Puntius johorensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Puntius johorensis
Puntius johorensis.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Cypriniformes
Famiglia Cyprinidae
Genere Puntius
Specie P. johorensis
Nomenclatura binomiale
Puntius johorensis
Duncker, 1904
Sinonimi

Barbus eugrammus, Barbus fasciatus

Nomi comuni

Barbo a righe

Puntius johorensis Duncker, 1904 è un pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia Cyprinidae, una volta classificato nel genere Barbus col nome Barbus eugrammus, spesso confuso con Puntius lineatus. Conosciuto comunemente come barbo a righe.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Asia, dalla penisola malese al Borneo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lunghezza: 12 cm.

Aspetto molto simile a Puntius lineatus dal quale si differenzia per la presenza di barbigli.

Dimorfismo sessuale: la femmina è più rigonfia.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Pacifico pesce che forma piccoli gruppi di nuoto solitamente composti da circa 5 esemplari.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Come molti altri barbi, inizialmente le coppie si isolano ed iniziano i giochi amorosi, dove l'acqua è un po' più tenera e leggermente acida e sul cui fondo siano presenti dei ciottoli. I ciottoli fungeranno poi da coperture "salva avannotti". Una volta fecondate le uova vengono collocate tra le piante soprattutto a foglie fini come Vesicularia, Fontinalis e Myriophyllum. Le uova deposte variano da 50 a 400 e si schiudono in 2-3 giorni. Gli avannotti, una volta assorbito il sacco vitellino (spesso anche prima), si nutrono volentieri di infusori. Dopo pochi giorni, cominciano a nuotare con disinvoltura ed inizieranno a nutrirsi da soli.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

È onnivoro.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Il Puntius johorensis può essere allevato e riprodotto in acquario.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dick Mills, Pesci d'acquario, Milano, Fabbri Editori, 1993.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Scheda su Fishbase [1];
  • Scheda su Fishprofiles.com [2];
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci