Puy de Dôme (vulcano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Puy de Dôme
Puy de dôme depuis le puy de côme.jpg
Il Puy de Dôme visto dal Puy de Côme
Stato Francia Francia
Regione Alvernia Alvernia
Dipartimento Puy-de-Dôme Puy-de-Dôme
Altezza 1.464 m s.l.m.
Catena Massiccio Centrale
Coordinate 45°30′N 2°48′E / 45.5°N 2.8°E45.5; 2.8Coordinate: 45°30′N 2°48′E / 45.5°N 2.8°E45.5; 2.8
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Puy de Dôme

Il Puy de Dôme è un vulcano della Francia situato nella catena montuosa del Massiccio Centrale nell'omonimo dipartimento, la sua altezza è di 1.464 metri. È il cono vulcanico più giovane nella Chaîne des Puys, tuttavia l'eruzione più recente risale al VI millennio a.C.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Stazione meteo e torre di comunicazioni

Nell'Europa pre-cristiana il Puy de Dôme era sede di cerimonie religiose, si costruirono vari templi a suoi piedi, tra i quali uno dedicato a Mercurio le cui rovine furono portate alla luce nel 1873.
Nel 1648 Florin Périer per incarico di Blaise Pascal sperimentò la teoria di Evangelista Torricelli secondo cui le misure barometriche vengono influite dal peso dell'aria, si trattò di effettuare le misurazioni a tre quote differenti.
Nel 1875 si costruì una stazione meteorologica. Dal 1956 nello stesso luogo si trova anche un'antenna radiotelevisiva.


Sport[modifica | modifica sorgente]

Torre di comunicazioni e rovine del tempio di Mercurio

Tour de France[modifica | modifica sorgente]

A partire dalla seconda metà del XX secolo la montagna è stato teatro di diversi arrivi o transiti di tappe della corsa ciclistica del Tour de France. Nel 1952 primo arrivo e prima vittoria italiana con Fausto Coppi, nel 1964 memorabile duello tra Jacques Anquetil e Raymond Poulidor con prevalenza del primo, nel 1969 è Felice Gimondi a passare primo sulla vetta, nel 1975 Eddy Merckx rimase vittima di un'aggressione da parte di uno spettatore e nel 1988 ultimo arrivo con vittoria di Johnny Weltz. Da allora non è più transitato da qui per la difficoltà di far convivere il difficile tracciato col grande afflusso di pubblico.

Sport motoristici[modifica | modifica sorgente]

Nel 1958 un Autodromo fu ricavato dalle strade poste sulle sue pendici, il Circuito di Clermont-Ferrand, che per alcuni anni ha ospitato anche la Formula 1 sul finire negli anni sessanta. Utilizzato per altre competizioni nella versione originaria fino al 1988, la lunghezza venne poi ridotta mediante la realizzazione di una bretella che esclude gran parte della vecchia pista. Attualmente ospita una scuola di pilotaggio e gare minori.

Dal Puy de Dôme in una giornata tersa sia pur col cannocchiale è possibile vedere il lontanissimo Monte Bianco (si consiglia di ingrandire l'immagine).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]