Quiet Nights (Miles Davis)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quiet Nights
Artista Miles Davis
Tipo album Studio
Pubblicazione 16 dicembre 1963[1]
Durata 26 min : 57 s
Dischi 1
Tracce 7
Genere Jazz
Bossa nova
Etichetta Columbia Records
Produttore Teo Macero
Registrazione 27 luglio 1962 - 17 aprile 1963 Columbia 30th Street Studio, New York, e Columbia Studio, Hollywood, CA
Miles Davis - cronologia
Album precedente
(1963)
Album successivo
(1964)

Quiet Nights è un album di Miles Davis con Gil Evans pubblicato nel 1963 dalla Columbia Records.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Le prime sei tracce furono registrate nel 1962 con una orchestra diretta da Evans, mentre Summer Night risale al 1963 e venne eseguita dal quintetto jazz di Davis composto da George Coleman, Victor Feldman, Ron Carter e Frank Butler, durante le sessioni per l'album Seven Steps to Heaven.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Lato A
  1. Song No. 2 (aka Prenda Minha, RS folklore/Brasile) - 1:35
  2. Once upon a Summertime (Johnny Mercer, Michel Legrand, Eddie Marnay, Eddie Barclay) - 3:25
  3. Aos pés da cruz (Marino Pinto, Zé da Zilda, João Gilberto) - 4:14
  4. Song No. 1 (Evans, Davis) - 4:32
Lato B
  1. Wait Till You See Her (Richard Rodgers, Lorenz Hart) - 4:02
  2. Corcovado (Antonio Carlos Jobim) - 2:41
  3. Summer Night (Al Dubin, Harry Warren) - 6:03

La riedizione in CD contiene anche The Time of the Barracudas, strumentale registrato nel 1963 per una omonima commedia teatrale di Peter Barnes. Sulla traccia suona un'altra orchestra diretta da Evans, e la sezione ritmica del quintetto anni sessanta di Davis composta da Herbie Hancock, Ron Carter e Tony Williams.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Quiet Nights in The Official Miles Davis Site. URL consultato il 27 agosto 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Miles Davis con Quincy Troupe, Miles. L'autobiografia, Roma, Minimum Fax, 2010, p. 579, ISBN 978-88-7521-246-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Quiet Nights in The Official Miles Davis Site. URL consultato il 27 agosto 2014.
jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz