Putipù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Putipù
Putipu.png
Informazioni generali
Origine Italia meridionale
Classificazione Membranofoni a frizione
Utilizzo
Musica tradizionale dell'Europa Meridionale

Il putipù è uno strumento musicale membranofono a frizione usato nella musica napoletana e, più in generale, nella musica popolare di gran parte del Sud Italia. Non si tratta di uno strumento a percussione, piuttosto di un tamburo a frizione.

Nomi alternativi[modifica | modifica sorgente]

Nomi alternativi sono: "Caccavella", "Spernacchiatore", "Puti-Puti", "Pignato", "Cute-Cute", "Cupello" (da non confondere con l'omonimo paese abruzzese), "Bufù" nel Basso Molise, "Pan-Bomba" (d'origine spagnola), "Cupa-Cupa" (specialmente in Puglia), "Cupi Cupi" in Basilicata (ad esempio a Lauria e nei paesi limitrofi).

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Lo strumento è composto da una membrana in pelle animale o in tela grossa, una canna (generalmente di bambù) e da una camera di risonanza (generalmente in legno o in latta). La canna che viene frizionata con un movimento verso il basso e la frizione produce il caratteristico suono dalla tonalità bassa.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]