Quarto libro di Baruc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Quarto libro di Baruc o Omissioni di Geremia è un apocrifo dell'Antico Testamento, pseudoepigrafo di Baruc 'segretario' di Geremia durante l'esilio di Babilonia (VI secolo a.C.). Scritto in greco nella metà II secolo d.C., è di origine giudaica con successiva rielaborazione cristiana.

Descrive l'operato di Geremia e Baruc presso i deportati durante l'esilio di Babilonia

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Traduzione inglese a cura di R.A. Kraft dal sito ccat.sas.upenn.edu
  • (EN) Testo greco dal sito Online Critical Pseudoepigrapha
  • (EN) Voce su earlyjewishwritings.com
apocrifi Portale Apocrifi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di apocrifi