Quadrato di Atene (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Quadrato di Atene (in greco Κοδράτος; Atene, ... – 125) è stato uno scrittore greco antico.

Opere[modifica | modifica sorgente]

A causa dell'omonimia e della cronologia molto simile, è stato a lungo identificato con il vescovo omonimo: in realtà pare si tratti di un altro Quadrato[1], sicuramente non vescovo. Quadrato, quando l'imperatore Adriano si recò ad Atene per essere iniziato ai Misteri eleusini,[2] gli avrebbe consegnato un'apologia del Cristianesimo, nella quale affermava di aver visto molte persone che erano state guarite da Gesù mentre predicava in Giudea e persino alcune che erano state risuscitate dai morti. In un frammento dell'apologia, Quadrato afferma che i miracoli del Salvatore erano veri, non illusioni, e i loro effetti durarono anche dopo il suo abbandono della Terra. [3] Secondo alcuni studiosi, potrebbe trattarsi di un riferimento ai miracoli illusori attribuiti ad altri «Salvatori», come Adriano, che era chiamato appunto Soter.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Simonetti, Prinzivalli, Storia della Letteratura cristiana antica, EDB 2010, p.85
  2. ^ Nel 125 o nel 129 ( McQueen Grant, op. cit.).
  3. ^ a b McQueen Grant, op. cit..

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Peter Kirby, Fragments of Quadratus of Athens in Early Christian Writings, 2 febbraio 2006. URL consultato il 9 febbraio 2011.
  • (EN) Robert McQueen Grant, Second-century Christianity: a collection of fragments, Westminster John Knox Press, 2003, p. 43. ISBN 978-0-664-22638-1.
  • M. Simonetti, E. Prinzivalli Storia della Letteratura cristiana antica, EDB 2010.