Quintino di Vermand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "San Quintino" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi San Quintino (disambigua).
San Quintino di Vermand
Martirio di san Quintino, olio su tela di Jacopo Pontormo, 1517-1518, Sansepolcro, Pinacoteca Comunale.
Martirio di san Quintino,
olio su tela di Jacopo Pontormo, 1517-1518,
Sansepolcro, Pinacoteca Comunale.

Martire

Nascita Roma?
Morte Saint-Quentin?, 287
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 31 ottobre
Attributi Chiodi,
Patrono di Alliste, Gossolengo, Montechiarugolo

Quintino di Vermand (... – Augusta Viromanduorum (l'attuale Saint-Quentin), 287) fu un santo di origine romana, che subì il martirio in Gallia.

Di questo santo esistono pochissime testimonianze storiche, per cui risulta difficoltoso ricostruirne la vita e le opere. Secondo la sua agiografia era un cittadino romano, forse figlio di un senatore di nome Zeno e fu martirizzato in Gallia dove si era recato in compagnia di san Luciano di Beauvais. Giunto ad Amiens iniziò ivi a predicare il Vangelo ma venne incarcerato per questo per volere del prefetto romano Riziovaro, nominato dall'imperatore Massimiano ed accanito persecutore dei Cristiani.

Busto argenteo del santo venerato nella parrocchiale di Alliste

Sempre secondo la leggenda Quintino venne incatenato e torturato ripetutamente per indurlo a ripudiare la sua fede cristiana, ma senza successo. Fu così che il prefetto Riziovaro si trasferì a Reims, capitale della Gallia Belgica, dove ordinò venisse portato anche Quintino affinché venisse sottoposto a giudizio. Tuttavia, durante il viaggio, nei pressi di una località chiamata Augusta Veromanduorum (l'attuale Saint-Quentin), Quintino riuscì miracolosamente a fuggire e a proseguire la sua opera di evangelizzazione. Tuttavia, non datosi per vinto, Riziovaro lo fece catturare nuovamente e, dopo averlo torturato, lo fece decapitare e gettare i suoi resti nelle paludi della Somme.

Secondo la leggenda, cinquantacinque anni dopo, una donna affetta da cecità, di famiglia patrizia, giunse nel luogo dove era stato gettato il corpo di Quintino, seguendo una ispirazione divina e miracolosamente ritrovò i resti del santo che emersero dall'acqua della palude emanando un "odore di santità". Ella seppellì il suo corpo sulla sommità di un monte e vi eresse una piccola cappella per proteggere la sepoltura, e, fatto ciò, recuperò miracolosamente la vista.

Composizioni musicali dedicate al santo[modifica | modifica wikitesto]

Esiste un mottetto in latino intitolato Sanctae Quintinae per timbro vocale di baritono ed organo (o quartetto strumentale) la cui prima esecuzione si è tenuta nella Chiesa di San Quintino a Gossolengo, sotto la statua che lo ritrae con la palma del martirio, in occasione della festività del Santo Patrono lo scorso 29 ottobre 2010. Ne è autore il compositore e musicologo Mario G.Genesi: questo brano fa parte della serie dei 40 Mottetti Piacentini, dedicati ad altrettanti santi e sante del "santorale" locale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 50367208

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie