Queen's House

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Queen's House

La Queen's House a Greenwich, è una residenza reale inglese, i cui lavori si svolsero fra il 1614 ed il 1617 su progetto e per la direzione dei lavori dell'architetto Inigo Jones, all'inizio della sua carriera architettonica, per la regina Anna di Danimarca, consorte di Giacomo I d'Inghilterra. Il sito venne ristrutturato dallo stesso Jones, intorno al 1635, su commissione della regina Enrichetta Maria, consorte di Carlo I.

La Queen's House è uno dei più importanti edifici nella storia dell'architettura britannica, essendo stato il primo costruito consapevolmente come classico in Gran Bretagna. Alcuni precedenti vi erano, come ad esempio quello rappresentato dalla Longleat House, che avevano usufruito di prestiti dello stile classico, ma erano appunto interventi limitati a piccoli dettagli e non erano applicazioni fatte in modo sistematico. Né la forma di questi edifici era informato ad una vera e propria comprensione dei precedenti classici.

La Queen's House fu la prima grossa commissione affidata a Jones dopo il suo ritorno dal grand tour che aveva compiuto in Italia per studiare le architetture romana, rinascimentale e palladiana. Sarebbe apparso rivoluzionario ad un Inglese che avesse guardato con gli occhi del suo tempo. Jones cominciò infatti ad introdurre i concetti ed il gusto del Palladianismo proprio in questa costruzione, che deve essere apparsa davvero rivoluzionaria agli occhi degli inglesi coevi. Sebbene il complesso si discosti dal vincoli matematici del Palladio ed è probabile che il diretto ispiratore del piano a forma di H, sia una strada che è a villa medicea a Poggio a Caiano in provincia di Prato, opera di Giuliano da Sangallo. Oggi è sia un monumento classificato di I grado sia un monumento schedato come nazionale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]