Punizioni corporali in famiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La violenza corporale da parte dei genitori non è vietata in nessuno stato degli USA (legenda, vedi la descrizione dell'immagine successiva)

Per punizioni corporali in famiglia in genere si intendono azioni di punizione corporea comminata a un minore da un genitore o un tutore dentro le mura domestiche. Possono includere la sculacciata, lo scappellotto o schiaffi a mano aperta, ma ne sono talora inflitte con oggetti vari come cinture (belting), ciabatte (slippering), bastoni flessibili (caning) o paddle.

In molte culture ai genitori è deferito il compito di insegnare la disciplinare ai loro figli e di sculacciarli quando ritenuto più opportuno. Tuttavia l'atteggiamento è cambiato in molti paesi particolarmente nel corso del Novecento; negli Stati Uniti si nota in proposito la pubblicazione nel 1946 del saggio Baby and Child Care, del pediatra Benjamin Spock. Il professionista consigliava ai genitori di trattare i bambini come individui, mentre secondo la più diffusa prassi precedente, si pensava che l'educazione dei figli dovesse focalizzarsi sulla costruzione di una disciplina che potesse rafforzare il loro carattere. Ad esempio, i bambini, anche in tenera età, non dovevano essere raccolti e coccolati quando piangevano, poiché ciò poteva equivalere ad incoraggiarli a crescer viziati.

Il cambiamento di atteggiamento è stato seguito dalla legislazione: a partire dal 1979 e fino al 2010, 29 paesi in tutto il mondo hanno messo al bando le pene corporali date ai bambini in casa[1]. In Europa 22 paesi hanno vietato tale pratica; in altri invece non è vietata ma comunque considerata controversa. In Africa, Medio Oriente e in molte parti dell'Asia orientale (tra cui Cina, Taiwan, Giappone e Corea), le punizioni corporali date ai propri figli sono legali, pertanto del tutto lecite. A Singapore e Hong Kong punire corporalmente il figlio è legale, anche se non particolarmente incoraggiato come metodo educativo[2].

Paesi che hanno abolito le punizioni corporali ai bambini[modifica | modifica wikitesto]

Le punizioni corporali inflitte dai genitori sono vietate in 21 stati. Verde: Punizioni corporali vietate. Blu: Punizioni corporali vietate solo se inflitte da docenti o collaboratori scolastici. Rosso: Punizioni corporali non vietate.

Le punizioni corporali inflitte ai bambini da parte dei genitori sono illegali nei seguenti paesi[1]:

In Brasile si sta prendendo in considerazione l'introduzione di una legge che vieti le punizioni corporali[11].

Le sanzioni variano da paese a paese. In Svezia, ad esempio, le punizioni corporali non necessariamente portano ad una sanzione penale, a meno che non siano riconosciuti gli elementi dell'aggressione[9].

Esempi di paesi in cui le punizioni corporali in casa sono ancora perfettamente lecite[modifica | modifica wikitesto]

Australia[modifica | modifica wikitesto]

In ogni stato e territorio australiano la punizioni corporali dei bambini in ambito domestico sono legali[12][13] a condizione che siano "ragionevoli", ovvero che non pecchino di eccesso di zelo. I genitori che agiscono in questo campo in forma eccessiva e sproporzionata alla colpa possono essere accusati di aggressione[14][15].

In Tasmania si sta cercando di riveder le leggi statali in materia, per vietar l'uso di punizioni corporali da parte dei genitori all'interno dell'ambito domestico: la stessa questione è in esame anche in altri stati australiani. Ma un sondaggio del 2002 ha riferito però di come la maggioranza dell'opinione pubblica sia a favore del mantenimento del diritto dei genitori di prendere a schiaffi o sculacciare i propri figli, senza però utilizzare attrezzi[16]; anche se non vi siano a tutto il 2010 leggi contro l'uso di oggetti (paddle (spanking), belting, caning, strapping) per picchiare i figli. La pratica della punizione corporale è considerato pertanto un metodo lecito di correzione[17].

