Quarta malattia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Quarta malattia
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 057.8
ICD-10 (EN) B09
Sinonimi
Scarlattinetta
Eponimi
Malattia di Dukes

La quarta malattia, definita anche scarlattinetta, è una malattia esantematica tipica dell'età pediatrica.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Dal nome del suo scopritore, che ne descrisse le caratteristiche per la prima volta nel 1900, sulla rivista Lancet, è definita anche morbo di Clement Dukes (il primo quadro clinico fu però descritto da Nil Filatov).

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Attualmente si ritiene che non sia in realtà una malattia a sé stante, ma piuttosto una variante "debole" di altre malattie esantematiche, come la scarlattina, la rosolia, il morbillo o altre infezioni virali, che compare prevalentemente nel periodo primaverile ed estivo. Secondo i più recenti studi, in realtà, si tratterebbe di una malattia di origine batterica e non virale, provocata dallo streptococco beta-emolitico di gruppo A. Questo spiega la maggiore diffusione negli asili, dove la maggiore promiscuità favorisce inevitabilmente la trasmissione dell'infezione.

Presentazione clinica[modifica | modifica sorgente]

La sintomatologia vede dapprima comparire cefalea, inappetenza, sonnolenza; può verificarsi un lieve rialzo febbrile, nonché l'arrossamento della faringe e l'ingrossamento dei linfonodi latero-cervicali. Segue poi l'esantema vero e proprio, diffuso soprattutto a livello inguinale e dei glutei, con piccoli puntini ravvicinati di colore rosa, che scompaiono dopo 4-5 giorni; la scomparsa dell'esantema può essere seguito da una lieve desquamazione cutanea. In ogni caso in molte forme i sintomi possono essere piuttosto modesti e quasi inavvertiti.

Prognosi[modifica | modifica sorgente]

La prognosi della malattia è sempre buona; le uniche complicanze rilevanti possono riguardare la funzionalità renale, per cui può essere consigliato, a decorso avvenuto, un esame delle urine. Nelle forme più rilevanti si consiglia terapia antibiotica protratta per una decina di giorni.

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina