Queyras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Queyras / Valle del Guil
Il Forte Queyras a Château Queyras
Il Forte Queyras a Château Queyras
Stato Francia Francia
Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Alte Alpi
Località principali Arvieux, Abriès, Aiguilles, Ceillac, Château-Ville-Vieille, Molines-en-Queyras, Ristolas e Saint-Véran
Fiume Guil

Il Queyras è una regione francese situata nel dipartimento delle Alte Alpi.

Rappresenta l'estensione geografica del fiume Guil, un affluente del fiume Durance e, pertanto, può anche venire chiamata Valle del Guil.

La regione ospita il Parco naturale del Queyras.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La valle è delimitata a nord e ad est dalla frontiera con l'Italia; a sud si trova la valle dell'Ubaye; infine ad ovest si trova la valle della Durance.

Monti[modifica | modifica sorgente]

Le montagne che contornano il Queyras fanno parte delle Alpi Cozie. Tra queste ricordiamo:

Valichi alpini[modifica | modifica sorgente]

Alcuni valichi alpini particolarmente importanti sono presenti nel territorio del Queyras:

Altri valichi sono:

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Nel Queyras sono presenti otto comuni, oggi raggruppati in una comunità: Arvieux, Abriès, Aiguilles, Ceillac, Château-Ville-Vieille, Molines-en-Queyras, Ristolas e Saint-Véran.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Queyras fu abitato nell'antichità da una popolazione celto-ligure, i Quariates.

Si pensa che Attila viaggiò attraverso il Queyras, durante le sue marce per la conquista di varie aree dell'Europa.

Il Queyras costituì, dal 1343 al 1789 uno dei quattro e poi uno dei cinque cantoni della Repubblica degli Escartons.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Il Queyras possiede una delle parti più antiche delle Alpi[senza fonte], che furono aperte al turismo solo verso la fine del XIX secolo: grazie a questo, la regione fu in grado di proteggersi dal turismo di massa che aveva distrutto molte aree di interesse nel mondo.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]