Queens Park Rangers Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da QPR)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la squadra di calcio scozzese, vedi Queen's Park Football Club.
Queens Park Rangers FC
Calcio Football pictogram.svg
QPR Logo.png
The Hoops, The R's, Super Hoops, The Rangers, QPR
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Blu e Bianco (Strisce Orizzontali).png bianco-blu
Dati societari
Città Londra (Hammersmith e Fulham)
Paese Inghilterra Inghilterra
Confederazione UEFA
Federazione Flag of England.svg FA
Campionato Premier League
Fondazione 1882
Presidente Malesia Tony Fernandes
Allenatore Inghilterra Harry Redknapp
Stadio Loftus Road
(18.200 posti)
Sito web www.qpr.co.uk
Palmarès
Carling.png
Coppe di Lega inglesi 1
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Queens Park Rangers Football Club, comunemente noto come Queens Park Rangers o più semplicemente come QPR, è una società calcistica inglese con sede nella città di Londra, attualmente militante in Premier League. Il club ha sede a Loftus Road, nel borough londinese di Hammersmith and Fulham. Le rivalità più sentite sono quelle con il Chelsea e con il Fulham, che provengono entrambe dallo stesso quartiere degli Hoops.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (1882-1940)[modifica | modifica wikitesto]

Non si conosce con precisione la data della fondazione della squadra. Lo stemma recita un chiaro 1882, ma è più facile ipotizzare che il team sia nato nel 1885 o nel 1886, a seguito della fusione tra St. Jude e Christchurch Rangers. Il reverendo Gordon Young, della chiesa di St. Jude, è accreditato del maggior merito di questa fusione, assieme a Jack McDonald che, dalla sua casa di West London, reclutò i ragazzi della locale Droop Street Board School.

Grandi meriti vengono anche attribuiti a George Wodehouse, la cui famiglia mantenne a lungo un rapporto di stretta collaborazione con il neonato club. Il nome di Queens Park Rangers venne adottato dal 1887, in quanto la maggior parte dei giocatori proveniva dal quartiere londinese noto come Queen's Park. Nel 1899 la squadra passò al professionismo, iscrivendosi alla Southern League. Nel 1908, pur vincendo la Southern League, non venne accettata nella Football League. Al suo posto venne preferito il Tottenham, giunto ottavo in Southern. Nel 1920 la squadra fu tra i membri fondatori Third Division of the Football League, divenuta poi Third Division South a seguito della nascita della corrispettiva div III del nord, formata dai club settentrionali, mentre nel 1926 adottò gli attuali colori sociali, bianco e blu.

La consacrazione (1940-1968)[modifica | modifica wikitesto]

Nel campionato 1947-48 gli Hoops vinsero per la prima volta la Third Divison South, ma dopo soli due campionati in seconda divisione retrocessero nuovamente in Third Division dove rimasero fino al 1966. Nonostante la categoria di appartenenza la squadra si impose all'attenzione dell'Inghilterra vincendo la Coppa di Lega, battendo in rimonta il più quotato West Bromwich nella finale unica di Wembley. Tale trofeo, prima vittoria di una coppa nazionale per una squadra di Third Division, è ancora oggi l'unico trofeo nazionale vinto dalla squadra. In quello stesso anno la squadra otterrà la promozione in Second Division mentre l'anno successivo coglierà la prima promozione in First Division.

L'epoca dei mavericks (1968-1979)[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione in massima serie del Queens Park Rangers fu tutt'altro che positiva: la squadra retrocesse ottenendo il record negativo dei punti totalizzati (18), rimasto "imbattuto" fino alla stagione 1984-85, quando lo Stoke City totalizzerà diciassette punti. La squadra tornerà in First Division al termine della stagione 1972-73 (che vedrà l'acquisto di Stan Bowles, futuro punto di cardine della squadra, in sostituzione di Rodney Marsh passato al Manchester City), classificandosi secondi alle spalle del Burnley. Nella stagione 1973-74, che vedrà i giocatori Phil Parkers e Stan Bowles convocati per la prima volta in nazionale, i Mavericks concluderanno all'ottavo posto, prendendosi la soddisfazione di battere l'allora pericolante Manchester United per 3-0 a Londra nell'ultimo incontro ufficiale di George Best con la maglia dei Red Devils (1º gennaio 1974) e realizzando il record di affluenza al Loftus Road nella partita contro il Leeds United del 27 aprile 1974 con 35 353 paganti.

Il campionato 1975-76 (durante la quale Gerry Francis venne nominato capitano della nazionale inglese e furono convocati anche Dave Clement e Don Masson) sarà invece la miglior stagione mai disputata dal Queens Park Rangers: grazie agli schemi di Dave Sexton che si rifanno all'allora in voga calcio totale, i Mavericks lotteranno fino all'ultima giornata per il titolo, perdendolo in favore del Liverpool, che riuscì in tredici minuti a segnare tre goal al Wolverhampton inizialmente passato in vantaggio. Il raggiungimento del secondo posto, miglior piazzamento della storia dei Rangers, permise alla squadra di qualificarsi per la prima volta ad una competizione europea, la Coppa UEFA, dove saranno eliminati ai quarti di finale dall'AEK Atene. Stan Bowles risulterà alla fine della stagione capocannoniere della manifestazione. L'epoca d'oro del Queens Park Rangers si concluse con la retrocessione nella stagione 1978-79.

Gli anni ottanta e novanta (1979-1997)[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima stagione dopo la retrocessione, che vide l'addio di Stan Bowles, la squadra mancherà la promozione per una posizione. Nella stagione 1982-83 la squadra riuscì a risalire abbastanza agevolmente (concluderà il campionato con dieci punti di vantaggio sul Wolverhampton classificatosi secondo) in prima divisione, dove resterà fino al 1996, con piazzamenti attorno al decimo posto. Per la stagione 1986-87, il presidente Jim Gregory, fautore dell'ascesa della squadra dalla terza alla prima divisione, cedette la squadra a Marler Eastes, non prima di aver ingaggiato il portiere David Seaman e l'attaccante Les Ferdinand.

La presidenza Marler durò tuttavia poco tempo: il suo progetto di fondere il club con lo storico rivale Fulham provocò una sollevazione da parte dei tifosi che costrinse il presidente a dimettersi e a cedere la squadra a David Bulstrode, che nel 1989 passerà la mano a Kenny Sanson e David Bardsley. Come prima azione di mercato i due presidenti cederanno David Seaman all'Arsenal per un milione di sterline, ingaggiando in sua sostituzione il portiere della nazionale cecoslovacca Jan Stejskal. Membro fondatore della FA Premier League, il Queen's Park Rangers incominciò, a partire dalla stagione 1994-95, ad accusare problemi finanziari: alle molte cessioni, tra cui quella di Les Ferdinand al Newcastle, non corrisposero adeguati ingaggi e così, nella stagione seguente, la squadra retrocesse e Richard Thompson, proprietario della squadra, cedette a Chris Wright, proprietario della Chrysalis.

Wright dette avvio ad una serie di operazioni finanziarie che dettero la possibilità ai tifosi di divenire azionisti. Alla fine della stagione Danni Dichio lasciò il club divenendo il primo giocatore della squadra ad avvalersi della legge Bosman (approdò alla Sampdoria), mentre nel frattempo la crisi economica si aggravò a causa di un crollo del titolo della azioni dovuto alle speculazioni borsistiche sulle notizie riguardanti il flop della pay-per-view.

La crisi economica (1997-2007)[modifica | modifica wikitesto]

La crisi economica della squadra si aggravò di anno in anno fino a toccare il proprio culmine nel 2001: dopo un buon inizio di campionato la squadra scivolò nelle parti basse della classifica suscitando il malcontento dei tifosi che, in seguito ad una sconfitta per 2-0 nel derby contro il Fulham, contestarono pesantemente Wright che, il 2 aprile 2001, mise la società in amministrazione controllata. A febbraio, dopo una sconfitta esterna per 5-0 contro il Preston North End, si dimise anche l'allenatore Gerry Francis in sostituzione di Ian Holloway che non riuscì ad evitare la retrocessione in Division Two.

Dopo un tentativo di fusione con il Wimbledon, anch'esso in crisi economica, la squadra fu rilevata da Nick Blackburn e riuscì a concludere il campionato nelle parti alte della classifica nonostante fossero stati svincolati sedici giocatori. Il Queens Park Rangers tornò infine in First Division alla fine della stagione 2003-04, grazie ad un secondo posto finale. Per la stagione successiva, che vide la First Division ribattezzata Football League Championship, la presidenza fu rilevata dall'italiano Gianni Paladini, il cui obiettivo di portare la squadra in massima divisione si scontrò con la mancanza di soci con la possibilità di ingenti investimenti. Al termine della stagione la squadra si salvò senza problemi, ma il malcontento dei tifosi crebbe, tanto che Paladini subì un attentato il 13 agosto 2005. La proprietà passò poco dopo ad Antonio Caliendo che entrò nella società nelle vesti di azionista di maggioranza, lasciando Paladini alla presidenza.

L'era Ecclestone-Briatore (2007-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stagione 2007-08 la squadra fu rilevata da Flavio Briatore, all'epoca manager della scuderia automobilistica della Renault F1 e da Bernie Ecclestone patron della Formula 1, seguiti successivamente dal miliardario indiano Lakshmi Mittal, che promisero subito gli investimenti necessari per riportare la squadra in massima divisione. Intanto la squadra, che aveva cominciato male il campionato, affidata a Luigi De Canio, si salvò con largo anticipo sulla fine del campionato, grazie anche agli acquisti effettuati durante il mercato invernale. A sostituire Luigi De Canio viene chiamato Iain Dowie[1] ma la sua avventura alla guida della squadra dura solo da maggio ad ottobre, poi arriva l'esonero[2]. Dopo il licenziamento di Iain Dowie, la panchina è stata affidata temporaneamente al "caretaker manager" Gareth Ainsworth per poi essere assegnata a Paulo Sousa[3]. Ma anche l'avventura dell'allenatore portoghese non è fortunata e solo dopo cinque mesi, il 9 aprile, anche Sousa viene esonerato e la squadra viene nuovamente affidata a Gareth Ainsworth fino al termine della stagione[4]. Il 3 giugno la società annuncia il nome del nuovo allenatore: Jim Magilton[5]. Dopo un inizio di stagione altalentante che ha sempre comunque visto i QPR nella parte alta della classifica, il 9 dicembre il club annuncia la sospensione con conseguente indagine interna[6] di Magilton sospettato di aver colpito con una testata il centrocampista ungherese Akos Buzsaky negli spogliatoi del Vicarage Road Stadium di Watford al termine della partita tra i locali ed il QPR[7]. La situazione si risolve tra il 16 dicembre, giorno in cui viene comunicato ufficialmente la separazione consensuale tra il club e Jim Magilton[8] ed il 17 dicembre, giorno in cui viene annunciato il nome del nuovo allenatore: Paul Hart[9], anche se Hart rimane sulla panchina di Loftus Road solo 28 giorni. Le sue dimissioni arrivano infatti il 15 gennaio 2010[10]. Al suo posto viene temporaneamente nominato il suo vice: Mick Harford, già primo 'allenatore traghettatore' dell'era Briatore, nell'ottobre 2007. L'ennesimo cambio di allenatore, unito ad un crollo verticale dei risultati della squadra e ad una sempre maggiore contestazione dei tifosi, porta Flavio Briatore a rassegnare le dimissioni dal ruolo di presidente della società[11]. Contemporaneamente a quell'annuncio, viene anche detto che la famiglia di Lakshmi Mittal aumenta la propria partecipazione nel pacchetto azionario del club, anche se Flavio Briatore e Bernie Ecclestone ne rimangono azionisti, e che come nuovo presidente della QPR Holding Ltd. viene nominato l'indiano Ishan Saksena, mentre l'italiano Gianni Paladini riassume il ruolo di Presidente dei QPR FC. Il primo atto della nuova dirigenza è quello di ingaggiare, quale nuovo allenatore, Neil Warnock, proveniente dal Crystal Palace[12]. Il QPR guidato da Warnock conclude il campionato al 13º posto[13], ottenendo la salvezza ben prima della fine del torneo.