Canada[modifica | modifica wikitesto]

In Canada i genitori possono picchiare i propri figli, ma vi sono comunque diverse restrizioni. Nel 2004 la corte suprema del paese ha confermato in una sua decisione ufficiale l'uso "ragionevole" della forza per insegnar la disciplina ai bambini, respingendo così l'idea di chi sostiene che la sculacciata ed ogni altro tipo di punizioni corporali, anche se in forma moderata, violino i diritti universali del bambino (Dichiarazione dei diritti del fanciullo). Tuttavia è previsto che la persona che somministra la punizione debba essere un genitore o tutore legale, e in nessun caso è mai consentito ad un insegnante o ad altra persona estranea: anche a un parente diretto (nonni, zii etc) è proibito picchiare il bambino.

La forza dev'essere poi utilizzata in forma correttiva ed educativa, sobria e motivata, che indirizzi il comportamento del bambino ad un reale miglioramento: la punizione fisica deve esprimere perlopiù una disapprovazione simbolica per il comportamento errato del minore, pertanto sempre limitata e controllata. Il bambino deve in tal modo esser messo in grado di beneficiare della correzione, cioè comprenderne i motivi e le ragioni.

L'uso della forza non può mai poi superare la ragionevolezza data dalle circostanze, né provocare lesioni personali durature. L'uso di oggetti oltre alle mani nude è nocivo e illegale[18].

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

In tutto il Regno Unito le punizioni corporali in famiglia sono assolutamente legali ed ammesse, non devono però lasciare segni visibili duraturi sul corpo; in Scozia a partire dal 2003 è diventato illegale utilizzare strumenti diversi dalla mano aperta per picchiare i bambini. Ma è stata discussa anche la possibilità d'una sua totale abolizione[19].

In un sondaggio svolto nel 2004 risulta che il 71% degli intervistati era contrario alle punizioni corporali e sosterrebbe pertanto un divieto di prendere a schiaffi o sculacciare bambini e ragazzi adolescenti[20]. Questo anche se poi in un sondaggio successivo di due anni dopo lo stesso 70% ha detto di praticare in casa punizioni corporali contro i figli con l'ausilio di attrezzi (paddle (spanking), belting), credendo che un qualsiasi divieto potrebbe causare un netto peggioramento nel comportamento dei bambini[21].

Nel 2012 un ennesimo sondaggio popolare ha rivelato che il 63% dei britannici esprime la sua contrarietà ad un eventuale divieto per i genitori inglesi di poter picchiare i propri figli[22].

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante qualche sporadica opposizione all'uso di metodi di punizione corporale, la sculacciata è legale ovunque negli USA[23]. Divieti e limitazioni sono state proposte in Massachusetts[24] e California[25][26] contro ogni forma di violenza fisica correttiva nei confronti dei bambini, anche da parte dei genitori, ma in entrambi i casi sono state pesantemente sconfitte[27].

La legittimità delle punizioni corporali in famiglia negli Stati Uniti è in genere stabilita all'interno del diritto d'ogni stato con le eccezioni riguardanti la violenza in generale, lesioni aggravate, la violenza domestica e/o gli abusi sui minori: queste leggi solitamente stabiliscono che nessun crimine è stato commesso quando certe azioni punitive corporali vengono applicate ad un minore da uno dei genitori di quel bambino o dal suo tutore legale.

Tuttavia il linguaggio di tali pronunciamenti rimane spesso sul vago, e la linea di demarcazione tra la punizione corporale consentita in famiglia e ciò ch'è legalmente definito come abuso varia da stato a stato, oltre a non esser sempre chiara (le leggi permettono generalmente "l'uso ragionevole della forza" e "le punizioni corporali non eccessive".

Ad esempio di ciò, due differenti articoli della legislazione del Minnesota permettono a genitori e insegnanti di picchiare figli e studenti come forma disciplinare con la creazione di eccezioni esplicite inserite nello statuto a difesa dei minori riguardanti lo stato di abuso: viene cioè consentita la "ragionevole e moderata disciplina fisica"[28]; nel 2008 inoltre la suprema corte ha stabilito che prendere a sculacciate un bambino è del tutto legittimo e non può in alcun caso costituire un abuso[29]. La sentenza ha dichiarato che "picchiare un figlio come forma di educazione non può esser equiparato alla violenza fisica volontaria... chiaro è che il legislatore non ha intenzione di vietare le punizioni corporali": il caso riguardava un uomo che aveva colpito per ben 36 volte il figlio dodicenne con una paletta in acero (paddle (spanking)) e che è stato dichiarato innocente[30].

Vi posson esser poi conseguenze riguardo l'utilizzo delle punizioni corporali che operano al di fuori del vero e proprio sistema giudiziario; questo di solito assume la forma del regolamento del dipartimento della salute, compresa l'agenzia governativa Child Protective Services che opera su segnalazioni inviate da organi competenti ma anche da inchieste giornalistiche ad esempio. Pertanto certe lesioni visibili insieme con la testimonianza del bambino e la relazione d'uno psicologo può innescar un'inchiesta obbligatoria di abuso su minori alle agenzie preposte; tali organismi operano sulle definizioni di abuso sui minori stilate e fornite dal dipartimento sanitario dello stato (e che son spesso molto differenti dalle eccezioni previste dal codice penale) ed hanno facoltà e potere d'indagare sui casi specifici con propri agenti, come assistenti sociali[31].

Se l'agenzia determina che si sia effettivamente verificato un abuso, posson esser intraprese immediatamente certe azioni anche sena il coinvolgimento di polizia o tribunali: questi posson includer l'ammonizione del genitore e l'inserimento del suo nome nel database dell'agenzia o addirittura la rimozione immediata del bambino dalla casa dei genitori[32]. Se le punizioni corporali causano un pericolo immediato di morte, l'adulto riconosciuto responsabile del fatto può esser arrestato ed accusato di omicidio[33].

La razza, il sesso e la classe sociale sembrano essere un fattore significativo per il giudizio dato sopra le punizioni corporali all'interno della famiglia: gli afroamericani sono in genere mediamente più favorevoli all'uso della forza contro i figli rispetto a quanto lo siano i bianchi[34]. I ragazzi hanno più probabilità di essere sculacciati o frustati di quanto lo siano le ragazze[35] e le punizioni corporali inflitte ai figli maschi tendono ad essere più severe ed aggressive di quelle inflitte alle figlie femmine[36]; questo nonostante il fatto che alcune ricerche suggeriscano che le punizioni corporali siano più controproducenti per gli adolescenti maschi rispetto a quanto non lo siano per le femmine[37].

I genitori della classe media tendono a somministrare punizioni corporali in numero maggiore rispetto ai loro omologhi sopra di loro nella scala socioeconomica; i genitori delle classi sociali più indigenti e disagiate tendono infine a farlo con molta maggior frequenza rispetto agli altri: nelle famiglie nere i figli vengono frustati molto più spesso e severamente che in quelle bianche[38].

Sull'efficacia delle punizioni corporali in casa[modifica | modifica wikitesto]

I pareri sono divergenti riguardo alla considerazione se la sculacciata sia più utile o dannosa sul comportamento futuro del bambino. L'accettabilità e l'efficacia d'essa da parte della popolazione varia molto da luogo a luogo: ad esempio negli Stati Uniti e nel Regno Unito l'accettazione sociale nei confronti delle punizioni corporali sui bambini conserva una posizione di netta maggioranza (da un minimo del 60% fino ad un massimo dell'80% di favorevoli)[39][40]. In Svezia, prima del divieto del 1979, più della metà della popolazione considerava il castigo fisico una parte necessaria per la buona educazione dei figli; negli anni '90 la percentuale che riteneva questo fatto accettabile s'era più che dimezzata[41][42].

D'altra parte molti ricercatori scientifici ed organizzazioni a difesa dei più piccoli vi si oppongono strenuamente. Alcuni studfi hanno suggerito che in realtà non giova affatto al bambino essere picchiato dopo aver commesso un guaio, ed anzi può favorir lo sviluppo di situazioni problematiche quali aggressività e violenza contro i coetanei, ansia e problemi psicologici, abuso di sostanze (alcol e droga)[43][44].

Alcuni ricercatori si sono dimostrati critici o quantomeno scettici nei confronti di tali studi, considerandoli scientificamente infondati, sottolineandone i difetti metodologici nel modo in cui sono stati condotti, nonché le conclusioni tratte[45][46]. Tuttavia,uno studio comparato svolto dalla Tulane University nel 2010 ha concluso che l'essere picchiati produce effetti decisamente negativi sui bambini,[47] avendo molta più probabilità di diventar poi a loro volta adulti aggressivi e violenti nei confronti di donne e bambini.[48]

Differenti punti di vista ed opinioni dei genitori circa le punizioni corporali[modifica | modifica wikitesto]

La punizione corporale e la religione[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni dei sostenitori delle punizioni corporali e di coloro che le utilizzano lo fanno per ragioni ideologiche e/o religiose. L'eminente teologo cristiano Douglas Wilson si appella e mette in causa nientemeno che il testo sacro (Bibbia): "Chi risparmia il bastone odia suo figlio, ma chi lo ama si preoccupa della sua disciplina" (Libro dei Proverbi 13:24). Questo per sostenere che la punizione corporale inflitta ai figli è un assoluto dovere, del tutto legittimo anche e, a suo dire, "lo studio biblico è costituito da molto più che dalla semplice sculacciata"[49]. Lo stesso studioso sottolinea inoltre che il versetto 3:12 del libro dei proverbi "Il Signore corregge coloro che ama, così come un padre punisce i figli" è molto autorevole in quanto citato poi anche nel Nuovo Testamento, e più precisamente nella Lettera agli Ebrei[50].

Anche se alcuni cristiani sono soliti utilizzar il castigo fisico per motivi rigorosamente religiosi, la Commissione europea dei diritti dell'uomo ha respinto immediatamente il ricorso avviato da genitori svedesi nel 1982, i quali affermavano che il divieto di picchiare i figli era lesivo e violava il loro diritto e dovere rispetto alla vita familiare e alla loro libertà religiosa[51].

Il Commissario dei diritti umani del Consiglio d'Europa sostiene che: "l'opposizione anche molto forte a vietare le punizioni corporali si concentra in certi gruppi appartenenti a minoranze religiose, citando testi i quali a loro giudizio danno il diritto e persino il dovere di educare i loro figli attraverso la violenza fisica, picchiandoli e malmenandoli. Mentre la libertà di credo religioso dev'esser in ogni caso rispettata, tali vere o presunte credenze non posson in alcun modo giustificare le pratiche che violino i diritti degli altri, compresi i diritti inalienabili del bambino al rispetto della propria integrità fisica e dignità umana"[52].

Organizzazioni e studi che si oppongono alle punizioni corporali[modifica | modifica wikitesto]

Numerose organizzazioni che hanno come scopo la salute ed il benessere dei bambini, o semplicemente studi inerenti all'efficacia delle punizioni corporee sull'insegnamento delle disciplina e al loro effetto sulla psiche del bambino, si sono quasi sempre dichiarate contro, o parzialmente contro, le punizioni corporali; tra cui:

Organizzazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • L'UNESCO consiglia che le punizioni corporali vengano proibite in scuole, case e istituzioni come forma di disciplina. Inoltre dichiara che si tratta di una violazione dei diritti umani, controproducente, inefficace, pericolosa e dannosa per i bambini.
  • Save the Children si oppone a tutte le forme di punizioni corporali sui bambini.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Australian Psychological Society afferma che le punizioni corporali date ai bambini non solo siano dei metodi inefficaci per scoraggiare comportamenti indesiderati, ma li istighino. In più non riescono a far capire al bambino un comportamento alternativo desiderabile.
  • La Canadian Paediatric Society dopo una ricerca sulla sculacciata ha concluso che provochi esiti negativi. I medici la sconsigliano come metodo educativo.
  • Il Royal College of Paediatrics and Child Health si oppone all'utilizzo della sculacciata. Aggiunge anche che la punizione corporale è inaccettabile in ogni circostanza.
  • L'American Academy of Pediatrics ritiene che la punizione corporale possieda molti effetti negativi e limitatamente benefici. Raccomanda l'uso di altre forme di disciplina per la gestione della maleducazione/disobbedienza.
  • Nel 1996 la Consensus Conference AAP ha concluso che non si dovrebbero mai sculacciare bambini sotto i due anni di età; può essere efficace per bambini in età prescolare in combinazione con la correzione verbale. Non dovrebbe essere usata verso i bambini più grandi e gli adolescenti.
  • La National Association of Social Workers si oppone all'utilizzo di punizioni corporali nelle case, scuole e tutte le altre istituzioni dove si curino ed educhino i bambini.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Global Initiative to End All Corporal Punishment of Children (GITEACPOC).
  2. ^ Singapore's 2nd and 3rd periodic report to the United Nations Committee on the Rights of the Child (DOC), Ministry of Community Development, Youth and Sports, Singapore, gennaio 2009.
    «MCYS' brochures on child discipline, "Love our Children, Discipline, Not Abuse", clearly exclude spanking as an option and instead highlights other forms of discipline.».
  3. ^ Beinisch takes fight against graft, Jewish extremism to Supreme Court - Israel News | Haaretz Daily Newspaper
  4. ^ Robert Pede, Citizens Initiated Referendum 2009 - Final Result (Website) in Ministry of Justice, The Chief Electoral Officer, 25 agosto 2008. URL consultato il 25 agosto 2009.
  5. ^ "About corporal punishment", The Ombudsman for Children in Norway, 30 September 2008, retrieved on 8 August 2009
  6. ^ Tisdall, Jonathan, "Supreme Court upholds spanking ban", Aftenposten English web desk, Oslo, 30 November 2005.
  7. ^ (NO) Torbjørn Brandeggen, Forbudt å klapse barn - Barneloven endret i dag, TV2 Nyhetene, 9 aprile 2010. URL consultato il 17 agosto 2010.
  8. ^ http://www.sudantribune.com/IMG/pdf/The_Draft_Transitional_Constitution_of_the_ROSS2-2.pdf
  9. ^ a b Durrant, Joan E., The Swedish Ban on Corporal Punishment: Its History and Effects in Family Violence Against Children: A Challenge for Society, Prevention and Intervention in Childhood and Adolescence, Berlin, New York, Walter De Gruyter Inc., 1996, pp. 19–25, ISBN 3-11-014996-6.
  10. ^ Strauss, Valerie. "Tunisia bans spanking (even by parents)". The Washington Post, 23 July 2010.
  11. ^ Brazil Government Wants to Ban Corporal Punishment of Kids in Latin American Herald Tribune. URL consultato il 28 luglio 2010.
  12. ^ Australia State Report, GITEACPOC, February 2009.
  13. ^ See New South Wales Crimes Act (s61), Northern Territory Criminal Code Act (s27), Queensland Criminal Code Act 1899 (s280), South Australia Criminal Law Consolidation Act 1935 (s20), Tasmania Criminal Code Act 1924 (s50), Western Australia Criminal Code 1913 (s257) and under common law in Australian Capital Territory and Victoria.
  14. ^ Weatherup, Malcolm, "Teen beaten over letters", Townsville Bulletin, Queensland, 5 May 2004.
  15. ^ Tkaczuk Sikora, Natalie, "Courts warn parents", The Herald Sun, Melbourne, 17 November 2005.
  16. ^ Malpeli, Gareth, "Change smack law: group", The West Australian, Perth, 12 July 2002.
