Quiriti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Quiriti (in latino Quirites) era l'endoetnonimo che i Romani utilizzavano per designare se stessi, come riportano per esempio Tito Livio[1] e Plutarco.[2]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Tradizioni antiche[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una tradizione antica, il termine era una corruzione di Curites (dalla città di Cures [2], patria del secondo re di Roma, Numa Pompilio), il nome della tribù di Sabini originariamente stanziati sul Quirinale e devoti al dio Quirino.[1]

All'origine della città, i Curiti, dopo essersi scontrati coi Latini di Romolo (il leggendario episodio del Ratto delle sabine), si fusero con essi divenendo un solo popolo e condividendo coi latini il governo della nascente Roma, tanto che il loro re Tito Tazio regnò assieme a Romolo: da questa unione derivò ai "Romani" l'appellativo di "Quiriti".[1] Per estensione, nel tempo, l'uso del termine Quiriti passò quindi ad indicare tutti i Romani nella loro condizione di cittadini liberi e dunque parte dello Stato.

Secondo invece Plutarco il termine Quiriti deriverebbe dal termine sabino che indica la spada (curis)[3]. Potrebbe altresì essere collegato alla Curia, intesa come assemblea di uomini (dal latino co-viria)[senza fonte].

Ipotesi della storiografia moderna[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Tito Livio, Ab Urbe condita libri, I, 13.
  2. ^ a b Plutarco, Vita di Romolo, 19, 9.
  3. ^ Plutarco, Vita di Romolo, 29, 1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma