Quvenzhané Wallis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Quvenzhané Wallis (Houma, 28 agosto 2003) è un'attrice statunitense.

Nel gennaio 2013, all'età di nove anni, ottiene una candidatura all'Oscar alla miglior attrice, entrando nella storia del cinema come l'attrice più giovane ad essere candidata alla statuetta.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata in Louisiana, figlia di Qulyndreia, un'insegnante, e Venjie Wallis, Sr., camionista, ha tre fratelli, Qunyquekya, Venjie Jr. e Vejon. La prima parte del suo nome, "Quven", è l'unione dei nomi dei suoi genitori, mentre "zhané" significa fata in lingua swahili. Ha frequentato la Hounduras Elementary School di Houma, Louisiana.

All'età di cinque anni si presenta ad un provino per il ruolo da protagonista nel Re della terra selvaggia, mentendo sulla propria età, visto che l'età minima richiesta era di sei anni. La Wallis batte oltre 4.000 candidate al ruolo di Hushpuppy, un'indomabile bambina che vive assieme al padre in una sperduta comunità della Louisiana. Il regista del film, Benh Zeitlin, ha dichiarato di aver capito subito di aver scoperto quello che stava cercando, e ha cambiato lo script del film per dare spazio alla personalità della sua giovane protagonista.

Re della terra selvaggia viene presentato in anteprima al Sundance Film Festival nel gennaio 2012, ottenendo recensioni entusiastiche e vincendo il Gran Premio della Giuria. Successivamente la Wallis partecipa alla presentazione del film al Festival di Cannes 2012, dove vince il premio Caméra d'or per il miglior film. A livello individuale la Wallis ha ottenuto diversi riconoscimenti per la sua interpretazione, tra i premi come miglior attrice rivelazione dei National Board of Review Awards e Satellite Awards e una candidatura all'Oscar come migliore attrice.

Nel 2013 partecipa al film 12 anni schiavo del regista britannico Steve McQueen.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Premi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Quvenzhané Wallis, baby candidata all'Oscar, style.it. URL consultato il 10 gennaio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]