Quinto Nevio Sutorio Macrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Quinto Nevio Sutorio Macrone, più conosciuto semplicemente come Macrone (in latino: Quintus Naevius Sutorius Macro; Alba Fucens, 16 a.C.? – 38), è stato un militare romano, prefetto del pretorio dal 31 al 38 dopo Seiano.

La sua esatta data di nascita è discussa, ma quella più probabile sarebbe il 16 a.C.: viene infatti riportato che al momento della morte avesse circa 53 anni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Macrone fu inizialmente prefetto dei vigili sotto l'imperatore Tiberio, mentre era prefetto del pretorio il potentissimo Seiano, che in pratica governava Roma mentre l'imperatore si trovava nella sua residenza di Capri. Avuto sentore delle sue aspirazioni a rimpiazzarlo sul trono imperiale, nel 31 d.C. Tiberio nominò come nuovo prefetto del pretorio Macrone e con il suo aiuto, fece arrestare e giustiziare Seiano.
Lo storico latino Tacito sostiene che Macrone fosse stato scelto da Tiberio per eliminare Seiano in quanto era "peggiore di lui".

Nel 37 d.C. morì Tiberio e si sparse la voce secondo cui lo stesso Macrone avesse partecipato assieme a Caligola, futuro imperatore, alla sua uccisione. L'appoggio di Macrone e della guardia pretoriana imposero al Senato l'accettazione del nuovo imperatore.

Macrone tuttavia entrò presto in conflitto con Caligola che, l'anno successivo lo destituì e lo fece accusare. Per evitare la confisca dei beni in seguito alla condanna, Macrone avrebbe scelto di suicidarsi.

Per lascito testamentario fece costruire un anfiteatro ad Alba Fucens, sua città natale, come testimoniano le iscrizioni che tuttora si conservano tra i resti dell'edificio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]