Pyramid (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pyramid
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua Inglese
Periodicità mensile
Genere rivista
Fondazione maggio 1993
Editore Steve Jackson Games
Redattore capo Steven Marsh (corrente)
Sito web http://pyramid.sjgames.com/
 

Pyramid è una rivista online mensile, distribuita in formato PDF e pubblicata dalla Steve Jackson Games, dedicata principalmente ai giochi di ruolo, ma che pubblica anche articoli dedicati a giochi da tavolo, giochi di carte, e altri tipi di giochi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo numero di Pyramid fu pubblicato nel maggio 1993 prendendo il posto di Roleplayer, una rivista dedicata al gioco di ruolo GURPS[1][2], con l'obbiettivo di essere una rivista dedicata in generale ai giochi di ruolo, pur con un'enfasi sui giochi prodotti dalla Steve Jackson Games[3], anche se di fatto la maggior parte degli articoli rimase dedicato a GURPS.[2] L'ultimo numero stampato a essere pubblicato fu il numero 30 di marzo/aprile 1998.[4][2]

Nel suo secondo ciclo di vita Pyramid fu pubblicata online come sito con accesso riservato agli abbonati, che veniva aggiornato con nuovi articoli con cadenza settimanale. La sottoscrizione dava accesso a tutto il materiale pubblicato fino a quel momento, a un forum e una chat dedicata e occasionalmente a materiale di playtest di prodotti in sviluppo della Steve Jackson Games e di altre compagnie. Pyramid fu pubblicata in questa forma per dieci anni e 538 numeri.[1] Per un breve tempo la Steve Jackson ha pubblicato anche un'altra rivista online, d20 Weekly usando un formato simile a quelle di Pyramid, comunque dopo pochi mesi questo venne chiuso e ricompreso in un Pyramid leggermente ingrandito.[5]

Nel 2008 cambiò ancora forma e divenne un mensile pubblicato in formato pdf acquistabile in download da e23, il negozio online della Steve Jackson Games. Il forum degli abbonati venne disattivato e l'accesso al materiale di playtest divenne dipendente dalla reale partecipazione ad esso.[6]

Pyramid pubblica articoli sul gioco di autori freelance, così come note di progetto degli autori della Steve Jackson, notizie sull'industria del gioco, fumetti e recensioni di giochi. Sebbene gli articoli tenando a concentrarsi sui prodotti della Steve Jackson, come GURPS ha pubblicato articoli su altri giochi come il d20 System, Talisman, Nobilis, Hero System e ha presentato diverse strisce a fumetti.

Curatori editoriali[modifica | modifica wikitesto]

  • Derek Pearcy: numeri stampati dall'1 al 2.
  • Jeff Koke: numeri stampati dal 3 al 4.
  • Scott Haring: numeri stampati dal 5 al 30. Edizione online marzo 1998 – febbraio 2000.
  • S. John Ross: edizione online 1998.
  • Steven Marsh: Edizione online febbraio 2000 - presente.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2001: Origins Award Best Professional Game Magazine of 2000[7]
  • 2004: Origins Award Gamer's Choice: Best Electronic Product of 2003[8]
  • 2005: Origins Award Best Non Fiction Publication of 2004[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Our Zines, Steve Jackson Games. URL consultato il 13 luglio 2012 (archiviato il 13 luglio 2012).
  2. ^ a b c Appelcline 2011, p. 110
  3. ^ (EN) Steve Jackson, Short Notes in Rolopelayer, Steve Jackson Games, 30 gennaio 1993. URL consultato il 16 agosto 2012 (archiviato il 16 agosto 2012).
  4. ^ (EN) Pyramid Goes Online!, rpg.net. URL consultato il 13 luglio 2012 (archiviato il 13 luglio 2012).
  5. ^ (EN) The End of D20 Weekly, Steve Jackson Games, 31 marzo 2003. URL consultato il 16 agosto 2012 (archiviato il 16 agosto 2012).
  6. ^ Appelcline 2011, p. 112
  7. ^ (EN) 2001 list of winners, Academy of Adventure Gaming Arts and Design. URL consultato il 6 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2009).
  8. ^ (EN) 2003 list of winners, Academy of Adventure Gaming Arts and Design. URL consultato il 6 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2009).
  9. ^ (EN) 2004 list of winners, Academy of Adventure Gaming Arts and Design. URL consultato il 6 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2009).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]