  17. ^ CRIMES ACT 1900 - SECT 61AA Defence of lawful correction
  18. ^ Canadian Press, "Top court upholds spanking law", Toronto Star, 31 January 2004.
  19. ^ Curtis, Polly, "Smacking law to be reviewed", The Guardian, London, 16 June 2007.
  20. ^ Press Association. "71% support parental smacking ban, survey finds", The Guardian, London, 19 May 2004.
  21. ^ Bennett, Rosemary, "Majority of parents admit to smacking children", The Times, London, 20 September 2006.
  22. ^ Canseco, Mario, "Britons Opposed to Banning Parents from Smacking Their Children", Angus Reid Public Opinion, London, 13 February 2012.
  23. ^ USA State Report, GITEACPOC.
  24. ^ "Should Spanking Your Child Be Illegal?", ABC News, 28 November 2007.
  25. ^ Zimmerman, Eileen. "Spanking mad", Salon.com, 5 February 2007.
  26. ^ Vogel, Nancy. "Proposal to ban spanking is revised", Los Angeles Times, 23 February 2007.
  27. ^ Sanders, Jim. "Spanking bill rejected", Sacramento Bee, California, 1 June 2007.
  28. ^ Minnesota Statutes 609.379.
  29. ^ Minnesota Statutes 626.556.
  30. ^ Olson, Rochelle. "Court gets behind spanking, to a degree", Star Tribune, Minneapolis-St Paul, 30 May 2008.
  31. ^ Code of Maryland Regulations - 07.02.07.10
  32. ^ Texas Department of Family and Protective Services -5250 Emergency Removal Without a Court Order
  33. ^ Begnaud, David (2010). DA: Parents Killed Daughter With 'Religious Whips'.
  34. ^ Deater-Deckard, Kirby; and Dodge, Kenneth A. "Externalizing Behavior Problems and Discipline Revisited: Nonlinear Effects and Variation by Culture, Context and Gender", Psychological Inquiry, Vol. 8, No. 3 (1997), pp. 161-175.
  35. ^ Day, Randal, "Predicting Spanking of Younger and Older Children by their Mothers and Fathers," Journal of Marriage and the Family 60 (February 1998): 79-94.
  36. ^ Straus, 1994; Kipnis, 1999; Kindlon and Thompson, 1999; Newberger, 1999; Hyman, 1997.
  37. ^ Straus M.A., Stewart J.H., Corporal punishment by American parents: national data on prevalence, chronicity, severity, and duration, in relation to child and family characteristics in Clin Child Fam Psychol Rev, vol. 2, nº 2, giugno 1999, pp. 55–70, DOI:10.1023/A:1021891529770, PMID 11225932.
  38. ^ Straus, M.A. and Donnelly, D.A. (1994). Beating the Devil Out of Them: Corporal Punishment in American Families. New York: Lexington Books. ISBN 0-02-931730-4
  39. ^ Jessica Reaves, Survey Gives Children Something to Cry About in Time (New York), 5 ottobre 2000.
  40. ^ Rosemary Bennett, Majority of parents admit to smacking children in The Times (London), 20 settembre 2006.
  41. ^ "Corporal Punishment"
  42. ^ Statistics Sweden. (1996). Spanking and other forms of physical punishment. Stockholm: Statistics Sweden.
  43. ^ MacMillan, H.L, Boyle, M.H, Wong, M.Y, Al, et, JE Fleming e CA Walsh, Slapping and spanking in childhood and its association with lifetime prevalence of psychiatric disorders in a general population sample in Canadian Medical Association Journal, vol. 161, nº 7, ottobre 1999, pp. 805–9, PMC 1230651, PMID 10530296.
  44. ^ Gershoff, Elizabeth T. "Report on Physical Punishment in the United States", Columbus, OH: Center for Effective Discipline.
  45. ^ Baumrind, Diana.; Cowan, P.; Larzelere, Robert. (2002). "Ordinary Physical Punishment: Is It Harmful?", Psychological Bulletin, American Psychological Association, Vol. 128, No. 4, 580–58. DOI: 10.1037/0033-2909.128.4.580
  46. ^ Larzelere, Robert E. Ph.D., Letter to the Canadian Senate, June 2005.
  47. ^ CA. Taylor, JA. Manganello, SJ. Lee e JC. Rice, Mothers' spanking of 3-year-old children and subsequent risk of children's aggressive behavior in Pediatrics, vol. 125, nº 5, maggio 2010, pp. e1057–65, DOI:10.1542/peds.2009-2678, PMID 20385647.
  48. ^ Park, Alice. "The Long-Term Effects of Spanking", Time, New York, 3 May 2010.
  49. ^ Douglas Wilson, Standing on the Promises: A Handbook of Biblical Childrearing (Moscow, Idaho: Canon Press, 1997), 39-40.
  50. ^ Douglas Wilson, Future Men (Moscow, Idaho: Canon Press, 2001), 27.
  51. ^ Seven Individuals v Sweden, European Commission of Human Rights, Admissibility Decision, 13 May 1982.
  52. ^ Children and corporal punishment: "The right not to be hit, also a children’s right", issue paper at the Council of Europe website.