Il ritorno in Premier League (2010-2011)[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2010-2011 inizia benissimo per la formazione allenata da Warnock. La squadra, trascinata da un ottimo Adel Taarabt inanella ben 19 risultati utili consecutivi, a cavallo tra agosto e dicembre, prima di cadere sconfitta dal Watford[14]. Questo inizio di stagione, oltre a far cadere il record storico di risultati utili consecutivi del Club che resisteva dal 1947/48[15], permette ai QPR di conquistare la vetta della classifica da cui non scenderanno più praticamente per tutto l'arco del campionato (44 giornate su 46). Il Campionato si conclude così con la vittoria finale dei QPR con 88 punti, frutto di 24 vittorie, 6 sconfitte e 16 pareggi, +39 di differenza reti, 25 "clean sheet" (partite senza subire reti), 71 gol fatti e solo 32 subiti (migliore difesa del campionato)[16]. La vittoria finale del campionato 2010-2011, matematicamente ottenuta con una giornata di anticipo, viene però confermata dalla Football Association solo ad un'ora dall'inizio dell'ultima partita, al termine di una lunga indagine a cui la FA ha sottoposto i QPR ed i suoi dirigenti in merito a presunti illeciti amministrativi nell'acquisto del giocatore argentino Alejandro Faurlín nel 2009. Dopo varie speculazioni di stampa[17], che ipotizzavano pesanti penalizzazioni in classifica (anche di 15 punti), l'indagine si è conclusa con una multa di 875 000 sterline e nessuna penalizzazione[18]. Dopo 15 anni di assenza, i Queens Park Rangers tornano in Premier League.

L'era Fernandes (2011- )[modifica | modifica wikitesto]

I QPR approdano in Premier League con il pacchetto di maggioranza ancora saldamente in mano a Bernie Ecclestone (con il 65%) e del suo socio Flavio Briatore (1%), mentre il pacchetto di minoranza è ancora in mano del magnate indiano Lakshmi Mittal. Fin dall'inizio del pre-campionato, però, si inseguono voci in merito alla possibile cessione delle quote di maggioranza ad un nuovo proprietario. Lakshmi Mittal chiede di rilevare l'intero pacchetto di azioni, ma le trattative si arenano di fronte alla richiesta di Ecclestone: 100 milioni di sterline[19]. A questo punto però entra in scena il magnate malaysiano Tony Fernandes che il 18 agosto 2011 dopo una breve trattativa rileva l'intero pacchetto di azioni della coppia Ecclestone/Briatore divenendo così l'azionista di maggioranza del Club[20]. Contestualmente Fernandes, già azionista di riferimento della compagnia aerea AirAsia, della casa automobilistica Caterham e del Team Lotus di Formula 1, assume la carica di Presidente della Queens Park Rangers Holding Ltd. ed Amit Bathia, genero di Lakshmi Mittal riassume la carica di Vice Presidente, lasciata in precedenza a causa di attriti con i precedenti proprietari. Dopo un inizio di stagione promettente, i QPR scivolano fino al limite della zona retrocessione ed il 10 gennaio 2012 l'allenatore Neil Warnock viene sostituito dal gallese Mark Hughes[21]. La squadra riesce a salvarsi proprio all'ultima giornata pur perdendo 3-2 sul campo del Manchester City per il contemporaneo pareggio del Bolton con lo Stoke City. A lungo in vantaggio tra la disperazione dei tifosi di casa (al City serve una vittoria per conquistare il titolo atteso da 44 anni) il QPR soccombe, non senza polemiche, subendo due reti al 92' e al 94'. La stagione 2012-2013, nonostante fosse partita con grandi ambizioni ed una buona campagna acquisti, si è rivelata essere altamente negativa, con la squadra costantemente bloccata sul fondo della classifica per la durata di tutto il campionato e retrocessa già alla terzultima giornata, dopo un pareggio per 0-0 sul campo del Reading, anch'esso matematicamente condannato alla serie cadetta.

Nella stagione successiva la squadra di Harry Redknapp si piazza al quarto posto in Championship, qualificandosi quindi per i play-off. In semifinale gli Hoops hanno eliminato il Wigan (0-0 all'andata e 2-1 al ritorno), raggiungendo la finale contro il Derby County. Qui il QPR si è imposto per 1-0 grazie ad un gol di Bobby Zamora nel recupero, tornando così in Premier League dopo un solo anno.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Queens Park Rangers
  • 1882 - Nasce il Queens Park Rangers
  • 1899-1900 - 8° in Southern League Division One.

  • 1900-1901 - 8° in Southern League Division One.
  • 1901-1902 - 12° in Southern League Division One.
  • 1902-1903 - 5° in Southern League Division One.
  • 1903-1904 - 5° in Southern League Division One.
  • 1904-1905 - 7° in Southern League Division One.
  • 1905-1906 - 13° in Southern League Division One.
  • 1906-1907 - 18° in Southern League Division One.
  • 1907-1908 - 1° in Southern League Division One.
  • 1908-1909 - 15° in Southern League Division One.
  • 1909-1910 - 3° in Southern League Division One.

  • 1910-1911 - 6° in Southern League Division One.
  • 1911-1912 - 1° in Southern League Division One.
  • 1912-1913 - 4° in Southern League Division One.
  • 1913-1914 - 8° in Southern League Division One.
  • 1914-1915 - 12° in Southern League Division One.
  • 1915–1919 - Sospensione attività sportive per cause belliche.
  • 1919-1920 - 6° in Southern League Division One.




Carling.png Vince la League Cup (1º titolo).





Società[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 19 agosto 2011.[22]
Ruolo Nome Nazionalità Italia Italia
Vice Presidente QPR Holding Ltd. Amit Bhatia India India
Consulente di mercato Gianni Di Marzio Italia Italia
Direttore Stadio John MacDonald Inghilterra Inghilterra
Direttore Finanziario Rebecca Caplehorn Inghilterra Inghilterra

[23].

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Nome Naz Da Al G W D L Vinte %
James Cowan Scozia agosto 1907 maggio 1913
James Howie Scozia agosto 1913 aprile 1920
Ned Liddell Inghilterra aprile 1920 maggio 1925 177 71 42 64 40,1
Robert Hewison Inghilterra agosto 1925 maggio 1931 219 80 53 86 36,5
Archie Mitchell Inghilterra novembre 1931 maggio 1933 79 32 18 29 40,5
Mick O'Brien Irlanda maggio 1933 aprile 1935 84 40 16 28 47,6
Billy Birrell Scozia aprile 1935 maggio 1939 184 85 42 57 46,2
Ted Vizard Galles maggio 1939 aprile 1944
Dave Mangnall Inghilterra aprile 1944 maggio 1952 280 112 74 94 40,0
Jack Taylor Inghilterra giugno 1952 maggio 1959 341 118 89 134 34,6
Alec Stock Inghilterra agosto 1959 giugno 1968 439 206 104 129 46,9
Bill Dodgin Inghilterra giugno 1968 novembre 1968 16 2 5 9 12,5
Tommy Docherty Scozia novembre 1968 novembre 1968 4 1 0 3 25,0
Les Allen Inghilterra dicembre 1969 gennaio 1970 4 2 1 1 50,0
Gordon Jago Inghilterra gennaio 1971 ottobre 1974 161 71 55 35 44,1
Dave Sexton Inghilterra ottobre 1974 luglio 1977 130 57 32 41 43,8
Frank Sibley Inghilterra luglio 1977 luglio 1978 45 9 17 19 20,0
Steve Burtenshaw Inghilterra luglio 1978 maggio 1979 41 6 13 22 14,6
Tommy Docherty Scozia maggio 1979 ottobre 1980 51 20 16 15 39,2
Terry Venables Inghilterra ottobre 1980 maggio 1984 166 84 33 49 50,6
Alan Mullery Inghilterra giugno 1984 dicembre 1984 26 11 8 7 42,3
Frank Sibley (traghettatore) Inghilterra dicembre 1984 giugno 1985 28 8 6 14 28,6
Jim Smith Inghilterra giugno 1985 dicembre 1988 167 67 38 62 40,1
Trevor Francis Inghilterra dicembre 1988 novembre 1989 93 31 30 32 33,3
Don Howe Inghilterra novembre 1989 maggio 1991 75 27 21 27 36,0
Gerry Francis Inghilterra maggio 1991 novembre 1994 158 59 47 52 37,3
Ray Wilkins Inghilterra novembre 1994 settembre 1996 80 31 13 36 38,8
Stewart Houston Scozia settembre 1996 novembre 1997 63 25 15 23 39,7
John Hollins (traghettatore) Inghilterra novembre 1997 dicembre 1997 4 1 2 1 25,0
Ray Harford Inghilterra dicembre 1997 settembre 1998 41 5 18 18 12,2
Iain Dowie (traghettatore) Irlanda del Nord settembre 1998 ottobre 1998 2 1 0 1 50,0
Gerry Francis Inghilterra ottobre 1998 febbraio 2001 125 36 42 47 28,8
Ian Holloway Inghilterra febbraio 2001 febbraio 2006 252 100 71 81 39,7
Gary Waddock Irlanda febbraio 2006 settembre 2006 23 4 8 11 17,4
John Gregory Inghilterra settembre 2006 ottobre 2007 48 13 12 23 27,1
Mick Harford (traghettatore) Inghilterra ottobre 2007 ottobre 2007 5 2 2 1 40,0
Luigi De Canio Italia ottobre 2007 maggio 2008 35 12 11 12 34,3
Iain Dowie Irlanda del Nord maggio 2008 ottobre 2008 15 8 3 4 53,3
Gareth Ainsworth (traghettatore) Inghilterra ottobre 2008 novembre 2008 7 2 1 4 28,6
Paulo Sousa Portogallo novembre 2008 aprile 2009 20 5 10 5 25,0
Gareth Ainsworth (traghettatore) Inghilterra aprile 2009 giugno 2009 5 1 1 3 20,0
Jim Magilton Irlanda del Nord giugno 2009 dicembre 2009 19 9 6 4 47,4
Steve Gallen e Marc Bircham (traghettatori) Inghilterra e Canada dicembre 2009 dicembre 2009 1 0 1 0 0
Paul Hart Inghilterra dicembre 2009 gennaio 2010 5 1 2 2 20,0
Mick Harford (traghettatore) Inghilterra gennaio 2010 marzo 2010 7 1 1 6 14,3
Neil Warnock Inghilterra marzo 2010 gennaio 2012 81 33 26 22 40,7
Mark Hughes Galles gennaio 2012 novembre 2012 34 8 6 20 23.53
Harry Redknapp Inghilterra novembre 2012

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori del Queens Park Rangers F.C. e Numeri di maglia ritirati nel calcio.

La maglia numero 31 di Ray Jones è stata ritirata.[24]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1966-67
finalista: 1985-86
vice campioni: 1975-76
finalista: 1981-82
finalista: 1907-08, 1911-12
1982-83
2010-11
vice campioni: 1967-68, 1972-73
1947-48 (denominata Third Division South)
1966-67
  • Division Three South: 1
1946
1908, 1912
1906
  • West London Observer Cup: 2
1893, 1894
  • London Cup: 1
1895
  • Southern Charity Cup: 1
1913
2011
  • Wartime League South: 1
1940

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggiori presenze allo stadio: 35 353 contro il Leeds United 27/04/1974 Division 1
  • Miglior vittoria: 13-0 contro il Tavistock 18/07/2011 amichevole
  • Peggior sconfitta: 1-8 contro il Manchester United 19/03/1969 Division 1
  • Miglior vittoria in Coppa: 8-1 contro il Bristol Rovers 27/11/1937 Primo Turno di FA Cup
  • Giocatore più convocato in Nazionale: Alan McDonald 52 Irlanda del Nord
  • Maggior numero di presenze: Tony Ingham 548 1950–63
  • Giocatore più vecchio schierato: Ray Wilkins 39 anni 352 giorni.
  • Giocatore più giovane schierato: Frank Sibley 15 anni 275 giorni.
  • Miglior goleador in campionato: George Goddard, 37, Division 3 sud, 1929–30.
  • Miglior goleador stagionale: Rodney Marsh, 44 (30 Campionato, 3 FA Cup, 11 League Cup) 1966–67
  • Miglior goleador assoluto in campionato: George Goddard, 174, 1926–34.
  • Miglior goleador assoluto: George Goddard, 186, 1926 – 34
  • Miglior cessione: £6 000 000 dal Newcastle United per Les Ferdinand, giugno 1995.
  • Acquisto più oneroso: £9 000 000 al Real Madrid per Esteban Granero, agosto 2012.

