R101 (dirigibile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
R101
L'R101 in fase di manovra a terra
L'R101 in fase di manovra a terra
Descrizione
Tipo Trasporto passeggeri
Equipaggio 45
Costruttore Royal Airship Works
Cantieri Royal Airship Works, Cardington
Data ordine 1924
Data impostazione 1926
Data primo volo 14 ottobre 1929
Matricola G-FAAW
Destino finale Distrutto in seguito a collisione con collina nei pressi di Beauvais, il 5 ottobre 1930
Dimensioni e pesi
Struttura Dirigibile rigido
Lunghezza Originale:

224,0 m
735 ft
Dopo la II serie di modifiche del 1930:
236,8 m

777 ft
Diametro 40,0 m
131,3 ft
Volume Originale:

138 575,3 m³
4 893 740 cu.ft
Dopo la I serie di modifiche tra 1929 e 1930:
141 541,8 m³
4 998 501cft
Dopo la II serie di modifiche del 1930:
156 018,8 m³

5 509 753cft
Gas Idrogeno in 14 celle
Capacità Cabine::
50 cabine (singole, doppie e per 4 persone per un massimo di 100 posti) su due ponti
Carico utile: 35 ton
Propulsione
Motore 5 motori diesel
Beardmore Mk.I Tornado a 8 cilindri
Potenza 585 CV ciascuno
Prestazioni
Velocità max Originale:

114,3 km/h
61,5 mph
Dopo la II serie di modifiche del 1930:
99,0 km/h

61,5 mph

[1]

voci di dirigibili presenti su Wikipedia
Disastro dell'R101
Tipo di evento Rottura contenitore e combustione idrogeno
Data 4 ottobre 1930
Luogo Beauvais
Stato Francia Francia
Coordinate 49°23′55″N 2°06′06″E / 49.398611°N 2.101667°E49.398611; 2.101667Coordinate: 49°23′55″N 2°06′06″E / 49.398611°N 2.101667°E49.398611; 2.101667
Tipo di aeromobile Dirigibile
Nome dell'aeromobile R101
Partenza Cardington
Destinazione Karachi
Passeggeri 54
Vittime 48
Sopravvissuti 6
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia

[senza fonte]

voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

L'R101 fu un dirigibile rigido britannico per il trasporto passeggeri costruito nei cantieri della Royal Airship Works tra il 1926 e il 1930. Rimase distrutto in seguito ad un urto con una collina nei pressi di Beauvais, Francia, il 5 ottobre 1930, durante un volo Londra-Karachi. Assieme all'R100, costruito dall'azienda aeronautica Vickers che operava nel settore degli armamenti, l'R101 costituiva uno dei due prototipi per una nuova flotta di dirigibili, adattabili anche per scopi bellici e con un volume di ben 230.000 m3, che il governo inglese progettava di costruire.

Primi voli e modifiche[modifica | modifica wikitesto]

Il design dell'R101, che superava per dimensioni il dirigibile tedesco LZ 127 Graf Zeppelin, rappresentava un progetto radicalmente innovativo, in particolare per la struttura aerodinamica. Ma già dal suo primo volo, compiuto il 14 ottobre 1929, apparve evidente come l'R101 non disponesse di una spinta sufficiente per servire come aeronave commerciale, il carico utile era di sole 35 tonnellate, contro le 60 previste dal progetto. Vennero quindi effettuate alcune modifiche nelle struttura, rimuovendo parte della struttura di ancoraggio delle celle di gas per consentire di aumentare il gas contenuto nelle celle stesse portandolo da 138.575 m3 a 141.542 m3.

Anche con queste modifiche la spinta venne ritenuta insufficiente. Per questo motivo, il dirigibile venne sottoposto ad una radicale modifica, allungandolo a mezza nave per inserire un'altra cella per il gas e portare così il volume complessivo a 156.020 m3. Restavano però alcuni problemi relativi alla scarsa manovrabilità a causa delle ridotte dimensioni dei timoni di coda.
Nonostante questi problemi venne deciso comunque di effettuare un volo transcontinentale, in quanto il progetto rivale, l'R100, nel luglio 1930 aveva già effettuato una trasvolata in Canada.

Il disastro dell'R101[modifica | modifica wikitesto]

L'aeromobile decollò il 4 ottobre 1930 dagli hangar dei Royal Airship Works di Cardington, in Inghilterra, per un volo inaugurale che avrebbe dovuto concludersi nella città di Karachi, nell'odierno Pakistan (all'epoca facente parte dell'India britannica), ma che si interruppe nel nord della Francia dove avvenne l'incidente.

L'apparecchio, in seguito ad una perdita di quota, urtò una collina nelle vicinanze dell'abitato francese di Beauvais, non distante da Parigi, incendiandosi. Il forte vento aveva, infatti, parzialmente scoperchiato la copertura superiore causando la rottura di una delle celle del gas. Lo schianto avvenne a bassa velocità (20 km/h), ma innescò la combustione dell'idrogeno e l'incendio si diffuse rapidamente a tutta l'aeronave. Il numero delle vittime fu di 48 morti (46 deceduti nello schianto, 2 in ospedale) su un totale, tra equipaggio e passeggeri, di 54 persone.

La fine del programma britannico[modifica | modifica wikitesto]

Il disastro dell'R101 comportò l'immediato abbandono del programma dirigibilistico britannico: anche l'R100, nonostante il migliore design e la buona riuscita del volo inaugurale transatlantico nel luglio 1930 quando aveva raggiunto il Canada, venne demolito e rottamato nel 1931 assieme ai resti dell'R101.

L'incidente indusse anche i costruttori di dirigibili tedeschi a riconsiderare seriamente la sicurezza dell'idrogeno: le officine Zeppelin progettarono inizialmente l'LZ 129 Hindenburg per utilizzare un gas non infiammabile, l'elio, anche se le circostanze comportarono poi la necessità di utilizzare l'idrogeno anche per questo dirigibile, con le tragiche conseguenze del disastro del 6 maggio 1937.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Airship Heritage Trust - R101.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]