RMS Oceanic (1899)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
RMS Oceanic
La RMS Oceanic al porto di New York il 6 giugno 1907 alle 2 PM.
La RMS Oceanic al porto di New York il 6 giugno 1907 alle 2 PM.
Descrizione generale
British-Merchant-Navy-Ensign.png
Tipo Transatlantico
Classe Oceanic
Proprietà White Star Line
Cantiere Harland and Wolff, Belfast.
Impostata 1897
Viaggio inaugurale 6 settembre 1899
Destino finale arenatasi l'8 settembre 1914 al largo delle isole Shetland; lo scafo fu demolito tra il 1923 e il 1924
Caratteristiche generali
Stazza lorda 17.274 tsl
Lunghezza 705 ft (214,884 m) m
Larghezza 20,85 m
Velocità 19,5 nodi

dati tratti da [1]

voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

La RMS Oceanic era un transatlantico di proprietà della White Star Line. Fu richiesta ai cantieri della Harland and Wolff insieme alla gemella RMS Olympic, mai realizzata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo scafo fu progettato nel 1897 e la nave fu costruita sotto la supervisione del suo progettista, Thomas Ismay, armatore e proprietario della Oceanic Steam Navigation Company e precursore della famosa White Star Line.

Al momento del varo e fino al 1901 era la più grande nave del mondo.[2] Alla velocità di 17 nodi questa nave era in grado di compiere il giro del mondo senza rifornimento di carburante.

Fu colpita nel 1900 da un fulmine nel porto di Mersey a Liverpool che le distrusse l'albero maestro. Nel settembre 1901 l'Oceanic entrò in collisione con la nave inglese Kincora a causa della nebbia nel porto di Tuskar Rock. Il Kincora affondò immediatamente e sette persone persero la vita.

La gemella Olympic[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte del progettista Thomas Ismay, con l'Oceanic già varato, venne annullata la richiesta per l'Olympic, per orientare gli sforzi alla costruzione dei 4 nuovi transatlantici RMS Celtic, RMS Cedric, RMS Baltic e RMS Adriatic della classe chiamata Big Four ("Grandi Quattro").

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oceanic II in thegreatoceanliners.com. URL consultato il 17 aprile 2014.
  2. ^ R.M.S. Oceanic (II), Jeff Newman. URL consultato il 13 novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]