Rosa 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numeri aggiornati al 21 agosto 2014.[25]

N. Ruolo Giocatore
1 Inghilterra P Robert Green
3 Senegal D Armand Traoré
4 Inghilterra D Steven Caulker
5 Inghilterra D Rio Ferdinand
6 Inghilterra D Clint Hill (capitano)
7 Scozia C Matt Phillips
8 Inghilterra C Joey Barton
9 Inghilterra A Charlie Austin
10 Paesi Bassi C Leroy Fer
11 Inghilterra C Shaun Wright-Phillips
12 Inghilterra P Alex McCarthy
13 Corea del Sud D Yun Suk-Young
14 Cile C Mauricio Isla
N. Ruolo Giocatore
15 Inghilterra D Nedum Onuoha
17 Inghilterra C Jordon Mutch
18 Argentina C Alejandro Faurlín
19 Croazia C Niko Kranjčar
20 Inghilterra C Karl Henry
21 Irlanda P Brian Murphy
22 Irlanda D Richard Dunne
23 Canada C David Hoilett
24 Cile A Eduardo Vargas
25 Inghilterra A Bobby Zamora
27 Marocco C Adel Taarabt
28 Germania D Max Ehmer
30 Brasile C Sandro

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 28 Agosto 2014.[26]
Ruolo Nome Nazionalità
Allenatore Harry Redknapp Inghilterra Inghilterra
Allenatore in 2ª Kevin Bond Inghilterra Inghilterra
Allenatore 1ª squadra Joe Jordan Inghilterra Inghilterra
Allenatore Riserve Ronnie Jepson Inghilterra Inghilterra
Allenatore portieri Kevin Hitchcock Inghilterra Inghilterra
Preparatore atletico Carl Serrant Inghilterra Inghilterra
Magazziniere Gary Doyle Inghilterra Inghilterra
Fisioterapista Nigel Cox Inghilterra Inghilterra
Assistente fisioterapista Sangi Patel Inghilterra Inghilterra
Allenatore Giovanili Steve Gallen Irlanda Irlanda
Assistente Giovanili Marc Bircham Canada Canada

[modifica | modifica wikitesto]

Note

  1. ^ (EN) QPR bring in Dowie as new coach, 15-05-2008.
  2. ^ (EN) QPR part company with boss Dowie, 24-10-2008.
  3. ^ (EN) EXCLUSIVE: R'S APPOINT SOUSA, 19-11-2008.
  4. ^ (EN) QPR Official Site CLUB STATEMENT, 09-04-2009.
  5. ^ (EN) EXCLUSIVE: MAGILTON APPOINTED, 03-06-2009.
  6. ^ (EN) Club statement, 09-12-2009.
  7. ^ Testata a un giocatore, Qpr sospende tecnico, 09-12-2009.
  8. ^ (EN) Club statement, 16-12-2009.
  9. ^ (EN) Hart and Harford arrive, 17-12-2009.
  10. ^ (EN) Club statement, 15-01-2010.
  11. ^ (EN) NEW CHAIRMAN ANNOUNCED, 19-02-2010.
  12. ^ (EN) Exclusive: Warnock confirmed, 01-03-2010.
  13. ^ (EN) 2009/10 Championship table, 02-05-2010.
  14. ^ (EN) QPR 1-3 Watford, 10-12-2010.
  15. ^ (EN) NEW CLUB RECORD!, 02-11-2010.
  16. ^ (EN) League Table, 07-05-2011.
  17. ^ (EN) Guilty!, 29-04-2010.
  18. ^ (EN) Club Statement, 09-05-2010.
  19. ^ QPR in vendita, 27-04-2011.
  20. ^ (EN) EXCLUSIVE: FERNANDES SEALS TAKEOVER, 18-08-2011.
  21. ^ (EN) EXCLUSIVE: HUGHES APPOINTED, 10-01-2012.
  22. ^ (EN) Staff Directory, 19-08-2011.
  23. ^ (EN) Team Loftus hit the track, 26-08-2011.
  24. ^ (EN) REMEMBERING RAY - NUMBER 31, 28-08-2007.
  25. ^ Player Profiles
  26. ^ (EN) Staff Directory, 01-07-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]