Pygopristis denticulata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pygopristis denticulata
Aquarium tropical du Palais de la Porte Dorée - Pygopristis denticulata.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Characiformes
Famiglia Characidae
Sottofamiglia Serrasalminae
Genere Pygopristis
Specie P. denticulata
Nomenclatura binomiale
Pygopristis denticulata
(Cuvier, 1819)
Sinonimi

Pygopristis denticulata, unica specie appartenente al genere Pygopristis, è un pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia Characidae e in particolare alla sottofamiglia Serrasalminae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nel bacino idrografico dell'Orinoco e in alcuni affluenti del Rio delle Amazzoni in Guyana.

Un esemplare giovanile

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La forma è tipica dei Piranha: il corpo è alto, molto compresso ai fianchi, con profili dorsale e ventrale molto convessi. Gli occhi sono grandi, la bocca estremamente robusta e provvista di una poderosa dentatura. I suoi denti presentano tre cuspidi e hanno una forma diversa dalle altre specie, rendendo P. denticulata facile da identificare (ciò è sottolineato anche nel nome scientifico).[1] La pinna caudale è alta, bilobata, quasi a mezzaluna. La pinna dorsale e l'anale sono alte, spesso appaiono sfrangiate. La pinna adiposa è piuttosto grande.
La livrea presenta un fondo azzurro argenteo, con squame iridescenti metallizzate e puntini blu. Su ventre e gola, più chiari, appaiono dei riflessi rossastri. Le pinne sono rossastre, la coda rossastra e bruna. Raggiunge una lunghezza di 20 cm.

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la sua pericolosità, è allevato da appassionati. Decisamente meno diffuso in commercio di Pygocentrus nattereri.

Pericoli per l'uomo[modifica | modifica wikitesto]

Il suo morso è molto potente: può causare gravi ferite.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barbie Freeman, Nico, Leo G.; Osentoski, Matthew; Jelks, Howard L.; Collins, Timothy M., Molecular systematics of Serrasalmidae: Deciphering the identities of piranha species and unraveling their evolutionary histories (PDF) in Zootaxa, vol. 1484, 2007, pp. 1–38.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci