Quinta colonna (programma televisivo Rete 4)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Quinta Colonna (Rete 4))
Quinta Colonna
Anno dal 2012
Genere Approfondimento, talk show
Ideatore Paolo Del Debbio
Produttore Videonews
Presentatore Paolo Del Debbio
Regia Giorgio Bardelli
Rete Rete 4, Rete 4 HD (504),
Mediaset Extra (in replica)
Sito web Quinta Colonna

Quinta Colonna è un talk show politico italiano in onda dal 27 agosto 2012 su Rete 4 con la conduzione del giornalista economico Paolo Del Debbio. Dal 22 aprile 2013 al 6 dicembre 2013 è andato in onda, sempre su Rete 4, anche lo spin-off giornaliero, condotto sempre da Paolo Del Debbio, Quinta Colonna - Il Quotidiano.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

Il programma è partito il 27 agosto 2012 e nelle intenzioni originarie di Mediaset doveva terminare il 1 ottobre 2012, ovvero la trasmissione doveva andare in onda per sei puntate settimanali sperimentali in prima serata su Rete 4[1]. Siccome tali puntate hanno ottenuto una media auditel pari a 1.594.000 spettatori e il 06,88% di share, Mediaset decise di aumentare il numero delle puntate grazie ai buoni dati d'ascolto appena elencati, risultati in linea con la media auditel di Rete 4 di quel periodo storico. Fino a giugno 2013 il programma è andato in onda in diretta dallo studio 14 di Cologno Monzese (MI). Dal settembre 2013 il programma va in onda sempre in diretta, ma per questioni logistiche e organizzative legate alla messa in onda, dallo studio 1 del Centro Palatino di Roma. Gli argomenti trattati riguardano solo ed esclusivamente politica ed economia[2][3][4][5][6][7]. Lo studio è stato realizzato in modo che tenda ad assomigliare ad un'arena: i colori dello studio e della sigla hanno come sfumatura principale l'arancione, che è anche il colore del logo di Rete 4. Inoltre, il pubblico ha la possibilità di esprimere la propria opinione sui vari temi che vengono trattati e ci sono anche collegamenti dalle varie piazze d'Italia[8].

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Alcune controversie relative a questo programma sono le seguenti:

  • Il 17 ottobre 2012[9] la stampa italiana riporta la notizia secondo la quale alcuni dirigenti nazionali del PDL avrebbero chiesto a Silvio Berlusconi di telefonare a Mediaset per far cancellare il programma condotto da Paolo Del Debbio: il presidente del PDL, però, ha respinto le richieste perché in caso di accoglimento di tale richiesta si cadrebbe nel conflitto di interessi tra il Berlusconi politico (presidente del PDL) e il Berlusconi imprenditore (azionista di riferimento di Mediaset).
  • Nell'intervista rilasciata il 9 settembre 2013[10] per annunciare il ritorno del programma dopo la consueta pausa estiva, Paolo Del Debbio ha smentito le voci, circolate nelle settimane precedenti, secondo le quali lui sarebbe lo spin doctor di Marina Berlusconi, da molti indicata come possibile nuovo presidente del PDL al posto del padre Silvio.

Parodie del programma[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno 2013 nel programma televisivo Quelli che il calcio condotto da Nicola Savino su Rai 2 era presente una parodia, che ottenne molto successo presso il pubblico e la critica, di Quinta Colonna intitolata Quelli che in Colonna La Domenica[11] con l'imitazione di Del Debbio da parte del comico Ubaldo Pantani con l'ausilio di inviati e della presenza fissa di Savino[12][13]. Si noti che il titolo della parodia ricorda molto quello dello spin-off, cioè Quinta Colonna - Il Quotidiano. Altre parodie sono andate in onda in altri programmi comici.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Prima edizione[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione è andata in onda dal 27 agosto al 17 dicembre 2012 con la conduzione del giornalista economico Paolo Del Debbio su Rete 4 ogni lunedì in prima serata con una media auditel di 1.693.125 spettatori e il 6,91% di share. Da notare che la puntata dell'8 ottobre 2012 si scontra con Rock Economy, lo show di Adriano Celentano trasmesso in esclusiva da Canale 5: in ogni caso bisogna notare che tutte le puntate di questa prima edizione (nata inizialmente come esperimento[1] e soprattutto per ammortizzare, in sei puntate settimanali fino a lunedì 1 ottobre 2012[1], i costi dello studio a suo tempo usato per la programmazione estiva di Canale 5) hanno battuto lo storico talk politico rivale in onda su La7, ovvero il programma di Rete 4 ha sempre doppiato L'Infedele[14] condotto da Gad Lerner fin dal settembre 2002. A causa di quanto detto, la dirigenza di La7 ha dichiarato, in data 25 novembre 2012[15], di aver deciso di istituire una nuova edizione di Piazzapulita sotto la conduzione di Corrado Formigli: questa terza nuova edizione sostituisce l'undicesima edizione del talk di Lerner (il quale è stato chiuso in modo definitivo il 10 dicembre 2012 su richiesta[16][17] di Lerner) nella "sfida auditel del lunedì sera" (molto accesa in vista delle elezioni politiche di febbraio 2013) di La7 contro Rete 4 e, quindi, a partire dal 7 gennaio 2013, il talk di Formigli si scontrerà con la seconda edizione del talk di Del Debbio.

Seconda edizione[modifica | modifica wikitesto]

Visto il successo di auditel e di critica ottenuto dalla prima edizione (che in origine doveva terminare il 1 ottobre 2012), Mediaset creò la seconda edizione (confermando quindi il programma nel palinsesto ufficiale) che è andata in onda dal 7 gennaio 2013 al 15 giugno 2013 con la conduzione del giornalista economico Paolo Del Debbio su Rete 4 ogni lunedì in prima serata con una media auditel di 1.748.565 spettatori e il 6,96% di share. Come già detto, questa seconda edizione del talk di Del Debbio si scontra con la terza edizione di Piazzapulita, talk show condotto da Corrado Formigli su La7: notare che i dati auditel dei due programmi non sono esattamente confrontabili in quanto Piazzapulita termina alle ore 00.24[18], ovvero trenta minuti dopo il termine di Quinta Colonna e quindi, a causa di questa mezz'ora di ritardo, il primo ha uno share leggermente superiore rispetto al secondo, nonostante la lieve differenza nel numero dei telespettatori (in quanto lo share, specie delle reti minori durante i giorni feriali, all'aumentare dell'orario si innalza: a sostegno di tale tesi si veda, a titolo di esempio, i dati auditel dei programmi del sabato sera come Ballando con le stelle su Rai 1, note trasmissioni che terminano verso le ore 00.30 circa). Il talk di Del Debbio ha sempre vinto contro quello di Formigli tutte le "sfide auditel" in prima serata: dal 22 aprile 2013 parte lo spin-off giornaliero Quinta Colonna - Il Quotidiano.

Terza edizione[modifica | modifica wikitesto]

La terza edizione è andata in onda dal 9 settembre 2013 al 9 dicembre 2013 con la conduzione del giornalista economico Paolo Del Debbio su Rete 4 ogni lunedì in prima serata con una media auditel di 1.169.050 spettatori e il 4,91% di share. Il direttore responsabile di questa terza edizione era Mario Giordano che è succeduto a Claudio Brachino, direttore di Videonews durante le prime due edizioni. A causa del calo di ascolti, in alcune puntate di questa terza edizione Del Debbio ha perso alcune sfide auditel contro Piazzapulita, il talk show politico di La7 condotto da Corrado Formigli; inoltre, per motivi di risparmio, la versione quotidiana del programma si conclude definitivamente il 6 dicembre 2013 e quindi dal 13 gennaio 2014 torna solo nella sua versione originale, ormai giunta alla sua quarta edizione.

Quarta edizione[modifica | modifica wikitesto]

La quarta edizione è andata in onda dal 13 gennaio al 25 maggio 2014 con la conduzione del giornalista economico Paolo Del Debbio su Rete 4 ogni lunedì in prima serata con una media auditel di .. spettatori e il ,% di share. Dal 20 gennaio 2014 entra nel cast della trasmissione l'attore Fabrizio Bracconeri (ex collaboratore di Rita dalla Chiesa a Forum) con il ruolo dell'inviato prendendo il posto di Gabriele Petronio (il quale ha lasciato il programma nella puntata andata in onda nella settimana precedente). Dal 24 gennaio 2014, a causa dei bassi ascolti (inferiori al 5% di share e quindi al di sotto della media auditel di Rete 4), la direzione responsabile di questa quarta edizione passa da Mario Giordano a Claudio Brachino perché Giordano è stato chiamato a dirigere il TG4 al posto di Giovanni Toti. Dal 7 aprile 2014 Bracconeri lascia il programma. Al termine della stagione, nonostante il declino degli ascolti, la trasmissione viene confermata, nei palinsesti pubblicati da Publitalia nel luglio 2014, per l'intera stagione 2014-2015 il lunedì in prima serata su Rete 4, mentre l'ex spin-off quotidiano sparisce definitivamente e ufficialmente dal palinsesto mettendo fine ad alcune speculazioni giornalistiche che davano per possibile il ritorno dell'ex spin-off chiuso nel dicembre 2013.

Quinta Colonna - Il Quotidiano[modifica | modifica wikitesto]

Quinta Colonna - Il Quotidiano è stato un talk show politico italiano in onda, per due edizioni consecutive nel 2013, nell'access prime time di Rete 4 dal lunedì al venerdì con la conduzione del giornalista economico Paolo Del Debbio.

Edizione Periodo Conduttore Studio Produttore Direttore responsabile Media auditel
Prima Da lunedì 22 aprile 2013
a venerdì 19 luglio 2013
Paolo Del Debbio Studio 10 di Cologno Monzese Videonews Claudio Brachino 1.218.000 telespettatori - 4,9% di share
Seconda Da lunedì 26 agosto 2013
a venerdì 6 dicembre 2013
Paolo Del Debbio Studio 1 del Centro Palatino di Roma Videonews Mario Giordano .. telespettatori - ,% di share

Da lunedì 22 aprile 2013 a venerdì 19 luglio 2013[19][20][21] va in onda, in diretta da un'ala dello studio 12 di Cologno Monzese con la conduzione di Paolo Del Debbio[22], la prima edizione di Quinta Colonna - Il Quotidiano, uno spin-off trasmesso dal lunedì al venerdì sotto forma di "striscia quotidiana" nell'access prime time di Rete 4, precisamente in onda dalle ore 20.30 alle 21.15 circa, seguendo il modello dell'appuntamento del lunedì sera.[23] La media auditel della prima edizione, che aveva Claudio Brachino come direttore responsabile, è di 1.218.000 telespettatori con il 4,9% di share.[24] Questo spin-off è il primo talk politico (dai tempi dell'anchorman Gianfranco Funari oltre venti anni prima) di Mediaset nell'access prime time e si pone come il diretto concorrente del più noto programma di La7 Otto e mezzo, talk show in onda dal 2001 con buoni risultati auditel: si noti che lo spin-off guidato da Del Debbio ha ottenuto buone recensioni[25][26][27] dalla critica e alcune volte è persino riuscito a battere[28] il rivale di La7 guidato da Lilli Gruber. Secondo la critica, la "striscia quotidiana" di Del Debbio ha progressivamente modificato il format della trasmissione avvicinandosi ad una specie di "via di mezzo" tra quello della concorrenza e quello del collaudato appuntamento del lunedì in prima serata. Lunedì 26 agosto 2013[29] partì la seconda edizione, sempre prodotta da Videonews con la conduzione di Del Debbio, questa volta in onda dallo Studio 1 del Centro Palatino di Roma e con Mario Giordano come direttore responsabile: venerdì 6 dicembre 2013 lo spin-off fu cancellato in modo definitivo per esigenze di risparmio[30] (e al suo posto arrivò la IX stagione inedita della soap opera Tempesta d'amore preceduta da Il segreto).

Parte della critica ipotizzò pressioni politiche[30] dietro la chiusura della versione quotidiana: qualche mese dopo fine dello spin-off quotidiano[30] Del Debbio ha svelato, in una intervista rilasciata ad Andrea Scanzi[30], che a suo tempo alcuni politici dell'allora PDL avevano fatto pressioni presso Mediaset per far chiudere il suo spin-off quotidiano.[30]

Durante l'autunno 2013 Rete 4 alcune volte (quasi sempre al mercoledì, ma alcune volte al giovedì) mandò in onda le partita di calcio della UEFA Europa League e quindi è accaduto che la messa in onda della versione quotidiana venisse cambiata: spesso accadde che la puntata dello spin-off andasse in onda in durata ridotta dalle 20:30 alle 20:50 circa, ma in varie occasioni la puntata della versione quotidiana è stata annullata dando spazio direttamente all'anteprima della partita: invece giovedì 24 ottobre 2013[31] la puntata dello spin-off è andata in onda dalle 21:00 fino alle 21:25 perché la partita di UEFA Europa League era andata in onda nel preserale[31] dalle 19.00 alle 21.00 circa.

Nel giugno 2014 Carlo Freccero ha rilasciato una clamorosa recensione a favore di Del Debbio con le seguenti parole[32]: «Per quel che riguarda Del Debbio, credo che abbia fatto bene il suo lavoro: la sua striscia quotidiana era il vero telegiornale di Rete4 [a quel tempo diretto da Giovanni Toti - ndr], che dava una forte identità alla rete, cancellando definitivamente il ricordo di Fede, lanciando in maniera egregia la puntata estesa del lunedì».[32]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c [1]
  2. ^ [2]
  3. ^ [3]
  4. ^ [4]
  5. ^ [5]
  6. ^ [6]
  7. ^ [7]
  8. ^ [8]
  9. ^ [9]
  10. ^ [10]
  11. ^ [11]
  12. ^ [12]
  13. ^ [13]
  14. ^ Notare che la puntata di esordio, in onda lunedì 27 agosto 2012, di Quinta Colonna su Rete 4 si è scontrata con Bersaglio Mobile, programma speciale di La7 condotto da Enrico Mentana che si occupa delle esclusive giornalistiche della redazione del telegiornale di La7 diretto da Mentana: anche in questo caso Rete 4 ha battuto La7 negli ascolti suscitando sorpresa nella critica.
  15. ^ [14]
  16. ^ [15]
  17. ^ [16]
  18. ^ [17]
  19. ^ [18]
  20. ^ [19]
  21. ^ [20]
  22. ^ [21]
  23. ^ [22]
  24. ^ [23]
  25. ^ [24]
  26. ^ [25]
  27. ^ [26]
  28. ^ [27]
  29. ^ [28]
  30. ^ a b c d e [29]
  31. ^ a b [30]
  32. ^ a b [31]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione