Quilapayún

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quilapayún
Paese d'origine Cile Cile
Genere Folk
Nueva Canción Chilena
Musica latina
Rock sperimentale
World music
Periodo di attività 1965in attività
Etichetta Dicap, Odeon, Warner Music
Album pubblicati 34
Sito web

I Quilapayún (parola che in lingua mapuche significa tre barbe) sono un gruppo musicale formato a Santiago del Cile nel luglio del 1965 dai fratelli Eduardo e Julio Carrasco insieme a Julio Numhauser.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I tre fondatori costituirono il gruppo con l'intento di ricercare nuove sonorità nell'ambito della musica popolare cilena e latinoamericana e di differenziarsi da ciò che era esistito fino a quel momento. Alla formazione iniziale, che tenne in trio le prime sporadiche apparizioni nei circoli universitari, si aggiunsero dapprima Patricio Castillo (la cui presenza intermittente sarebbe durata fino al 1970) e più tardi, in maniera definitiva, Carlos Quezada, Willy Oddó, Hernán Gómez e Rodolfo Parada.

Dopo aver lavorato per breve tempo con Ángel Parra e aver tenuto i primi concerti a Valparaíso e Santiago, al gruppo si aggregò come direttore artistico Víctor Jara, che avrebbe elaborato le modalità interpretative e scenografiche che avrebbero reso famosi i Quilapayún insieme alle loro barbe e ai poncho neri.

I primi due album servirono a delineare i temi contenutistici e musicali del gruppo, mentre una svolta significativa si ebbe nel 1968 con Por Vietnam, disco paradigmatico nell'ambito della canzone popolare rivoluzionaria, cui seguì nel 1970 la Cantata Santa María de Iquique, di Luis Advis.

Dopo il successo di Salvador Allende nel 1970, divennero ambasciatori culturali cileni e intensificarono le proprie tournée in Europa, oltre ad ottenere grande successo in Argentina e Uruguay. In quel periodo alternarono canzoni e opere di appoggio deciso alla causa della Unidad Popular ad altre di attacco ai settori conservatori, con lavori come Quilapayún 5, dove delinearono nuovi percorsi creativi.

I Quilapayún erano in tournée in Europa durante il golpe di Augusto Pinochet dell'11 settembre 1973, dopo il quale rimasero in Francia[1] in un esilio che si prolungò a tempo indeterminato. Fin dal principio furono protagonisti di azioni di solidarietà verso la causa cilena e produssero nuovi dischi di denuncia della situazione del Paese.

Alla fine degli anni settanta il gruppo rivide la propria collocazione tra arte e politica, anche alla luce della collaborazione col poeta surrealista Roberto Matta, ed ebbe dei contrasti con la Sinistra cilena. In questa fase furono raggiunti alti gradi di sviluppo musicale, anche grazie all'apporto di musicisti quali Gustavo Becerra e Juan Orrego Salas e all'ingresso nel gruppo del giovane compositore Patricio Wang.

Dopo che quasi tutti gli esiliati poterono rientrare in Cile, i Quilapayún realizzarono un tour nel Paese (inizio 1989), dopodiché Eduardo Carrasco abbandonò il gruppo, permettendo a Rodolfo Parada e Patricio Wang di assumerne la guida. Durante gli anni novanta, per vari motivi, l'attività del gruppo si ridusse considerevolmente e furono prodotti solo due nuovi dischi e due antologie in circa 15 anni. In questo periodo si profilò una crisi all'interno del gruppo, legata al disaccordo di alcuni componenti rispetto alla gestione di Parada. Alla fine i membri storici rimasti, Gómez e Lagos, lasciarono il gruppo, e intorno a loro gli altri componenti originari dei Quilapayún si riunirono nel settembre 2003 per cantare in Cile in omaggio ad Allende. Contemporaneamente, Parada e Wang, insieme a Patricio Castillo, continuarono a portare avanti il gruppo in Francia con nuovi membri.

Attualmente le due formazioni (la fazione storica e la fazione francese) sono a giudizio in Cile per l'uso del nome e del logo, mentre l'analoga causa in Francia (dicembre 2007) è stata vinta da Carrasco e gli altri storici.

Proprio al dicembre 2007 risale l'ultimo tour del gruppo di Parada, avvenuto in Cile per i 100 anni dal massacro di operai di Santa María de Iquique; al contrario, il gruppo di Carrasco ha svolto varie tournée in Cile, Francia e Spagna ed ha annunciato un nuovo disco per la fine del 2009.

Membri[modifica | modifica sorgente]

Formazione attuale Quilapayún (o di Eduardo Carrasco)[modifica | modifica sorgente]

Formazione attuale Quilapayún fazione francese (o di Rodolfo Parada)[modifica | modifica sorgente]

Ex membri[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il 15 settembre 1973 suonarono all'Olympia di Parigi, diventando i primi cileni ad esibirvisi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica