Questione d'onore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questione d'onore
Titolo originale Tit for Tat
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1935
Durata 19 min

16 min (versione doppiata da Mauro Zambuto e Alberto Sordi)

Colore B/N - a colori (col doppiaggio di Enzo Garinei e Giorgio Ariani)
Audio sonoro
Genere cortometraggio, comico
Regia Charley Rogers
Soggetto Stan Laurel
Sceneggiatura Stan Laurel, Frank Tashlin
Produttore Hal Roach
Fotografia Art Lloyd
Montaggio Bert Jordan
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

1° doppiaggio (frammentato)

2° doppiaggio (integrale)

Questione d'onore (Tit for Tat) è un cortometraggio del 1935 diretto da Charley Rogers e interpretato da Stanlio e Ollio.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Stanlio e Ollio aprono un negozio di elettronica a fianco alla drogheria del sig. Hall. Quest'ultimo il quale si era già scontrato in una precedente circostanza con la coppia (pare faccia riferimento a Vita in campagna), pensa che Ollio stia facendo delle avances a sua moglie (Mae Busch) che lo ha aiutato a scendere da una finestra, dopo un incidente con l'inetto Stanlio. Così Hall lo minaccia di linciarlo se egli si fosse ripermesso di rivolgere la parola alla sua signora. Ollio è tremendamente avvilito perché il suo onore da venditore è stato appena infangato e quando lui e Stanlio vanno ad esigere le scuse di Hall nella drogheria, un ladro li svaligia pian piano il negozio.
L'uomo non accetta per niente la proposta e colpisce Ollio con un mestolo e questi lo ripaga con la stessa moneta e se ne va con Stanlio, mangiando prima, per sfregio, alcuni pasticcini. Hall va nel loro negozio a sfasciare ai due alcune apparecchiature e Stanlio e Ollio rispondono alle sue offese, mentre lo strano ladro intento continua ad entrare nel negozio di elettronica rubando vari oggetti. Alla fine, alla quasi completa distruzione dei due negozi, interviene un poliziotto e Hall, data l'infondatezza delle sue accuse, è costretto a chiedere scusa ai due, ma dopo tira un calcio a Stanlio, perché questi aveva eseguito il baciamano alla signora Hall.

Scene tagliate[modifica | modifica sorgente]

Nella versione del primo doppiaggio italiano, il film riporta numerosi tagli di sequenze rispetto alla versione doppiata dalla coppia Garinei/Ariani.

  • Infatti manca una gag di Stanlio e Ollio in cui quest'ultimo deve salire su una scala per mettere le lampadine sull'insegna del negozio, ma da la sua bombetta a Stanlio che, lasciando il secchio di lampadine glielo riconsegna e viceversa, fino a quando Ollio, esasperato, gli tira in testa una lampadina!
  • Altri tagli sono stati effettuati nei dialoghi tra Ollio con Mae Busch e con Charlie Hall.

Il doppiaggio degli anni ottanta, sebbene integro, riporta numerose frasi che non corrispondono alla traduzione fedele delle battute originali, e ciò fa perdere molta qualità ed ilarità alle scene.

Citazioni[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema