Quote Unquote

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quote Unquote
Artista Mr. Bungle
Tipo album Singolo
Pubblicazione 13 agosto 1991
Durata 6 min : 56 sec
Album di provenienza Mr. Bungle
Dischi 1
Genere Alternative metal
Funk metal
Rock sperimentale
Etichetta Warner Bros. Records

Quote Unquote è il titolo di una canzone dei Mr. Bungle, contenuta nell'album "Mr. Bungle" del 1991.

La canzone incomincia con un sottofondo in cui si ode uno dei membri della band russare, finché un urto di un qualcosa di fragile lo risveglia. La canzone in sé contiene una parodia della colonna sonora di Grease nel ritornello. Nel finale del brano, si possono udire delle campionature che dovrebbero ritrarre la band mentre salta dei treni, mentre un divertito John Zorn (che, tra l'altro, aveva anche prodotto l'album in cui la canzone è contenuta) suona in maniera estremamente stonata un sassofono.

Inizialmente la canzone era intitolata "Travolta". Per evitare di essere citati in giudizio, la stessa Warner Bros. Records incoraggiò i Mr. Bungle a cambiarne il titolo. Divenne così "Quote Unquote".

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Per suonare questa canzone durante i loro live, i Mr. Bungle erano soliti mascherarsi.
  • Questa canzone è l'unica dei Mr. Bungle ad avere un video ufficiale. Video che venne però censurato pesantemente da MTV, presentando delle scene molto inquietanti (come, per esempio, un gruppo di clown appesi ad un soffitto con dei ganci da macellaio conficcati nella schiena). Il video venne prodotto dalla Anti Pop Videos.