Quinto Fufio Caleno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quinto Fufio Caleno
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Quintus Fufius Calenus
Gens Fufia
Consolato 47 a.C.

Quinto Fufio Caleno (lat. Quintus Fufius Q. f. C. n. Calenus; ... – ...) è stato un politico e militare romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 61 a.C. fu tribuno della plebe e riuscì a far assolvere Publio Clodio Pulcro, che aveva profanato i riti della Bona Dea e di ciò fu in seguito accusato da Cicerone.

Quindi come pretore prese parte nel 59 a.C. per Cesare. Fece approvare una legge che di fatto permetteva il controllo delle giurie. (Dione Cassio XXXVIII, 8).

Nel 51 a.C. combatté in Gallia come legato di Cesare.

Lo stesso fece nella guerra contro Pompeo ed in Spagna nel 49 a.C.

Nel ritorno dalla Spagna perdette una parte della flotta affidatagli ed assoggettò parte della Grecia ma non partecipò alla battaglia di Farsalo.

Prese parte alla Guerra Alessandrina.

Nel 47 a.C. fu eletto console con P. Vatinio grazie all'influenza di Cesare. Dopo la morte di Cesare si schiererà con i triumviri e poi si unì a Marco Antonio, quando questi ruppe con Ottaviano.

Fu avversario di Cicerone, che lo odiava. Nel 43 a.C., si opposava nelle senato ai proposizioni di Cicerone di fare la guerra contro Marco Antonio (Filippiche).

Morì nel 41 a.C., mentre si trovava ai piedi delle Alpi con le sue truppe, pronto a marciare contro Ottaviano. Il figlio, che prese il suo posto, schierò invece le truppe con Ottaviano.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Gaio Giulio Cesare II
Publio Servilio Vatia Isaurico I
47 a.C.
con Publio Vatinio
Gaio Giulio Cesare III
Marco Emilio Lepido I