Quartetto n. 1 (Janáček)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quartetto per archi n. 1
Sonata a Kreuzer'
Compositore Leoš Janáček
Tipo di composizione Quartetto d'archi
Epoca di composizione 1923
Prima esecuzione 17 ottobre 1924
Durata media 18 minuti
Organico

Violino I e II, Viola e Violoncello

Movimenti

I Adagio con moto
II Con moto
III Con moto: Vivace - Andante
IV Con moto: Adagio

Il Quartetto n. 1 di Leoš Janáček, detto Sonata a Kreutzer, fu composto in un breve lasso di tempo nell'autunno del 1923 e deve la sua ispirazione al romanzo Sonata a Kreutzer di Lev Tolstoj. Janáček aveva già composto fra il 1908 ed il 1909 un Trio per pianoforte ed archi in tre movimenti, andato perduto, anch'esso ispirato al romanzo di Tolstoj.

La prima esecuzione del quartetto, affidata al Quartetto Ceco[1], fu il 17 ottobre 1924 al Mozarteum di Praga, durante un concerto della Società per la Musica Contemporanea (Spolek pro moderní hudbu). Il quartetto si presenta in quattro movimenti, tuttavia rinuncia alla forma classica ed ogni movimento propone in maniera quasi ossessiva numerosi piccoli frammenti di carattere contrastante.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Quartetto Panocha (Supraphon SU 3906-2)
  • Quartetto Pavel Haas (Supraphon SU 3922-2)
  • Quartetto Janáček (Supraphon Archiv SU 3460-2)
  • Quartetto Martinů (ArcoDiva UP 0036-2131)
  • Quartetto Škampa (Supraphon SU 3486-2131)
  • Quartetto Smetana (BBC 93615)
  • Quartetto Pražák (Praga PRD 250108) (1997)
  • Quartetto Melos (Harmonia Mundi HMG 501380))
  • Quartetto Vlach (Naxos 8.553895)[2]
  • Quartetto Alban Berg (EMI 2-08121-2)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ detto in italiano anche Quartetto Boemo
  2. ^ registrato fra il 12 ed il 13 novembre 1995

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Ateş Orga, Note per l'edizione discografica Naxos, 1997

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]