso di 8 anni. Il tempo è espresso in giorni giuliani.Curva di luce che mostra il comportamento di R Coronae Borealis nel corso di 8 anni. Il tempo è espresso in giorni giuliani.
Classificazione Supergigante gialla
Classe spettrale G0 Iab
Tipo di variabile variabili R Coronae Borealis
Distanza dal Sole 4700 anni luce (2600 parsec)
Costellazione Corona Boreale
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 15h 48m 34,4149s
Declinazione +28° 09' 24,296"
Dati fisici
Raggio medio 65 R
Massa
0,8 [1] M
Temperatura
superficiale
6.545 / 7.000 K[2] (media)
Luminosità
10.000 L
Indice di colore (B-V) 0,21
Dati osservativi
Magnitudine app. 5,85 - 14,8
Parallasse 0.04 mas
Moto proprio AR: -1,87 mas/anno
Dec: -11,03 mas/anno
Velocità radiale 27,83 km/s
Nomenclature alternative
R CrB, GSC 02039-01605, PLX 3581, TYC 2039-1605-1, AG+28 1513, HD 141527, PPM 104338, uvby98 100141527 V, BD+28 2477, HIC 77442, RAFGL 4219, YZ 28 7350, EM* CDS 886, HIP 77442, ROT 2225, AAVSO 1544+28A, GC 21257, HR 5880, SAO 84015, GCRV 9116, IRAS 15465+2818

R Coronae Borealis è una stella supergigante gialla situata nella costellazione della Corona Boreale, prototipo di una classe di stelle variabili, che varia di numerose magnitudini nel corso di intervalli irregolari. R Coronae Borealis, che normalmente splende ad una magnitudine di 6 (al limite della visibilità ad occhio nudo), in un periodo compreso tra pochi mesi ed alcuni anni diminuisce di luminosità, sino alla magnitudine 14; nei mesi seguenti ritorna gradualmente alla sua consueta luminosità. Per questo motivo questa classe di variabili è detta "Fade-Out star" (Stella che si affievolisce) o "Nova inversa".

La causa di questo strano comportamento andrebbe ricercata in una regolare emissione di carbonio dall'atmosfera stellare. L'improvviso calo della luminosità potrebbe essere causato da una rapida condensazione delle polveri, opache alla luce, che quindi bloccano la radiazione luminosa della stella. Il graduale ritorno alla normale luminosità è dovuto alla dispersione delle polveri ad opera della pressione di radiazione. Questa causa è stata scoperta dall'astronomo statunitense John Aloysius O'Keefe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R Coronae Borealis, Jumk.de.
  2. ^ V* R CrB -- Variable Star of R CrB type, SIMBAD.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni