Qus (Egitto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Qus
città
Localizzazione
Stato Egitto Egitto
Governatorato Qena
Territorio
Coordinate 25°56′00″N 32°46′00″E / 25.933333°N 32.766667°E25.933333; 32.766667 (Qus)Coordinate: 25°56′00″N 32°46′00″E / 25.933333°N 32.766667°E25.933333; 32.766667 (Qus)
Abitanti 300 000
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Egitto
Qus

Qus (in lingua araba قوص, deriva dall'Antico Egiziano Gesa o Gesy ) è una città nel moderno governatorato di Qena, in Egitto, situata sulla riva orientale del Nilo. Il suo nome moderno è uno dei tanti della lingua arabo-egiziana presi in presitito dalla lingua Copta, l'ultimo fase di vita della antica lingua degli Antichi Egizi. Ai tempi dei Greco-Romani era conosciuta con il nome di Apollonopolis Parva o Apollinopolis Parva scritto in greco Ἀπόλλωνος ἡ μικρά[1]; Ἀπόλλων μικρός[2]), o Apollonos minoris[3].

L'antica città di Gesa si trovava sulla riva orientale del Nilo, e faceva parte del nomo di Hypseliote. La sua necropoli invece si trovava sulla riva opposta, quella occidentale.

Gesa era una città importante all'inizio della storia d'Egitto. Poiché all'epoca serviva come un punto di partenza per le spedizioni verso il Mar Rosso. La città gradualmente perse importanza fino all'apertura di un nuovo e alternativo percorso commerciale verso il Mar Rosso, nel XIII secolo. Così Qus prese il posto di Qift nei commerci con l'Africa, l'India e l'Arabia. E fu così che diventò la seconda più importante città islamica dell'Egitto medioevale preceduta solo dal Cairo.

Al giorno d'oggi solo due piloni del tempio Tolemaico di Harwer (Horus il Vecchio) e Heqet rimangono a testimonianza della città antica. Oggi la città di Qus è sede di un grande progetto commerciale, degli Stati Uniti e della Germania, di convertire in carta, gli scarti di lavorazione delle raffinerie di canna da zucchero (bagasse).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Steph. B. s. v.
  2. ^ Hierocl. p. 731
  3. ^ It. Anton. p. 158

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]