Punta Walker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Punta Walker
La Punta Walker vista da est.
La Punta Walker vista da est.
Stati Italia Italia
Francia Francia
Regione Valle d'Aosta Valle d'Aosta
Rodano-Alpi
Provincia Valle d'Aosta Valle d'Aosta
Alta Savoia
Altezza 4.208 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°52′07.7″N 6°59′16.9″E / 45.868805°N 6.988027°E45.868805; 6.988027Coordinate: 45°52′07.7″N 6°59′16.9″E / 45.868805°N 6.988027°E45.868805; 6.988027
Data prima ascensione 30 giugno 1868
Autore/i prima ascensione Horace Walker con Melchior Anderegg, Johann Jaun e Julien Grange
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Punta Walker
Punta Walker
Mappa di localizzazione: Alpi
Punta Walker
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Graie
Sottosezione Alpi del Monte Bianco
Supergruppo Massiccio del Monte Bianco
Gruppo Catena Rochefort-Grandes Jorasses-Leschaux
Sottogruppo Gruppo delle Grandes Jorasses
Codice I/B-7.V-B.4.b

La Punta Walker (4.208[1] m s.l.m.) è la vetta più alta del massiccio delle Grandes Jorasses nel massiccio del Monte Bianco. Si trova lungo la frontiera tra l'Italia e la Francia.

Prime ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Il massiccio delle Grandes Jorasses dal versante italiano. La Punta Walker è quella a destra.
Il versante nord (francese) delle Grandes Jorasses. La Punta Walker è la prima a sinistra. Si nota lo Sperone Walker

La montagna fu salita per la prima volta il 30 giugno 1868 da Horace Walker con Melchior Anderegg, Johann Jaun e Julien Grange.[2]

Il versante nord della montagna fu salito dal 4 al 6 agosto 1938 da tre alpinisti italiani: Riccardo Cassin, Luigi Esposito e Ugo Tizzoni. Essi seguirono il cosiddetto Sperone Walker.

Ascesa alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

Oggi si può salire sulla vetta partendo dal Rifugio Boccalatte lungo il versante italiano. La salita è di natura alpinistica e richiede una buona tecnica per la salita su roccia e su ghiacciaio.

Dal rifugio si risale lo sperone roccioso su cui è costruito il rifugio fino a raggiungere il ghiacciaio di Planpincieux. Salito il ghiacciaio si arriva ai Rocher du Reposoir; superati questi si attraversa il Couloir Whymper. Infine si sale la dorsale rocciosa che scende dalla punta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'altezza della montagna viene indicata talvolta in 4.208 oppure in 4.206 m. Cfr: la lista ufficiale UIAA dei Quattromila delle Alpi.
  2. ^ Chabod, Grivel, Saglio e Buscaini, p. 124

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]