R. A. Lafferty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
R. A. Lafferty nel 1985 circa

Raphael Aloysius Lafferty (Neola, 7 novembre 1914Broken Arrow, 18 marzo 2002) è stato un autore di fantascienza e fantasy statunitense che si firma R. A. Lafferty.

Lafferty è noto per il suo uso originale del linguaggio, delle metafore e della struttura narrativa[1], come anche per il suo particolare ingegno etimologico. Ha anche scritto un ciclo di quattro romanzi autobiografici, In a Green Tree, un testo di storia, The Fall of Rome, e un certo numero di romanzi che potrebbero essere definiti storici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lafferty nacque il 7 novembre 1914 a Neola, nell'Iowa da Hugh David Lafferty (un uomo d'affari attivo nel settore petrolifero) e Julia Mary Burke, insegnante; era il più giovane di cinque fratelli e sorelle. Il suo primo nome, Raphael, derivò dal giorno in cui si prevedeva che sarebbe nato, (la festa dell'arcangelo Raffaele). All'età di quattro anni, la sua famiglia traslocò a Perry, nell'Oklahoma. Si diplomò alla Cascia Hall[2] e in seguito frequentò le scuole serali all'University of Tulsa per due anni, a partire dal 1933, studiando soprattutto matematica e tedesco, ma non completò gli studi. Iniziò a lavorare per la società "Clark Electric Co.", di Tulsa e per un quotidiano; in questo periodo (1939-1942), frequentò una scuola per corrispondenza, la International Correspondence School.

R. A. Lafferty visse per gran parte della sua vita a Tulsa, con la sorella Anna Lafferty. Si arruolò nell'Esercito degli Stati Uniti nel 1942. Dopo l'addestramento in Texas, in North Carolina, in Florida, e in California, venne inviato nel Pacifico meridionale, e prestò servizio in Australia, in Nuova Guinea, a Morotai e nelle Filippine. Quando si congedò nel 1946, aveva raggiunto il grado di 1st Sergeant (sergente), e prestava servizio nello stato maggiore; aveva ricevuto anche una Asiatic-Pacific Campaign Medal[3]. Non si è mai sposato.

Lafferty non iniziò a scrivere prima dei quarant'anni, negli anni cinquanta, ma alla fine produsse trentadue romanzi e più di duecento racconti, la maggior parte dei quali classificati come fantascienza. Il primo racconto pubblicato è The Wagons che uscì sul New Mexico Quarterly Review nel 1959. Il primo racconto di fantascienza pubblicato è Day of the Glacier, in The Original Science Fiction Stories nel 1960, e il suo primo romanzo ad essere pubblicato fu Maestro del passato (Past Master) nel 1968.[4]

Fino al 1971 Lafferty lavorò come ingegnere elettrico. Dopo quell'anno si dedicò completamente alla scrittura fino al 1980, quando la sua produzione calò a causa di un infarto. Smise di scrivere regolarmente nel 1984[5]. Nel 1994, soffrì di un infarto ancor più grave del precedente. Morì il 18 marzo 2002, all'età di 87 in una casa di riposo a Broken Arrow, nell'Oklahoma. Le sue carte, e altri oggetti di sua proprietà, sono state donate alla biblioteca McFarlin dell'University of Tulsa, Department of Special Collections and University Archives. Altri manoscritti sono conservati presso la biblioteca dell'University of Iowa.

Il funerale di Lafferty ebbe luogo presso la chiesa cattolica Christ the King di Tulsa, ed è sepolto al St. Rose Catholic Cemetery a Perry.[2]

Ha avuto un premio alla carriera, il World Fantasy Life Achievement, nel 1990, e un riconoscimento postumo, il Cordwainer Smith Rediscovery Award nel 2002.

Caratteristiche della narrativa di Lafferty[modifica | modifica wikitesto]

L'eccentrica prosa di Lafferty è influenzata dal racconto orale tradizionale, sia irlandese sia nativo americano: i suoi personaggi irsuti e racconti esagerati sono unici nella fantascienza. Ben poco di ciò che l'autore ha scritto viene considerato caratteristico del genere. Le sue storie sono più nel solco della tall tale americana che della fantascienza classica, e sono profondamente influenzati dalla sua fede cattolica; Quarta fase (Fourth Mansions, 1970), ad esempio, si basa su Il castello interiore di Santa Teresa d'Avila.

In ogni caso, i suoi scritti, sia per i temi sia per lo stile, non sono facilmente assegnabili a una singola categoria. La trama è spesso di secondaria importanza rispetto a tutto ciò che Lafferty mette nelle sue opere, e questo ha fatto sì che lo scrittore si ritrovasse un ristretto numero di fedeli ammiratori, ma anche che molti lettori rinunciassero a leggere le sue opere.

Non tutta l'opera di Lafferty rientra nella fantascienza o nella fantasy; il suo romanzo Okla Hannali[6] racconta la storia delle tribù Choctaw nel Mississippi, e dopo la Trail of Tears, in Oklahoma, mediante un inverosimile resoconto del personaggio di Hannali e della sua grande famiglia. Quest'opera è stata lodata dal romanziere Dee Brown[7], che ha pubblicato nel 1970 il prestigioso saggio Seppellite il mio cuore a Wounded Knee sulla violenta relazione tra i nativi americani e l'espansionismo degli Stati Uniti.

L'opera di Lafferty è rappresentata dall'agenzia letteraria Virginia Kidd[8], che conserva molti dei suoi manoscritti ancora inediti.[9]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia essenziale

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • World Fantasy Life Achievement 1990
  • Cordwainer Smith Rediscovery Award 2002

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gene Wolfe ha scritto in un'introduzione a Episodes of the Argo che "[Lafferty potrebbe essere] lo scrittore più originale in tutta la storia della letteratura"; Michael Swanwick ha scritto che "se Lafferty non esistesse, ci mancherebbe l'immaginazione necessaria per inventarlo", affermazione citata sulla quarta di copertina dell'edizione originale di Lafferty in Orbit; Neil Gaiman ha affermato che "i racconti [di Lafferty] sono senza precedenti"; Harlan Ellison ha scritto che "Lafferty sfida le nostre categorie; la sua opera è diversa da quella di chiunque altro".
  2. ^ a b "Sci-fi author R.A. Lafferty rites set." Tulsa World 21 marzo 2002, Final Home Edition, NEWS: 12. NewsBank. Web. 31 Mar. 2010.
  3. ^ https://www-perscom.army.mil/tagd/tioh/Awards/ASIATIC-PACIFIC1.html
  4. ^ "hugo award"&st=cse Rafael A. Lafferty, 87, Science Fiction Writer in The New York Times, 29 marzo 2002. URL consultato il 31 marzo 2010.
  5. ^ "R.A. Lafferty (1914-2002)", Locus, May 2002, p.9, 68.
  6. ^ pubblicato dalla University of Oklahoma Press
  7. ^ Sulla quarta di copertina dell'edizione di Okla Hannali pubblicata dalla University of Oklahoma Press, c'è una citazione di Dee Brown, nella quale egli afferma che "la storia degli indiani Choctaw è stata già raccontata e viene ancora raccontata, ma mai nel modo in cui la narra Lafferty... Hannali è una sorta di uomo-bufalo che dovrebbe diventare uno dei personaggi imperituri della letteratura degli indiani d'America." Ha anche scritto "È arte applicata alla storia, in modo che la leggenda dei Choctaw, i loro grandi e piccoli uomini, il loro splendido senso dell'umorismo, e le loro tragedie si riempiono di vita e di respiro."
  8. ^ "Virginia Kidd fu la prima agente letteraria donna nel settore della fantascienza, e nei trent'anni successivi rappresentò alcuni degli autori più importanti del genere, inclusi Ursula K. LeGuin, Anne McCaffrey, Gene Wolfe, R.A. Lafferty, Alan Dean Foster e tanti altri." "Virginia Kidd (1921-2003)"
  9. ^ "R.A. Lafferty (1914-2002), Locus, May 2002, p.9, 68.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 111665986 LCCN: n79145563